I responsabili delle politiche della Banca centrale europea raggiungono un rapido accordo sulle riforme strategiche

[ad_1]

I responsabili delle politiche della Banca centrale europea hanno concordato la sua prima nuova strategia in quasi due decenni. Giovedì sarà annunciato che potrebbe rivedere l’obiettivo di inflazione affrontando il cambiamento climatico e i costi delle abitazioni.

I 25 membri del Comitato di gestione della banca centrale si sono incontrati mercoledì a Francoforte per risolvere i risultati della banca centrale. 19 mesi di revisioneLa notizia era originariamente prevista per essere annunciata a settembre, ma dopo che i politici hanno raggiunto un accordo su alcune questioni, il presidente della BCE Christine Lagarde ha cercato di completare i negoziati.

La Banca centrale europea ha dichiarato mercoledì sera che la “decisione centrale” sarà annunciata giovedì alle 13:00 ora dell’Europa centrale (12:00 GMT), dopodiché Lagarde e il vice governatore Luis de Guindos pubblicheranno una stampa online I risultati saranno essere annunciato in assemblea.

Si prevede che la revisione strategica porterà a importanti cambiamenti nel funzionamento della Banca centrale europea.

Il cambiamento più fondamentale potrebbe essere il modo in cui definisce la sua missione principale di “stabilità dei prezzi”. Dopo anni in cui non è riuscito a portare l’inflazione al suo obiettivo, la Banca centrale europea dovrebbe abbandonare il suo obiettivo di “vicino ma sotto il 2%”, che è considerato troppo opaco e significa fissare un tetto alla crescita dei prezzi.

Il consiglio sostiene ampiamente l’obiettivo più diretto del 2%. La banca centrale potrebbe sottolineare che il suo nuovo obiettivo è simmetrico, quindi i responsabili politici sono preoccupati sia per il superamento che per il mancato rispetto dell’obiettivo. L’obiettivo sarà un obiettivo a medio termine, che può fluttuare in modo flessibile in entrambe le direzioni a breve termine.

tuttavia.È improbabile che la Banca centrale europea arrivi fino alla Fed. La Fed ha ufficialmente promesso di lasciare che l’inflazione Supera l’obiettivo Per sopperire al periodo di bassa crescita dei prezzi.

Il direttore economico europeo di Morgan Stanley, Jacob Nell, ha affermato che si aspetta che questo cambiamento “avrà solo un effetto modesto sull’orientamento della politica monetaria a breve termine” perché la banca centrale ha implicitamente accettato questa strategia.

Ma ha affermato che altri cambiamenti previsti “avranno effetti di vasta portata su un arco di tempo più lungo”.

Da quando è succeduto a Mario Draghi nel novembre 2019, Lagarde ha esortato la Banca centrale europea ad affrontare le crescenti preoccupazioni pubbliche e politiche sui cambiamenti climatici. Dopo che l’opposizione iniziale di altri membri del consiglio è svanita, l’idea dovrebbe diventare il fulcro della nuova strategia.

La banca centrale dovrebbe annunciare i piani Transizione verde Nella sua politica monetaria. Manterrà il suo portafoglio di acquisto di attività e le regole sui mutui lontano dalle società ad alto contenuto di carbonio che non hanno intenzione di raggiungere l’obiettivo di emissioni nette zero dell’UE entro il 2050.

Questo cambiamento può essere effettuato in più fasi entro pochi anni, poiché richiede alle aziende e all’UE di stabilire una maggiore divulgazione delle informazioni Sistema di classificazione verde Per gli investitori, questo elencherà quali aree sono rispettose del clima.

La banca centrale promuoverà anche l’agenzia statistica europea Eurostat per aggiungere l’alloggio nei suoi calcoli sull’inflazione per affrontare le preoccupazioni del pubblico sulla politica monetaria che non tiene pienamente conto dell’aumento dei costi delle case.

Secondo una recente ricerca della Banca centrale europea, i prezzi delle case nella maggior parte d’Europa sono in aumento e questo cambiamento farà aumentare l’attuale tasso di inflazione di circa 20 punti base. Altre volte, ridurrà il tasso complessivo di crescita dei prezzi.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *