I ricavi di Bank of America e Citigroup sono diminuiti a causa della stagnazione dei prestiti

[ad_1]

Mercoledì, Bank of America e Citigroup hanno annunciato un calo delle entrate, poiché i bassi tassi di interesse e i libri di prestito in diminuzione continuano a esercitare pressioni sulle grandi banche del mondo.

Dopo il brusco calo della pandemia di Covid-19, entrambi gli istituti di credito hanno riportato una forte spesa per i consumatori, ma ciò non si è ancora tradotto in una crescita dei prestiti, poiché più persone hanno rimborsato il saldo prima che la banca guadagnasse gli interessi.

La spesa per carte di credito sulle carte di credito della Bank of America è aumentata del 46% nel secondo trimestre, ma il saldo dei prestiti dell’azienda è diminuito del 15%. Secondo i dati di FactSet, le entrate del secondo trimestre di Bank of America sono diminuite del 4% su base annua a 21,5 miliardi di dollari, una cifra inferiore ai 21,8 miliardi di dollari previsti dagli analisti.

Citigroup è uno dei maggiori emittenti di carte di credito negli Stati Uniti, le sue entrate totali sono diminuite del 12% e i suoi prestiti finali sono diminuiti del 3%.

A causa del calo delle vendite, le entrate della sua attività di carte di marca nordamericane sono diminuite del 12%, il che è il motore di crescita per la sua banca globale dei consumatori per entrare nella pandemia.

Da quando la Fed ha ridotto i tassi di interesse quasi a zero e i piani di stimolo fiscale e monetario hanno ridotto l’interesse per i nuovi prestiti, anche le banche hanno lavorato duramente per aumentare le entrate dei prestiti.

Tuttavia, l’economia statunitense si sta riprendendo più velocemente del previsto, il che ha permesso alle banche di liberare i miliardi di dollari accantonati per le perdite sui prestiti causate dalla pandemia, ma queste perdite non si sono mai materializzate. Nonostante il calo delle entrate e l’aumento della spesa nel secondo trimestre, il rilascio delle riserve ha aiutato le banche a riportare profitti in aumento.

Citigroup ha registrato un utile di 6,2 miliardi di dollari, o 2,85 dollari per azione nel secondo trimestre, rispetto a 1,1 miliardi di dollari, o 38 centesimi per azione, nello stesso periodo dello scorso anno, liberando 2,4 miliardi di dollari di riserve. Gli analisti intervistati da FactSet prevedono guadagni per azione di $ 2,02.

Bank of America ha rilasciato 2,2 miliardi di dollari di riserve nel secondo trimestre, registrando utili per 9,2 miliardi di dollari o un utile per azione di 1,03 dollari, rispetto a un utile di 3,5 miliardi di dollari nello stesso periodo dello scorso anno o un utile per azione di 37 centesimi . Gli analisti intervistati da FactSet prevedono utili per azione di 77 centesimi.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *