I vigili Stati Uniti sono costretti a fare affidamento sui talebani per contenere la minaccia terroristica in Afghanistan

[ad_1]

Zalmay Khalilzad, un alto diplomatico statunitense e inviato speciale per l’Afghanistan, è rimasto pubblicamente in silenzio per diversi giorni dopo che i talebani hanno preso il controllo di Kabul e il caos fatale che ne è seguito.

Ma durante il fine settimana, è apparso in una serie di tweet in cui lodava i leader dell’organizzazione per aver promesso pubblicamente di consentire agli afghani di lasciare il Paese se lo avessero voluto, anche dopo che le ultime truppe statunitensi si sono ritirate dal Paese questa settimana.

“La dichiarazione è positiva. Noi, i nostri alleati e la comunità internazionale faremo in modo che rispettino questi impegni”, ha scritto Khalilzad.

I suoi commenti riflettono la cooperazione fragile, tesa e spesso imbarazzante tra i talebani e Washington dall’istituzione della milizia islamica. Rotola a Kabul -E come gli Stati Uniti stanno cercando di usare la prospettiva della legittimità internazionale per influenzare l’emergente governo talebano.

Nelle settimane successive all’insediamento del presidente Ashraf Ghani crollo, Washington e altri governi stranieri, molti dei quali hanno a lungo considerato i talebani come intoccabili politici, sono stati costretti a coordinare accordi con i leader islamisti Accesso sicuro all’aeroporto di Kabul Per i propri cittadini e migliaia di alleati afgani.

Il grado di partecipazione internazionale si riflette in Visita improbabile Il direttore della CIA William Burns è andato a Kabul per incontrare i leader talebani Mullah Abdul Ghani Baradal Il processo di evacuazione è stato discusso la scorsa settimana. Secondo i dati della Casa Bianca, questo contatto ha causato la fuga di oltre 114.000 persone da Kabul entro due settimane dall’occupazione di Kabul da parte dei talebani.

“I talebani sono una realtà fuori dall’aeroporto di Kabul”, ha detto un funzionario indiano che ha operato diversi voli di evacuazione. “Tutti devono cooperare con i talebani in una certa misura per convincere la loro gente a partire: questa è la massima priorità di ogni paese”.

Gli sfollati afgani sono arrivati ​​domenica all’aeroporto internazionale di Kosovo Pristina © Reuters

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha difeso l’interazione ad alto livello tra Washington e i leader talebani, affermando che i militanti “non sono un gruppo di cui ci fidiamo; non sono nostri amici”, ma ha insistito sul fatto che “per continuare le nostre misure di evacuazione, il coordinamento deve essere eseguito.”

Tuttavia, funzionari degli Stati Uniti e di altri governi stranieri hanno affermato che le future relazioni con l’Afghanistan governato dai talebani dipendono da come il movimento islamico esercita i suoi poteri appena acquisiti dopo l’apertura ufficiale, che dovrebbe essere svelata questa settimana. I rappresentanti del G7, della Nato, del Consiglio di sicurezza dell’Onu, del Qatar e della Turchia si incontreranno lunedì a Doha per discutere della situazione.

Una volta che i normali viaggi aerei riprenderanno, se i talebani permetteranno ai cittadini stranieri e ai cittadini afghani insoddisfatti di partire liberamente sarà una pietra di paragone.

I governi stranieri presteranno molta attenzione al fatto che il gruppo mantenga gli impegni assunti nei suoi impegni. Affare febbraio 2020 Collaborare con l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump per combattere le organizzazioni terroristiche che operano sul territorio dell’Afghanistan e conservare alcuni dei risultati ottenuti in Afghanistan negli ultimi 20 anni Garantire i diritti fondamentali E la libertà delle donne.

“Non c’è alcun impegno nei confronti dei talebani”, ha detto domenica il segretario di Stato americano Anthony Brinken in un’intervista alla NBC.

“L’abbiamo messo in chiaro, non solo noi, ma tutti i paesi del mondo lo hanno chiarito, se i talebani vogliono stabilire qualsiasi relazione con il resto del mondo, le loro aspettative per il futuro sono molto alte”.

Quando i talebani governarono l’Afghanistan dal 1996 al 2001, nessun paese occidentale lo riconobbe come un governo legittimo. I rappresentanti dei talebani non devono occupare seggi dell’ONU in Afghanistan.

Tuttavia, se il governo talebano impedisce al Paese di diventare un rifugio per gli islamisti, proprio come Al Qaeda prima degli attacchi terroristici dell’11 settembre, Washington è in aria.

Sebbene alti funzionari degli Stati Uniti abbiano dichiarato che è improbabile che mantengano una presenza diplomatica in Afghanistan subito dopo il ritiro, molti analisti ritengono che gli Stati Uniti siano pronti a cooperare con il governo talebano nell’antiterrorismo.

“La relazione a lungo termine nei prossimi mesi e anni sarà influenzata dalle politiche antiterrorismo, che cercano di garantire che la terra dell’Afghanistan non venga utilizzata per pianificare o lanciare attacchi contro l’Occidente e gli Stati Uniti”, ha affermato Rudra Chowdhury. , Senior Lecturer presso il Department of War Studies, King’s College London.

“Questa sarà una relazione importante e altamente transazionale tra gli Stati Uniti e i talebani”.

Funzionari militari statunitensi e leader talebani hanno mostrato un incredibile grado di cooperazione durante il processo di evacuazione.Parla con i giornalisti tra poche ore Attacco suicida La scorsa settimana il generale Kenneth MacKenzie, comandante del comando centrale degli Stati Uniti, ha ucciso almeno 100 afgani e 13 soldati americani al gate dell’aeroporto, ammettendo che Washington sta usando “i talebani come strumento per proteggerci il più possibile”.

Mackenzie ha affermato che gli Stati Uniti hanno condiviso informazioni con i talebani e hanno discusso la questione dell’espansione della sicurezza intorno all’aeroporto e della chiusura delle strade. “Crediamo che alcuni attacchi siano stati sventati da loro… Lo facciamo dal 14 [of August],” Ha aggiunto.

Tuttavia, il devastante attacco all’aeroporto di Washington Dai la colpa a Isis-K, Ha messo in dubbio la volontà e la capacità dei leader talebani di impedire che il Paese diventi il ​​centro del terrorismo. Le capacità di intelligence degli Stati Uniti in Afghanistan possono anche degradarsi senza stivali sul terreno.

Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jack Sullivan, ha affermato che, data l’influenza degli Stati Uniti sulle “relazioni internazionali” dell’Afghanistan, i talebani hanno una forte motivazione alla cooperazione. Sistema finanziario, Può utilizzare qualsiasi tipo di riserve e risorse”.

Ha anche suggerito che se i cittadini americani sono minacciati, gli Stati Uniti possono ancora attaccare i talebani.

Ma anche se i talebani cooperassero nell’antiterrorismo, è improbabile che Washington riconosca il suo governo rapidamente o senza il sostegno del governo degli Stati Uniti. Partner europei, Molti di loro sono profondamente turbati dai gruppi che sono tornati al potere.

“L’accesso all’assistenza allo sviluppo e al riconoscimento diplomatico è l’unico biglietto da visita della comunità internazionale”, ha affermato Chowdhury. “Non rinunceranno a questa carta facilmente o prematuramente”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *