I titoli dei mercati emergenti sono stati duramente colpiti. Questo non significa che sia il momento di comprare.

[ad_1]

dimensione del font

Un traghetto passa attraverso il Victoria Harbour di Hong Kong.

Bertha Wang/AFP tramite Getty Images

I titoli dei mercati emergenti sono stati duramente colpiti.E dare Potenziale svantaggio per il mercato azionario cinese, Acquistare sui tuffi non è ancora una scommessa sicura.

L’indice MSCI Emerging Markets è sceso di quasi l’8% dal suo picco di febbraio. Ciò è dovuto principalmente ai problemi in Cina, poiché molti componenti dell’indice dipendono dalla forte domanda locale.

Gli economisti di Citigroup hanno affermato che gli indici cinesi dei responsabili degli acquisti non manifatturieri e manifatturieri, che misurano il livello dell’attività economica, sono diminuiti drasticamente dall’inizio dell’anno. I casi di Covid-19 aumentano di nuovo Ha raggiunto la crescita. Per la maggior parte dell’anno, la politica monetaria della Banca Popolare Cinese è stata meno favorevole all’espansione rispetto al passato.

Gli strateghi azionari globali di Citigroup hanno raccomandato di sospendere l’acquisto di azioni dei mercati emergenti. Secondo Citigroup, le azioni cinesi rappresentano circa il 35% del valore di mercato totale degli indici dei mercati emergenti e sembrano ancora costose.

La banca ha affermato che il prezzo delle azioni non ha ancora riflesso l’intera portata del rallentamento economico. Il prezzo medio delle azioni dell’indice MSCI China è 13 volte l’utile previsto per azione per il prossimo anno. I dati di Citi mostrano che, sebbene sia in calo rispetto a 18 volte a febbraio, è comunque superiore del 7% rispetto al multiplo medio dell’indice dei mercati emergenti che non include i nomi cinesi.

Storicamente, le valutazioni di trading delle azioni cinesi sono state in media superiori del 5% rispetto ai loro omologhi dei mercati emergenti. “Di conseguenza, anche dopo il recente sell-off, la valutazione delle azioni cinesi non sembra particolarmente economica”, ha scritto Robert Buckland, uno stratega azionario globale di Citigroup. “Non abbiamo in programma di acquistare in caso di cali e continuare a ridurre le nostre partecipazioni in titoli dei mercati emergenti”.

Tuttavia, acquistare ai livelli attuali non è una cattiva idea.La crescita economica della Cina potrebbe presto migliorare perché La Banca centrale cinese ha recentemente espresso la speranza che le politiche sostengano l’economiaSecondo i dati di FactSet, il tasso di crescita del PIL cinese dovrebbe superare il 5% nei prossimi due anni.

Non dimenticare che è difficile capire il fondo del sell-off e l’indice dei mercati emergenti ha già iniziato a salire. È in rialzo del 7,5% dal minimo toccato a fine agosto.

Scrivi a Jacob Sonenshine jacob.sonenshine@barrons.com

Per saperne di più

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *