Il Brasile alza il tasso di riferimento al più alto dal 2003

[ad_1]

Aggiornamento della banca centrale del Brasile

La Banca centrale del Brasile ha attuato mercoledì il più grande rialzo dei tassi di interesse in quasi due decenni, alzando i tassi di interesse di 100 punti base per frenare il rischio di una spirale inflazionistica.

Mentre l’economia si riprende dalla ripresa economica, i paesi più popolosi dell’America Latina stanno assistendo a forti aumenti dei prezzi. Pandemia di covid-19, Pizzica la famiglia e fai pressione sulla Banca Centrale del Brasile o sulla BCB affinché agiscano.

La peggiore siccità in quasi un secolo, i tassi di cambio deboli, la forte domanda globale di materie prime e l’aumento delle bollette dell’elettricità hanno tutti colpito. Nei 12 mesi fino a giugno, il tasso di inflazione del Brasile ha superato l’8%, più del doppio dell’obiettivo ufficiale del 2021 del 3,75%.

La decisione di mercoledì è stata coerente con le previsioni degli economisti intervistati da Reuters, che si aspettavano che il tasso di interesse principale Selic di BCB aumentasse dal 4,25% al ​​5,25%.

Questa è la quarta volta consecutiva che la banca centrale alza il benchmark. 2% minimo storico Fino a marzo.

Rispetto ai primi tre 75 punti base annunciati dall’Interest Rate Setting Committee (noto come Copom) quest’anno, questo aumento completo di un punto è un altro passo avanti. Questo è anche il più grande aumento dall’ultimo aumento di 100 punti base nel 2003.

BCB ha dichiarato che prevede di aggiungere altri 100 punti base alla prossima riunione. Tra gli altri fattori, ha citato anche l'”Evoluzione della variante Delta Covid-19″ come “rischio della ripresa dell’economia mondiale”.

Poiché il boom delle materie prime e le strozzature legate alla pandemia nella catena di approvvigionamento globale hanno innescato un dibattito internazionale sul fatto che il ritorno dell’inflazione sia temporaneo oa lungo termine, alcuni governatori delle banche centrali stanno inasprendo la politica monetaria.

Russia, Messico e Cile hanno recentemente aumentato i tassi di interesse, mentre la Federal Reserve statunitense si sta avvicinando La decisione di rallentare Il suo massiccio stimolo monetario.

BCB, dove Acquisita autonomia formale William Jackson, Chief Emerging Market Economist di Capital Investment Corporation, ha affermato che quest’anno è l’avanguardia degli approcci radicali adottati dai mercati emergenti.

Tuttavia, ha sottolineato BrasileIl PIL è ancora al di sotto del livello prima della profonda recessione del 2014.

“Questo dimostrerà che l’economia sta operando al di sotto del suo potenziale e che la politica monetaria dovrebbe essere stimolante”, ha detto Jackson. “Ma data l’attuale minaccia di inflazione, la gente pensa che non possa continuare per il momento”.

In un paese che ha sperimentato l’impennata dei prezzi e l’iperinflazione solo una generazione fa, i responsabili delle politiche monetarie dovranno trovare un equilibrio tra la protezione dei consumatori e l’incoraggiamento della crescita.

Cristiano Oliveira, capo economista del Banco Fibra, una banca di prestito commerciale, ha suggerito che Copom dovrebbe accelerare gli aumenti dei tassi di interesse per avvicinare le future stime di inflazione al suo obiettivo.

“Il centro dell’obiettivo di inflazione 2022 è 3,25%, ma l’inflazione dell’anno precedente dovrebbe essere vicina al 7,5%. In altre parole, la banca centrale ha un compito difficile davanti a sé, ovvero ridurre il tasso di inflazione di oltre il 50%. .”

L’aumento dei costi alimentari ha portato milioni di persone alla fame in Brasile e il tasso di disoccupazione è vicino al livello record da quando è iniziata la prima serie di dati nel 2012. Trasporto e alloggio È anche diventato più costoso di recente.

Allo stesso tempo, i bassi livelli dell’acqua del serbatoio hanno colpito la principale fonte di energia elettrica-idroelettrica dei paesi sudamericani, costringendo le società di servizi pubblici ad avviare centrali termiche più costose.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *