I prezzi delle case nell’UE stanno aumentando al tasso più rapido dal 2007

[ad_1]

Sebbene la pandemia di coronavirus abbia causato perdite economiche storiche, guidate da bassi tassi di interesse e elevati risparmi delle famiglie, i prezzi delle case nell’UE sono aumentati al tasso più rapido in quasi 14 anni nei primi tre mesi di quest’anno.

I dati diffusi da Eurostat giovedì hanno mostrato che il tasso di crescita annuale dei prezzi delle case nell’intera zona euro nel primo trimestre è stato del 6,1%, superiore al 5,8% dei tre mesi precedenti, e il tasso di crescita più rapido dal terzo trimestre del 2007.

I prezzi delle case nell’Eurozona sono cresciuti del 5,8%, il più veloce dalla fine del 2006.

Negli ultimi mesi, i prezzi delle case nella maggior parte delle economie avanzate, tra cui Regno Unito e Stati Uniti, sono aumentati notevolmente, poiché le principali banche centrali hanno adottato misure di stimolo senza precedenti in risposta all’impatto economico della pandemia, che ha promosso un’ondata di liquidità sui mercati finanziari e Spinto verso l’alto i tassi di interesse dei mutui ai minimi storici.

Ricardo Amaro, economista dell’Oxford Economics Institute, ha affermato che il “forte slancio” dei prezzi delle abitazioni nell’UE potrebbe continuare fino al resto del 2021. Fattori importanti”. [the second quarter] inoltrare. “

Secondo dati separati della Banca Centrale Europea, nei primi cinque mesi di quest’anno il tasso medio dei mutui per l’intera zona euro è sceso sotto l’1,6%, il livello più basso mai registrato e inferiore al picco del 2008 del 5,7%. Ciò non solo significa che più persone possono permettersi mutui ipotecari, ma anche che è più economico acquistare che affittare una casa, il che porta ad un aumento del numero di acquirenti.

Nonostante il danno economico, la situazione finanziaria di molte famiglie è rimasta relativamente sana durante la pandemia, grazie alle misure di sostegno del governo per mantenere le persone al lavoro, e il calo della spesa dei consumatori durante il blocco ha aumentato il tasso di risparmio.

Poiché le persone cercano più spazio abitativo, l’aumento del lavoro da casa ha anche stimolato la domanda di alloggi e innescato un’ondata di traslochi.

La macroeconomista di Capital Investment Jessica Hinds ha affermato che l’aumento dei prezzi riflette “la politica monetaria molto espansiva della Banca centrale europea, il sostegno del governo all’occupazione ha ampiamente protetto l’occupazione e il reddito e la sospensione delle rate dei mutui”.

Tuttavia, ha aggiunto che questa tendenza non sembra una bolla immobiliare. Ha detto: “La valutazione non sembra essere aumentata bruscamente e gli investimenti residenziali non sembrano avere una bolla”.

Tra le principali economie dell’UE, la Germania ha registrato l’aumento dei prezzi più rapido con il 9,4%; paesi come Danimarca, Repubblica Ceca e Paesi Bassi hanno registrato aumenti di prezzo annuali a due cifre.

Al contrario, la crescita dei prezzi degli immobili in Spagna è rallentata allo 0,9%, che è inferiore al massimo decennale del 7% nel terzo trimestre del 2018.

Questi dati sono stati rilasciati poche ore prima che la Banca centrale europea pubblicasse i risultati della sua prima valutazione strategica in quasi due decenni, che dovrebbe discutere le conseguenze economiche dei costi abitativi in ​​una serie di altre questioni.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *