I regolatori britannici hanno affermato che l’accordo Nvidia-Arm ha causato “seri problemi di concorrenza”

[ad_1]

Aggiornamento NVIDIA

Il regolatore britannico della concorrenza ha raccomandato un’indagine approfondita sull’acquisizione da 54 miliardi di dollari di Nvidia del progettista di chip britannico Arm, affermando che la transazione conteneva “seri problemi di concorrenza”.

Venerdì l’Autorità per la concorrenza e i mercati (CMA) ha pubblicato i risultati di un sondaggio Rapporto Il governo ha affermato che l’operazione potrebbe “soffocare l’innovazione in più mercati”.

Il produttore di chip statunitense NVIDIA ha raggiunto un accordo con il gruppo di investimento giapponese SoftBank nel settembre dello scorso anno per acquisire Arm per 40 miliardi di dollari in azioni e contanti. Dopo che il prezzo delle azioni di Nvidia è aumentato, l’accordo ora vale 54,3 miliardi di dollari.

Ma questa transazione deve affrontare ostacoli normativi a livello globale e Nvidia lo ha recentemente ammesso. Non completerò la transazione Entro il suo periodo iniziale di 18 mesi.recentemente colloquio Il CEO di Nvidia Huang Renxun ha dichiarato in un’intervista al Financial Times di essere ancora “fiducioso” che sarà chiuso entro la fine del 2022.

La Gran Bretagna ha inoltrato l’accordo Sicurezza nazionale La censura e l’UE possono aprire guarda in profondità Persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato che la transazione sarà completata entro pochi giorni o settimane.NVIDIA è iniziata solo di recente Richiedi lo sdoganamento in Cina, il braccio esiste ancora Entra in una controversia Il responsabile della joint venture con Arm China.

La CMA ha dichiarato di aver ricevuto “un gran numero di osservazioni dettagliate e ragionevoli da clienti e concorrenti” che si lamentavano della transazione proposta.

Ha concluso che, poiché il design di Arm è stato ampiamente concesso in licenza da altri produttori di chip, l’accordo potrebbe dare a Nvidia la possibilità di danneggiare i suoi concorrenti limitando l’accesso dei concorrenti alla tecnologia Arm, cosa che Nvidia ha negato di fare.

Nvidia fornisce una serie di “rimedi comportamentali” per placare i regolatori, ma la CMA ha dichiarato che “non crede che alcuna forma di rimedio comportamentale possa risolvere i problemi di concorrenza che ha identificato”.

L’amministratore delegato di CMA Andrea Coscelli ha dichiarato venerdì: “Siamo preoccupati che il controllo di Arm di Nvidia possa limitare l’accesso dei concorrenti di Nvidia alle tecnologie chiave e alla fine soffocare le innovazioni in alcuni mercati importanti e in crescita, portando così un valore reale ai concorrenti di Nvidia. Il problema. Questo alla fine potrebbe far perdere ai consumatori nuovi prodotti o aumentare i prezzi”.

CMA ha affermato che l’innovazione può essere influenzata in una vasta gamma di aree, compresi i data center, i giochi, l'”Internet delle cose” e le auto a guida autonoma.

Il ministro della Cultura Oliver Dowden deve ora decidere se avviare un’indagine approfondita basata su questioni di sicurezza nazionale e concorrenza, o restituire il controllo ai regolatori della concorrenza come indagine sulla fusione di “seconda fase”.

Nvidia ha dichiarato in una dichiarazione: “Attendiamo con impazienza l’opportunità di risolvere i commenti preliminari della CMA e risolvere eventuali dubbi che il governo potrebbe avere. Crediamo ancora che questa transazione andrà a beneficio di Arm, dei suoi licenziatari, della concorrenza e del Regno Unito”.

Huang ha precedentemente affermato di non avere intenzione di “limitare” o “rifiutare” la tecnologia di Arm a nessun cliente e ha promesso di mantenere il modello di licenza aperto di Arm.in un lettera Huang ha dichiarato al Financial Times che NVIDIA “continuerà a supportare tutti i clienti Arm e a rendere la tecnologia Arm applicabile all’intero mercato”.

Rapporto aggiuntivo di Javier Espinoza a Bruxelles

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *