I tunisini stanchi accolgono la presa del potere del presidente

[ad_1]

Dieci anni fa, quando i tunisini si ribellarono alla dittatura, Hichem Jelassi si unì ad altri giovani manifestanti che bruciarono pneumatici e si scontrarono con la polizia nel distretto impoverito di Tadamon in Tunisia. Questo è stato un punto critico durante la rivoluzione.

Il 30enne Jelassi è ora costretto a vendere meloni alle bancarelle del mercato dopo che la pandemia di coronavirus ha colpito il suo sostentamento turistico e afferma di “non pentirsi” della rivolta, ma non ha rimpianti per il presidente populista Keith Said. sono contento che i critici abbiano incolpato la recente presa del potere Lancia un colpo di stato L’unico paese democratico del mondo arabo.

“Ha fatto una cosa molto buona”, ha detto Jerash. “Sto con Kais Saied, tutti uguali. Comprendi il significato della povertà e della giovinezza emarginata? Lui sente il nostro dolore”.

Da quando la rivoluzione del 2011 ha scatenato una rivolta in tutto il mondo arabo, il tenore di vita dei tunisini è precipitato. Da allora, diversi governi di coalizione hanno lavorato duramente per gestire l’economia.Il paese è stato devastato dalla pandemia e la risposta del governo è stata duramente criticata.

La scorsa settimana Said ha licenziato il primo ministro e sospeso il Parlamento per 30 giorni, innescando una crisi politica. Il presidente ha anche assunto i poteri dei pubblici ministeri e ha annunciato la lotta alla corruzione.

Gli oppositori, compreso il Movimento nazionale islamico moderato, il più grande partito del Paese, hanno accusato Said di Ripristina la regola dell’uomo soloMa molti tunisini lo considerano il salvatore, liberandoli dalla cricca violenta di politici incompetenti e corrotti. Secondo un sondaggio di Emrhod, un’agenzia di sondaggi locale, oltre l’84% delle persone ha dichiarato di essere d’accordo con la mossa del presidente.

Il presidente Case Said ha licenziato il primo ministro e ha sospeso il Parlamento per 30 giorni, innescando una crisi politica ©Hedi Azouz/AP

La trasformazione democratica della Tunisia è ampiamente considerata come l’unica storia di successo emersa dalla rivolta araba, ma molti dei suoi 12 milioni di persone la vedono come un incubo di fallimento del governo e povertà crescente.

“Non ho paura di perdere la libertà e la democrazia”, ​​ha detto Alia Qaliee mentre si trovava nel suo piccolo negozio di caramelle a Tadamon. “Quando i politici ci derubano e distruggono le nostre vite, non è libertà ma sfruttamento. Forse se Ben Ali [the dictator ousted in 2011] Se rimaniamo, non raggiungeremo questo stato. “

Sotto l’influenza del coronavirus, l’economia tunisina si è ridotta dell’8,8% lo scorso anno. Prima della pandemia, il tasso di crescita medio annuo dal 2011 era solo dell’1,8%. I disordini politici, i governi delle porte girevoli (10 nell’ultimo decennio) e gli attacchi terroristici al turismo nel 2015 e nel 2016 hanno tutti causato perdite.

Le coalizioni deboli sostenute da partiti con priorità contrastanti non possono spingere per riforme o raggiungere importanti accordi di prestito con il Fondo monetario internazionale. Spesso scoppiano proteste a causa dell’elevata disoccupazione e dei prezzi elevati e le persone generalmente considerano la corruzione.

Il lato positivo è che le elezioni si tengono regolarmente ei risultati riflettono i desideri degli elettori. Said ha vinto inaspettatamente le elezioni presidenziali nel 2019. Sebbene sia un outsider politico senza fondi per la campagna, posizioni governative o macchinari di partito, è impensabile in altre parti della regione. Il paese ha una vivace società civile e libertà di parola. Tutto questo può essere in pericolo, qualche paura.

Per ora restano un mistero le serie intenzioni dell’ex professore di diritto costituzionale 63enne. Non è chiaro se ripristinerà il parlamento o approfondirà le differenze incarcerando i parlamentari accusati di corruzione.

Monica Marks, esperta di Tunisia alla New York University, ha dichiarato: “Vedo una situazione in cui non puoi più chiamare la Tunisia un paese democratico anche se non finisci con un’autocrazia su vasta scala come l’Egitto”.

Gli analisti affermano che la schiacciante vittoria elettorale dell’ex professore di diritto costituzionale ed outsider politico dovrebbe tenere vigili i politici veterani.

Lotfi Zeitoun, un ex funzionario della Nahda, ha rotto con esso nel 2019, criticando i politici per non aver raggiunto milioni di persone che spesso evitano le elezioni. “Sì… giovani disoccupati, ma né Nahda né altri partiti politici possono trovare una soluzione per loro”, ha detto. “Se lo hanno, amplieranno la loro base [and strengthened democracy]. “

I voti di Nahda sono scesi da 1,5 milioni nel 2011 a 500.000 nel 2019. Gran parte della rabbia nelle strade era diretta al partito, i cui uffici sono stati attaccati la scorsa settimana. I funzionari di Nahda hanno sostenuto che non erano soli o sempre al potere, ma molti hanno ribattuto che il partito aveva esercitato la maggiore influenza.

“I partiti politici si sono concentrati solo sui loro litigi e hanno rinunciato agli interessi delle persone che ora sono davvero stanche”, ha detto Jamal, un funzionario del consiglio locale a Tadamon. “Sayed serve la gente.”

Nel 2013, il compromesso tra Nahda e le fazioni del vecchio regime ha evitato una guerra civile in quel momento. Tuttavia, Zeitoun ha affermato che la successiva politica di “consenso” sostenuta da Nahda e dai suoi nuovi partner per evitare conflitti tra loro ha fornito una copertura per “l’emergere del nepotismo e dei gruppi di pressione corrotti”.

Mouheb Garoui, fondatore di I Watch, un’organizzazione della società civile anticorruzione, ha dichiarato: “Ci sono centinaia di file di corruzione sulla scrivania del giudice, ma la maggior parte di essi è in sospeso perché la magistratura fa parte del gioco politico. La gente ha letto il rapporti pubblicati dalle agenzie statali e dalla società civile. Sanno dov’è la corruzione, ma non vedono alcuna azione”.

Nahda ha sostenuto una legge sulla riconciliazione nel 2015 che amnistia i dipendenti pubblici implicati nella corruzione del vecchio regime.

Mahmoud, il proprietario di un negozio di abbigliamento, ha dichiarato: “Hanno portato persone che stavano soffocando i tunisini, si sono riconciliati con loro e hanno lasciato che governassero il paese”.

Mentre il tunisino aspettava la sua prossima mossa, Said ha insistito sul fatto di non essere un dittatore e di aver agito per salvare il Paese.

“La maggior parte delle persone è con lui ora, ma dovrebbero stare attenti ai loro desideri”, ha detto Garui. “Abbiamo bisogno di una chiara via da seguire e supervisionare la sua decisione”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *