I prezzi delle importazioni dagli Stati Uniti sono aumentati costantemente a giugno Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: navi e container presi al porto di Long Beach a Long Beach, California, USA il 30 gennaio 2019.REUTERS/Mike Black/Foto d’archivio

I prezzi delle importazioni Washington (Reuters)-Stati Uniti sono aumentati costantemente a giugno a causa della persistenza di strozzature nella catena di approvvigionamento globale.Questo è l’ultimo segnale che l’inflazione potrebbe scendere in circostanze di riapertura economica e misure di stimolo fiscale che guidano una forte domanda interna. Rimani in alto per un periodo di tempo.

Tuttavia, i prezzi sembrano aver raggiunto il picco. Il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha dichiarato giovedì che i prezzi delle importazioni sono aumentati dell’1,0% il mese scorso dopo essere aumentati dell’1,4% a maggio. È aumentato per l’ottavo mese consecutivo, in crescita dell’11,2% su base annua, rispetto all’11,6% di maggio. Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto che il prezzo delle importazioni al netto dei dazi sarebbe aumentato dell’1,2%.

Il governo ha riferito questa settimana che gli aumenti dei prezzi al consumo a giugno sono stati i maggiori in 13 anni, mentre gli aumenti dei prezzi alla produzione hanno subito un’accelerazione.

Da quando la pandemia è iniziata negli Stati Uniti nel marzo 2020, la vaccinazione contro il COVID-19, i bassi tassi di interesse e quasi $ 6 trilioni di aiuti governativi stanno stimolando la domanda e mettendo a dura prova la catena di approvvigionamento. Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha dichiarato mercoledì ai legislatori che “l’inflazione è aumentata in modo significativo e potrebbe rimanere elevata nei prossimi mesi prima di rallentare”.

I prezzi del carburante importato sono aumentati del 4,7% il mese scorso dopo essere aumentati del 5,5% a maggio. I prezzi del petrolio sono aumentati del 4,6%, mentre i prezzi dei prodotti alimentari importati sono aumentati dell’1,9%. Escludendo carburante e generi alimentari, i prezzi all’importazione sono aumentati dello 0,6%. Questi cosiddetti prezzi di importazione core sono aumentati dell’1,1% a maggio.

Il rapporto ha anche mostrato che i prezzi all’esportazione sono aumentati dell’1,2% a giugno dopo essere aumentati del 2,2% a maggio. I prezzi all’esportazione dei prodotti agricoli sono aumentati dell’1,5%. I prezzi all’esportazione dei prodotti non agricoli sono aumentati dell’1,1%.

I prezzi all’esportazione sono aumentati del 16,8% su base annua a giugno dopo essere aumentati del 17,5% a maggio.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *