Il cane da guardia della concorrenza del Regno Unito indaga su Google e Amazon per false recensioni

[ad_1]

L’autorità britannica per la concorrenza ha avviato un’indagine sui falsi commenti sui siti web di Amazon e Google.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha affermato che le due società potrebbero non aver fatto abbastanza per rilevare e rimuovere le recensioni false e sanzionare i clienti che le lasciano. Il regolatore ha affermato che se rileva che il gruppo Internet ha violato la legge sulla protezione dei consumatori, può portare il gruppo Internet in tribunale.

La CMA ha affermato che Amazon potrebbe anche non essere riuscita a impedire ai venditori di manipolare gli elenchi dei prodotti, ad esempio ottenendo recensioni positive di altri prodotti e utilizzandoli da soli.

L’aggiornamento è stato rilasciato dopo che la CMA ha ottenuto una serie di impegni da Facebook e Instagram sullo stesso problema. Ad aprile, Facebook ha accettato di vietare agli utenti che creano ripetutamente profili personali per incoraggiare commenti falsi o fuorvianti e Instagram ha accettato di rafforzare il suo sistema.

Il CEO di CMA Andrea Coscelli ha dichiarato: “Siamo preoccupati che milioni di acquirenti online possano essere fuorviati leggendo recensioni false e quindi spendere soldi in base a queste raccomandazioni”. “Allo stesso modo, se alcuni è anche ingiusto per le aziende falsificare recensioni a 5 stelle in per mettere in evidenza i loro prodotti o servizi, ma le aziende rispettose della legge perdono.”

Ha aggiunto: “Stiamo indagando sul fatto che Amazon e Google non stiano facendo abbastanza per prevenire o eliminare recensioni false per proteggere i clienti e le aziende oneste. È importante che queste piattaforme tecnologiche si assumano la responsabilità e se scopriamo che non stanno facendo abbastanza , siamo sempre pronti Agisci.”

Amazon ha dichiarato in una dichiarazione: “Per conquistare la fiducia dei nostri clienti, abbiamo investito molte risorse per evitare che nei nostri negozi appaiano recensioni false o motivazionali. Lavoriamo duramente per garantire che le recensioni riflettano accuratamente l’esperienza del cliente con il Prodotto.”

Ha aggiunto: “Continueremo ad assistere la CMA nelle sue indagini e notiamo che ha confermato di non aver condotto alcuna indagine sulla nostra attività”.

Google non ha commentato immediatamente.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *