I titoli tecnologici in rialzo spingono S&P e Nasdaq ai massimi record Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: In preparazione alla ripresa delle negoziazioni alla Borsa di New York (NYSE) il 22 maggio 2020, la linea di demarcazione può essere vista nella stazione commerciale al piano commerciale. REUTERS/Brendan McDermid

Autori: Krystal Hu e Medha Singh

(Reuters)-L’indice Nasdaq ha raggiunto un livello record lunedì, trainato dai titoli tecnologici, poiché gli investitori si aspettano una stagione degli utili forte mentre i tassi di interesse rimangono bassi.

Le grandi aziende tecnologiche includono Facebook (NASDAQ:), Netflix Inc (NASDAQ:), Azienda Twitter (NYSE:) e Nvidia (NASDAQ:) Corp sono tra le società che hanno dato all’S&P 500 e al NASDAQ il maggiore impulso.

Dopo aver segnato la sua migliore performance settimanale in 20 settimane venerdì, l’indice S&P 500 ha continuato il suo recente slancio dopo essersi ripreso dalle perdite precedenti, stabilendo un nuovo massimo storico per la terza volta consecutiva.

Al contrario, a causa delle preoccupazioni per un’impennata dei casi di COVID-19 in tutta l’Asia, il settore ciclico è diminuito drasticamente. I settori finanziario ed energetico dell’indice Standard & Poor’s 500 hanno registrato il calo maggiore, rispettivamente dello 0,81% e del 3,33%.

Sam Stovall, capo stratega degli investimenti presso CFRA Research a New York, ha dichiarato: “Ora è la fine del trimestre e gli investitori potrebbero voler realizzare dei profitti e ruotare l’energia e attenersi ai prodotti tecnologici”.

Stovall prevede che mentre gli investitori aspettano l’arrivo della nuova stagione degli utili, il mercato azionario dovrebbe continuare a salire, quando si prevede che la crescita degli utili delle società costituenti l’indice S&P 500 supererà il 60% su base annua.

Il titolo è sceso di 150,57 punti, o dello 0,44%, per chiudere a 34.283,27. L’indice S&P 500 ha recuperato le perdite precedenti, salendo di 9,91 punti, o 0,23%, a 4.290,61 dal massimo record di venerdì. Un aumento di 140,12 punti o 0,98% a 14.500,51.

L’S&P 500 e il Nasdaq hanno entrambi raggiunto una serie di massimi record la scorsa settimana. L’indice Nasdaq, che è dominato da titoli tecnologici, è aumentato del 5% a giugno, superando i suoi pari, poiché gli investitori hanno riacquistato titoli di crescita orientati alla tecnologia a causa dell’indebolimento delle preoccupazioni sull’inflazione incontrollata.

“Riteniamo che con la Fed che ha proposto un obiettivo realistico, gli investitori stanno ora entrando nella seconda metà dell’anno con una mentalità di rischio molto più elevata. Molte di queste società tecnologiche hanno sottoperformato e i fondamentali che entrano nel trimestre di giugno sono molto forti”, Wei L’analista di DeBush Securities Daniel Ives ha dichiarato di aspettarsi che l’indice Nasdaq raggiunga i 16.000 punti entro la fine dell’anno.

Quando un giudice statunitense ha approvato la mozione della società per archiviare la causa della Federal Trade Commission, il prezzo delle azioni di Facebook è aumentato di oltre il 4%. Il gigante dei social media ha avuto un valore di mercato di oltre $ 1 trilione alla chiusura di lunedì.

Il più grande vincitore è NVIDIA Corporation Dopo che i principali produttori di chip Broadcom (NASDAQ:), Marvell (NASDAQ :) e Taiwan MediaTek hanno approvato l’acquisizione della società britannica di progettazione di chip Arm per 40 miliardi di dollari, il prezzo delle azioni della società è aumentato del 5,0%.

Mentre la prima metà del 2021 volge al termine, l’indice Standard & Poor’s 500 è aumentato di quasi il 14%. Le attività in alcune aree del mercato indicano preoccupazioni per la potenziale volatilità e alcuni investitori hanno lasciato intendere che il mercato potrebbe avere una brusca correzione molto tempo fa.

Sul fronte economico, l’attenzione degli investitori sarà focalizzata sui dati sulla fiducia dei consumatori, sui rapporti sull’occupazione privata e su un importante rapporto mensile sull’occupazione che sarà pubblicato entro la fine della settimana. Questa settimana saranno annunciati anche i risultati trimestrali di Micron Technology Corporation (NASDAQ:) e Walgreens Boots Alliance (NASDAQ:).

Il rapporto tra azioni in calo e azioni in aumento sul New York Stock Exchange è stato di 1,38:1; al Nasdaq, il rapporto di 1,09:1 ha favorito i ribassisti.

L’indice Standard & Poor’s 500 ha toccato 36 massimi da 52 settimane e nessun nuovo minimo; l’indice Nasdaq Composite ha toccato 100 nuovi massimi e 31 nuovi minimi.

Il volume degli scambi sulla borsa statunitense è stato di 9,55 miliardi di azioni, mentre il volume medio degli scambi per l’intera giornata di negoziazione negli ultimi 20 giorni di negoziazione è stato di 11,17 miliardi di azioni.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *