Il blocco australiano per COVID-19 copre oltre la metà di 25 milioni di persone Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters.Foto del file: Victoria vuole frenare la diffusione dell’epidemia di Coronavirus (COVID-19) a Melbourne Il primo giorno del blocco, una donna sola che indossa una maschera protettiva ha camminato su un ponte del centro insolitamente tranquillo, in Australia

2/2

Di Renju Jose e Jonathan Barrett

SYDNEY (Reuters) – Più della metà dei 25 milioni di australiani sono in isolamento dopo che martedì il terzo stato ha imposto restrizioni ai movimenti per contenere la diffusione della variante Delta del COVID-19 altamente contagiosa.

Il numero di casi e decessi di coronavirus in Australia è molto inferiore rispetto ad altri paesi sviluppati, tuttavia, a causa dei lenti progressi nella vaccinazione, le misure di blocco del paese hanno messo sotto pressione il governo nazionale.I sondaggi sono scesi al minimo in un anno, solo pochi giorni prima del mese delle elezioni.

L’Australia Meridionale, uno stato con una popolazione di 1,8 milioni di abitanti, ha imposto un blocco di sette giorni dopo aver rilevato cinque infezioni legate ai viaggiatori di ritorno.Allo stesso tempo, la vicina Victoria sarà chiusa per cinque anni dopo non essere riuscito a fermare nuovi casi. periodo di tre giorni è stato prorogato di una settimana.

“Odiamo l’attuazione di queste restrizioni, ma crediamo di avere la possibilità di farlo”, ha detto ai giornalisti il ​​governatore del South Australia Steven Marshall.

Sydney è la città più grande del paese e dove è iniziata l’epidemia delta più recente prima che si diffondesse in altri stati, entrando nella quarta settimana di un blocco di cinque settimane.

Il Nuovo Galles del Sud, con Sydney come capitale, ha registrato 78 nuovi casi martedì, rispetto ai 98 del giorno precedente.Questo è il calo più grande di un giorno da quando Sydney è entrata nel blocco.

Almeno 21 nuovi casi erano contagiosi nella comunità prima che venissero diagnosticati e le autorità hanno affermato che per revocare il blocco di Sydney prima della data obiettivo del 30 luglio, questo numero deve essere vicino allo zero.

Il Chief Health Officer del NSW Kerry Chant ha dichiarato dell’Unità di terapia intensiva (ICU) di Sydney: “Vediamo più ricoveri, più persone in terapia intensiva, più persone che usano ventilatori: dobbiamo fermare la diffusione di COVID”.

Ci sono 95 pazienti COVID-19 negli ospedali del New South Wales, di cui 27 nel reparto di terapia intensiva e 11 in ventilazione. Durante l’epidemia più recente, lo stato ha riportato 5 decessi, portando il numero totale di decessi in tutto il paese a 915 e il numero di casi è leggermente superiore a 32.000.

L’Australia ha adottato un sistema di blocco, rigide regole di allontanamento sociale e una rapida tracciabilità dei contatti per mantenere il tasso di infezione a una frazione del livello registrato in altre giurisdizioni, tra cui Regno Unito e Stati Uniti.

Tuttavia, in Australia, il ceppo tossico Delta e la bassa copertura vaccinale COVID-19 (solo oltre il 14% degli adulti è completamente vaccinato) stanno testando i servizi sanitari.

Sebbene 13 milioni di australiani siano in isolamento, il ministro federale della sanità ha difeso la risposta del paese alla pandemia, affermando che ha salvato migliaia di vite.

Hunter ha detto ai giornalisti: “La portata e le dimensioni del resto del mondo e dell’Australia sono incommensurabilmente diverse e non dovremmo ignorare gli straordinari risultati che sono stati fatti”.

Problema di blocco

Il blocco rapido di cinque giorni nel Victoria doveva originariamente terminare martedì sera, ma poiché i funzionari hanno cercato più tempo per calmare l’epidemia, le autorità hanno esteso le restrizioni di una settimana fino al 27 luglio.

Il premier del Victoria Daniel Andrews ha dichiarato a Melbourne: “Non sappiamo che ci siano alcune catene di trasmissione che non sono state contenute. Se apriamo, vedremo la sua diffusione”.

“La velocità di questo incidente nella comunità vittoriana conferma il nostro corretto approccio al blocco, ma sfortunatamente conferma anche che abbiamo bisogno di più tempo”.

Victoria ha segnalato 9 casi locali di infezione, rispetto ai 13 del giorno prima, mostrando una tendenza al ribasso, con il numero totale di casi che supera gli 80. I funzionari hanno affermato che tra i nuovi casi, con un’eccezione, tutti gli altri casi sono legati all’attuale epidemia.

Da quando è stato scoperto il primo caso una settimana fa, il numero di siti esposti a Victoria è aumentato a più di 300. Questi casi sono legati a una squadra di traslocatori di mobili infetti di Sydney.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *