Il Bangladesh è ancora un mercato di frontiera. Ma la sua economia si sta espandendo e ci sono persino alcune azioni da acquistare.

[ad_1]

Cinquant’anni fa, George Harrison organizzò il Bangladesh Concert, un allegro musical rock and roll, che gettò le basi per molti benefici. Restituisce anche l’immagine di questo paese appena nato, un paniere di sovrappopolazione che morirebbe di fame senza molta assistenza esterna.

Successivamente, rapporti sporadici sul Bangladesh si sono concentrati su un’imminente catastrofe climatica – due terzi della sua terra potrebbero essere sommersi dall’innalzamento del livello del mare – o incendi mortali nelle fabbriche di abbigliamento a basso costo.

Tutto questo oscura una delle storie di successo più significative dell’ultimo mezzo secolo. Dall’indipendenza del Pakistan, l’economia del Bangladesh è cresciuta di 270 volte, come chiunque può immaginare. Prima della pandemia, il tasso di crescita annuale era di circa l’8% e il PIL pro capite superava quello dell’India. Il governo è stabile e democratico.

Il primo ministro Sheikh Hasina, la figlia del primo presidente del Paese, è al potere dal 2009. Voltan Capital Management Corporation, investitore del mercato di frontiera.

uno Il motore della crescita è la microfinanza, Questo è stato avviato da Muhammad Yunus, vincitore del Premio Nobel per la pace in Bangladesh. Graham ha detto che questo ha promosso il boom imprenditoriale, soprattutto tra le donne. Il Bangladesh ha liberato le vendite e gli investimenti agricoli dal monopolio di stato, che è la riforma su cui l’India sta attualmente lavorando. Ha creato una rete di cosiddetti depositi doganali in cui gli esportatori di abbigliamento emergenti possono importare materie prime e imballaggi in franchigia doganale.

Ha creato una rete elettrica affidabile, che è in corso anche in India. “La mancanza di energia è la sfida più grande che il Paese ha affrontato 15 anni fa”, ha affermato Rehan Rashid, Direttore del Paese per il Bangladesh del Gruppo CDC, un investitore sostenuto dal governo britannico. “Ora siamo quasi a un livello di surplus.” Ha detto che anche la sicurezza delle fabbriche di abbigliamento è stata notevolmente migliorata e circa 90 produttori hanno ottenuto la certificazione Leadership in Energy and Environmental Design (LEED).

Ci sono anche alcune azioni da acquistare.

Il prossimo ostacolo per il Bangladesh è la diversificazione dell’abbigliamento, che attualmente rappresenta circa l’80% delle esportazioni.Un segno di salute è

Industrie ad alta tecnologia Walton

(Codice stock: WALTONHIL.Bangladesh), un produttore di elettrodomestici con sede a Dhaka, con prodotti venduti in più di 40 paesi. In termini di valuta locale, il prezzo delle sue azioni è aumentato del 20% quest’anno.

Anche l’espansione dell’industria farmaceutica ha attirato alcuni investitori. Maurits Pot, Direttore degli investimenti

Cuccioli asiatici in crescita

Nome dell’Exchange Traded Fund (CUBS)

Renata

(RENATA. Bangladesh), subentra

Pfizerdi

Operazioni locali, come prima scelta per i candidati del Bangladesh. Il prezzo delle sue azioni è aumentato del 25% finora quest’anno.concorrente

Medicina delle zanne

(SQURPHARMA.Bangladesh) è sostanzialmente piatto.

Anche il futuro digitale del Bangladesh è promettente in teoria. La popolazione è giovane (età media 28 anni), la popolazione è estremamente compatta (l’Iowa ha una superficie di 167 milioni di persone) e il livello di istruzione è paragonabile a quello dell’India.I due maggiori titoli del settore, l’attuale National Telecom

fonografo

(GP.Bangladesh) e sfidanti di start-up

C’è qualche Axia?

(ROBI. Bangladesh) si è ripreso dalla svendita della tecnologia globale a febbraio e potrebbe beneficiare del prossimo aumento del sentiment.

Non tutte le tendenze in Bangladesh sono positiveLo stato a partito unico di Hasina è incline al ficcanaso autocratico. Gli investitori hanno affermato che, per gelosia della sua popolarità, il governo ha avviato una serie di procedimenti legali contro il premio Nobel Yunus.

L’innesto sembra comune. Nell’ultimo indice di percezione della corruzione di Transparency International, il Bangladesh è al 146° posto su 180 paesi. Faisal Ghori, capo della ricerca presso l’investitore di mercato di frontiera Consilium Investment Management, ha affermato che il settore finanziario è stato ostacolato dai limiti inferiore e superiore dei tassi di interesse ufficiali. “Il più grande stigma del Bangladesh è la sua politica economica di medio livello”, ha detto. “Impediscono a un paese che può facilmente crescere a un tasso del 10-12% all’anno”.

Tuttavia, l’8% all’anno non è troppo squallido e il Bangladesh può aumentare il PIL pro capite da quattro a cinque volte prima di incontrare qualsiasi trappola del reddito medio. Le buone notizie potrebbero non essere interessanti quanto l’orrore e la tragedia, ma a volte capita anche.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *