Il britannico Morrison accetta l’offerta da 8,7 miliardi di dollari di Bastion Investment Group Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: The Morrison Store a St Albans, Regno Unito, 10 settembre 2020. REUTERS/Peter Cziborra//Foto d’archivio

di James David

LONDRA (Reuters)-Morrison ha accettato l’offerta di acquisizione del Bastion Investment Group, che ha valutato il quarto operatore di supermercati del Regno Unito a 6,3 miliardi di sterline (8,7 miliardi di dollari), classificato tra i migliori nella gara.

L’offerta di Fortress ha superato la proposta di £ 5,52 miliardi avanzata da Clayton, Dubilier & Rice (CD&R). La proposta è stata sostenuta dal Canadian Pension Plan Investment Board e dalla Koch Real Estate Investment Company. Morrison l’ha respinta il 19 giugno La proposta, affermando che il proposta è troppo bassa.

“I direttori di Morrisons ritengono che per gli azionisti questa offerta rappresenti un prezzo equo e consigliato, che riconosce anche le prospettive future di Morrisons”, ha affermato il presidente Andrew Higginson.

“Abbiamo studiato molto attentamente i metodi di Fortress, i loro piani aziendali e i loro proprietari come produttori e negozianti di alimenti britannici unici, con più di 110.000 colleghi e giocando un ruolo importante nella produzione alimentare e nell’agricoltura britanniche”, afferma. .

Fortress è una società di gestione degli investimenti globale con circa 53 miliardi di dollari di asset in gestione a marzo.

“Ci impegniamo a essere il buon amministratore di Morrison al fine di fornire il miglior servizio ai suoi gruppi di stakeholder e al più ampio pubblico britannico a lungo termine”, ha affermato il socio amministratore Joshua A. Pack.

Secondo i termini della transazione consigliati dal consiglio di amministrazione di Morrison agli azionisti, gli investitori riceveranno 254 pence per azione, di cui 252 pence in contanti e 2 pence in dividendi in contanti.

Morrison, con sede a Bradford, nel nord dell’Inghilterra, iniziò come commerciante di uova e burro nel 1899. Ora le sue vendite annuali sono solo in ritardo rispetto ai leader di mercato Tesco (OTC:), Sainsbury’s e Asda.

Morrison possiede l’85% dei suoi quasi 500 negozi e possiede 19 basi di produzione che sono principalmente di proprietà. È unico tra i supermercati britannici e il cibo fresco che produce rappresenta più della metà delle sue vendite.

La società ha dichiarato che l’offerta rappresenta un premio del 42% rispetto al prezzo di chiusura di 178 pence del 18 giugno (ultimo giorno lavorativo prima della proposta di CD&R).

Venerdì il prezzo delle azioni di Morrisons ha chiuso a 243 pence, valutando l’attività a 5,8 miliardi di sterline.

Cinque suggerimenti

CD&R non ha commentato immediatamente.

Secondo le regole di acquisizione del Regno Unito, CD&R deve presentare un’offerta definitiva prima del 17 luglio.

Morrison ha firmato un accordo di cooperazione con Amazon (NASDAQ:), e alcuni hanno ipotizzato che potrebbe anche diventare un offerente.

Morrison ha detto che il 4 maggio ha ricevuto un’iniziativa iniziale da Fortress a 220 pence per azione. Questa proposta non è stata resa pubblica. Fortress ha quindi fatto quattro proposte fino a quando la sua offerta ha raggiunto un valore totale di 254 azioni per azione il 5 giugno.

L’operazione Fortress mette in evidenza il crescente appetito per il gruppo di supermercati britannico, che è visto come attraente per la liquidità e le attività di proprietà che genera.

A febbraio, Zuber e Mohsin Issa e la società di private equity TDR Capital hanno acquistato una quota di maggioranza di Asda da Walmart (NYSE:), valutando il negozio di alimentari britannico a 6,8 miliardi di sterline.

La transazione è stata effettuata dopo che Sainsbury non è riuscita a rilevare Asda dopo che il regolatore della concorrenza del Regno Unito ha bloccato una transazione concordata nel 2019.

Ad aprile, il miliardario ceco Daniel Kretinsky ha aumentato la sua partecipazione in Sainsbury a quasi il 10%, scatenando speculazioni sulle offerte.

(1 USD = 0,7235 GBP)



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *