I talebani spingono il personale di sicurezza afghano a fuggire in Tagikistan Reuters

[ad_1]

© Reuters. Dopo che i talebani hanno recentemente occupato i quartieri di Badakhshan il 4 luglio 2021, i commando afgani sono arrivati ​​a Faizabad, capitale della provincia di Badakhshan, per rafforzare le forze di sicurezza. La foto è stata scattata il 4 luglio 2021. Ministero della Difesa dell’Afghanistan//Hando

Dushanbe/Kabul, Tagikistan (Reuters)-Le guardie di frontiera talebane hanno detto lunedì che dopo l’avanzata dei talebani nel nord dell’Afghanistan, più di 1.000 membri del personale di sicurezza afghano sono fuggiti attraverso il confine con il Tagikistan e altre dozzine sono state catturate dagli insorti.

Il punto di passaggio di domenica ha evidenziato il rapido deterioramento della situazione nel paese, poiché le truppe straniere erano vicine al completo ritiro 20 anni dopo la fine della guerra in Afghanistan e i colloqui di pace erano a un punto morto.

Centinaia di membri delle forze di sicurezza afgane sono fuggiti dalla rapida avanzata dei talebani nel nord. Ma il ritiro di domenica è stata la più grande conferma, appena due giorni dopo che gli Stati Uniti hanno ufficialmente ritirato la loro base principale in Afghanistan, come parte di un piano per ritirare tutte le truppe straniere entro l’11 settembre.

Il dipartimento della difesa del confine talebano ha dichiarato che i talebani avevano occupato sei aree chiave nella provincia settentrionale del Badakhshan, al confine con il Tagikistan e la Cina.In seguito, 1.037 soldati afgani sono fuggiti dal confine con il permesso del Tagikistan.

Domenica, il presidente Ashraf Ghani dell’Afghanistan ha parlato al telefono con il presidente Emomali Rahmon del Tagikistan per discutere gli sviluppi.

L’Ufficio del Presidente del Tagikistan ha dichiarato in una nota: “E’ particolarmente preoccupato per l’escalation della situazione nella parte settentrionale dell’Afghanistan adiacente al Tagikistan”.

Ha aggiunto che Rahmon ha espresso preoccupazione per il “transito forzato” dei membri delle forze di sicurezza afghane. Fonti governative hanno riferito a Reuters che il Tagikistan sta valutando la possibilità di allestire campi per potenziali rifugiati dall’Afghanistan.

Il Cremlino ha dichiarato in una dichiarazione che Rakhmon ha anche parlato con il presidente russo Vladimir Putin lunedì e Putin gli ha assicurato che, se necessario, Mosca sosterrà Dushanbe direttamente o attraverso gruppi di sicurezza regionali.

Il suo ufficio ha affermato che Rakhmon ha anche convocato i leader dell’Asia centrale dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoev e Kassim-Jomart Tokayev del Kazakistan e ha tenuto una riunione del Consiglio. Ha ordinato l’invio di ulteriori truppe al confine afghano.

Un alto funzionario afgano ha confermato che centinaia di persone hanno attraversato il confine con il Tagikistan, ma non sapeva il numero esatto. “I talebani hanno tagliato tutte le strade e queste persone non hanno un posto dove andare e possono solo attraversare il confine”, ha detto lunedì a Reuters.

La scorsa settimana, le truppe statunitensi si sono ritirate dalla base aeronautica di Bagram – ponendo di fatto fine alla guerra più lunga della storia degli Stati Uniti – come parte di un’intesa con i talebani, che si oppongono al movimento islamico radicale dall’11 settembre. Al Qaeda ha attaccato gli Stati Uniti nel 2001.

I talebani hanno fermato i loro attacchi alle truppe occidentali, ma continuano a prendere di mira il governo afghano e le strutture di sicurezza perché acquisiscono rapidamente territorio in tutto il paese.

I colloqui di pace tra le due parti sono ancora inconcludenti.

Zabihullah Atiq, un parlamentare di Badakhshan, ha detto a Reuters che i talebani hanno occupato 26 delle 28 province di confine e tre di loro sono state consegnate agli insorti senza combattere.

Ha detto che i membri delle forze di sicurezza afgane hanno usato varie vie per fuggire, ma ha aggiunto che i talebani hanno catturato dozzine di persone nell’area di Ishkasim, dove le forze di frontiera tagike hanno bloccato qualsiasi valico di frontiera nell’ex Repubblica sovietica.

Funzionari tagiki hanno affermato di aver lasciato entrare 152 persone da Ish Kashm, ma non hanno commentato se a qualcuno sia stato negato l’ingresso.

Il consigliere per la sicurezza nazionale afghana Hamdullah Mohib ha dichiarato lunedì durante i colloqui sulla sicurezza a Mosca che le forze governative non si aspettavano che i talebani lanciassero un’offensiva, ma avrebbero contrattaccato.

Secondo un rapporto dell’agenzia di stampa tagika, la Russia, che ha una base militare in Tagikistan, ha affermato che il consolato russo a Mazar-i-Sharif, nel nord dell’Afghanistan, ha sospeso le operazioni a causa di problemi di sicurezza.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *