I talebani occupano Kandahar e altre città in Afghanistan; personale dell’ambasciata evacuato Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters. I combattenti talebani si radunano in un importante incrocio stradale a Ghazni, in Afghanistan. Lo screenshot è tratto da un video diffuso dai talebani il 12 agosto 2021.Dispense talebane/via Reuters

2/2

Kabul (Reuters)-I funzionari hanno affermato venerdì che i talebani avevano già occupato Kandahar, la seconda città più grande dell’Afghanistan, il che ha intensificato le preoccupazioni poiché le forze internazionali si erano ritirate dopo 20 anni di guerra e il governo appoggiato dagli Stati Uniti potrebbe cadere nelle mani di gli insorti.

Funzionari della sicurezza hanno affermato che i talebani https://tmsnrt.rs/3jGaX8M hanno occupato anche Lashkar Gah nel sud e Qala-e-Naw nel nord-ovest.

I talebani hanno affermato di aver occupato Herat, la terza città più grande dell’ovest, dopo diversi giorni di conflitto, ma Reuters non ha potuto confermarlo.

Kandahar è il cuore dei talebani: combattenti pashtun sono comparsi nella provincia durante il caos della guerra civile nel 1994 e hanno invaso gran parte del Paese nei due anni successivi.

“Dopo gli intensi scontri della scorsa notte, i talebani hanno preso il controllo della città di Kandahar”, ha detto a Reuters un funzionario del governo.

Le forze governative controllano ancora l’aeroporto di Kandahar, che è stata la seconda più grande base militare degli Stati Uniti in Afghanistan durante la sua missione di 20 anni.

Rashkar Gah è la capitale di Helmand, una provincia meridionale che coltiva l’oppio, dove le forze britanniche, americane e straniere hanno combattuto per molti anni gli insorti.

Un ufficiale di polizia ha detto che ufficiali e comandanti hanno lasciato l’ultima roccaforte del governo in elicottero giovedì intorno alla mezzanotte e dopo l’intervento degli anziani della tribù, circa 200 soldati si sono arresi ai talebani.

Secondo Al Jazeera, un portavoce dell’organizzazione ha affermato che la caduta delle principali città dimostra che gli afgani accolgono i talebani.

Dopo aver attaccato gli Stati Uniti l’11 settembre, 20 anni dopo aver espulso i talebani, la velocità dell’offensiva ha spinto molti afghani a criticare la decisione del presidente Joe Biden di ritirare le truppe.

Biden ha dichiarato questa settimana di non pentirsi della sua decisione, osservando che Washington ha speso più di 1 trilione di dollari nella guerra più lunga negli Stati Uniti e ha perso migliaia di soldati.

Il leader repubblicano Mitch McConnell del Senato degli Stati Uniti ha dichiarato che la strategia di uscita sta rendendo gli Stati Uniti “un passo verso un sequel peggiore della sconfitta del 1975 a Saigon” e ha esortato Biden a impegnare più sostegno all’esercito afghano.

“Senza di essa, Al Qaeda e i talebani potrebbero bruciare la nostra ambasciata a Kabul per celebrare il 20° anniversario degli attentati dell’11 settembre”.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha affermato che il segretario di Stato Anthony Brinken e il segretario alla Difesa Lloyd Austin hanno parlato giovedì con il presidente Ashraf Ghani e gli hanno detto che gli Stati Uniti “investono ancora nella sicurezza e nella stabilità dell’Afghanistan”. Hanno anche affermato che gli Stati Uniti sono impegnati a sostenere una soluzione politica.

Uscire

In risposta all’avanzata dei talebani https://graphics.reuters.com/AFGHANISTAN-CONFLICT/FLASHPOINTS/lbpgnrazjvq/index.html, il Pentagono ha dichiarato che avrebbe inviato circa 3.000 soldati in più https://www.reuters.com/world / asia-pacific /exclusive-us-evacuate-important-number-employees-embassy-kabul-officials-2021-08-12 Aiuta a evacuare il personale dell’ambasciata degli Stati Uniti entro 48 ore.

Il Regno Unito ha dichiarato che schiererà circa 600 soldati https://www.reuters.com/world/asia-pacific/britain-sends-troops-afghanistan-help-evacuate-staff-citizens-2021-08-12 per aiutare i suoi cittadini lasciare Altre ambasciate e gruppi di aiuto hanno detto che stanno lasciando partire anche la loro gente.

Solo negli ultimi giorni i talebani hanno concentrato la loro offensiva sul nord, un’area che non hanno mai controllato completamente durante il loro governo, e il centro delle forze dell’Alleanza del Nord che hanno marciato a Kabul con il sostegno degli Stati Uniti nel 2001.

Giovedì i talebani hanno occupato anche Ghazni, una città storica 150 chilometri (90 miglia) a sud-ovest di Kabul.

Fonti della sicurezza hanno riferito che Firuz Koh, la capitale della provincia di Ghor, è stata consegnata ai talebani giovedì notte senza combattere.

Il governo controlla ancora le principali città del nord-Mazar-i-Sharif-e Jalalabad, vicino al confine pakistano a est, così come Kabul.

Mercoledì, un funzionario della difesa degli Stati Uniti ha citato l’intelligence statunitense secondo cui i talebani potrebbero isolare Kabul entro 30 giorni e possibilmente occuparla entro 90 giorni.

‘molto urgente’

Le Nazioni Unite hanno avvertito che l’arrivo dell’offensiva dei talebani nella capitale “avrebbe un impatto catastrofico sui civili”, ma ci sono poche speranze di negoziare per porre fine a una battaglia con i talebani che ha chiaramente ottenuto una vittoria militare.

In un accordo raggiunto l’anno scorso con l’amministrazione dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, gli insorti hanno accettato di non attaccare le truppe straniere guidate dagli Stati Uniti quando si sono ritirate.

Hanno anche promesso di discutere questioni di pace, ma incontri intermittenti con i rappresentanti del governo si sono rivelati infruttuosi. Gli inviati internazionali che partecipano ai negoziati afgani in Qatar hanno chiesto di accelerare il processo di pace come “questione urgente” e di fermare gli attacchi alla città.

Un portavoce dei talebani ha detto ad Al Jazeera: “Non chiuderemo la porta alla pista politica”.

Il primo ministro pakistano Imran Khan ha dichiarato questa settimana che, a meno che Ghani non si dimetta da presidente, i talebani si rifiuteranno di negoziare. Molte persone da entrambe le parti penserebbero che questo equivalga alla resa del governo, e non c’è niente da discutere se non i termini.

Il Pakistan nega ufficialmente il sostegno ai talebani, ma è un segreto di Pulcinella che i leader talebani vivano in Pakistan e reclutino combattenti da una rete di scuole religiose in Pakistan.

Per molto tempo, l’esercito pakistano ha visto nei talebani l’opzione migliore per prevenire l’influenza del suo principale rivale, l’India, in Afghanistan e per eliminare il nazionalismo pashtun su entrambi i lati del confine che l’Afghanistan non ha mai riconosciuto.

Gli afgani, compresi molti che hanno goduto della libertà da adulti da quando i talebani sono stati espulsi, hanno sfogato la loro rabbia sui social media e hanno taggato #sanctionpakistan, ma le capitali occidentali hanno difficilmente criticato il ruolo del Pakistan.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *