Il Canada prende l’iniziativa chiedendo alla Cina di consentire l’ingresso allo Xinjiang

[ad_1]

© Reuters. Immagine del file: i manifestanti, tra cui Aziz Suleiman, hanno organizzato una protesta di fronte al Dipartimento di Stato degli Stati Uniti per commemorare il giorno del Doba uiguro e hanno esortato gli Stati Uniti e la comunità internazionale ad agire contro il trattamento riservato dalla Cina agli uiguri.

Stephanie Nebehay

Ginevra (Reuters)-Martedì, più di 40 paesi hanno esortato la Cina a consentire ai funzionari delle Nazioni Unite per i diritti umani di entrare immediatamente nello Xinjiang per indagare sui rapporti secondo cui più di 1 milione di persone sono state detenute illegalmente lì, alcune delle quali sono state sottoposte a tortura o lavoro forzato .

L’ambasciatore canadese Leslie Norton ha letto una dichiarazione congiunta sulla Cina al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite a nome di Australia, Gran Bretagna, Francia, Germania, Giappone e Stati Uniti.

Pechino nega tutte le accuse di abusi sugli uiguri e descrive i campi come strutture di formazione professionale per combattere l’estremismo religioso.

La dichiarazione congiunta afferma: “Rapporti affidabili indicano che più di un milione di persone nello Xinjiang sono state detenute arbitrariamente e che la sorveglianza diffusa ha preso di mira in modo sproporzionato gli uiguri e altri membri delle minoranze etniche e limita le libertà fondamentali e la cultura uigura”.

“Esortiamo la Cina a consentire agli osservatori indipendenti, incluso l’Alto Commissario, di entrare nello Xinjiang immediatamente, in modo significativo e senza restrizioni”, ha aggiunto, riferendosi a Michelle Bachelet.

Lunedì Bachelet ha detto al Consiglio di sicurezza che spera di concordare i termini della visita di quest’anno in Cina, compreso lo Xinjiang, per esaminare le segnalazioni di gravi violazioni degli uiguri musulmani.

Da settembre 2018, il suo ufficio sta negoziando i diritti di accesso.

Jiang Yingfeng, un alto diplomatico presso la Missione permanente cinese presso le Nazioni Unite a Ginevra, ha confutato la dichiarazione martedì, definendola un’interferenza “motivata politicamente”.

“Accogliamo con favore l’Alto Commissario per visitare la Cina e lo Xinjiang. Questa visita è per promuovere scambi e cooperazione, non un’indagine basata sulla cosiddetta presunzione di colpevolezza”, ha detto al Consiglio di sicurezza, ma non ha fornito un calendario.

La dichiarazione a guida canadese citava casi di tortura, sterilizzazione forzata, violenza sessuale e separazione forzata dei bambini dai genitori.

Ha condannato una legge attuata a Hong Kong un anno fa contro ciò che la Cina considera secessione e terrorismo. Il primo processo dovrebbe iniziare questa settimana, con le persone arrestate ai sensi della legge.

Diceva: “Continuiamo a essere profondamente preoccupati per il deterioramento delle libertà fondamentali di Hong Kong ai sensi della versione di Hong Kong della legge sulla sicurezza nazionale e per la situazione dei diritti umani in Tibet”.

Jiang Zemin ha dichiarato: “Dall’attuazione della legge sulla sicurezza nazionale, Hong Kong ha subito una trasformazione dal caos allo stato di diritto”.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *