Il CEO di Europcar avverte che una carenza di chip manterrà alti i prezzi del noleggio auto

[ad_1]

Il capo di Europcar ha avvertito che l’aumento dei costi di noleggio auto potrebbe continuare fino a quando non verrà risolta la compressione della produzione dell’industria automobilistica causata dalla carenza di semiconduttori.

Caroline Parot, amministratore delegato della più grande società di autonoleggio quotata in borsa in Europa, ha affermato che l’aumento dei prezzi è dovuto al fatto che i fornitori non sono stati in grado di acquistare veicoli sufficienti per soddisfare le esigenze dei vacanzieri.

Secondo i gruppi di consumatori e i siti Web di confronto dei prezzi, in molte località popolari, le tariffe sono da due a tre volte superiori al normale. L’aumento dei costi di noleggio auto il mese scorso ha spinto l’inflazione statunitense al livello più alto dal 2008.

“Non possiamo fornire servizi a tutti quelli che vogliamo perché non ci sono abbastanza auto”, ha detto al Financial Times.

La crisi dei chip ha portato a una grave carenza di nuove auto e le case automobilistiche danno la priorità ai canali di vendita al dettaglio e di altro tipo piuttosto che ai fornitori di auto a noleggio, che tendono ad acquistare all’ingrosso a prezzi inferiori.

“Le persone sono desiderose di viaggiare. Se guardi agli Stati Uniti, ci sono abbastanza hotel e abbastanza voli, ma la capacità delle auto è cambiata”, ha detto.

Sebbene molti viaggi internazionali in Europa siano limitati, le persone viaggiano sempre più nei propri paesi.

Parot ha avvertito che il settore del leasing è simile alla maggior parte delle industrie del tempo libero e del turismo.La confusione del governo sul corridoio del turismo, in particolare i cambiamenti improvvisi e inaspettati delle regole, ostacolano ulteriormente lo sviluppo del settore del leasing.

Caroline Parot: “Le persone sono desiderose di viaggiare. Se guardi agli Stati Uniti, ci sono abbastanza hotel e abbastanza voli, ma la capacità delle auto è cambiata” © AFP via Getty Images

Ha detto: “Ogni volta che il corridoio viene aperto, il numero di prenotazioni aumenterà notevolmente. Saremo pieni entro 24 ore, ma se cancelliamo, scompariranno tutti. “Ha detto che le regole di chiusura non sono mai state spiegate chiaramente.

“Il coordinamento tra i paesi è probabilmente il più carente”, ha aggiunto. “Ogni governo reagisce in modo diverso”.

Ha aggiunto che la necessità di trasportare automobili attraverso i confini europei in un breve periodo di tempo ea costi elevati ha fatto aumentare i costi operativi e ha imposto prezzi più alti.

“Se il costo del mio servizio ai clienti aumenta, i clienti dovranno pagarlo, altrimenti non sarò in grado di continuare”, ha affermato.

L’industria automobilistica non sa quando finirà la crisi dei chip e la maggior parte dei produttori ora si aspetta che l’interruzione continui fino al 2022.

Parot ha affermato di ritenere che la Pasqua del prossimo anno sarà “più facile da gestire” anche se si prevede che la domanda si riprenderà.

Ha aggiunto che la società non si aspetta che la domanda raggiunga i livelli pre-pandemia fino a quando non riprenderanno i viaggi tra Europa, Stati Uniti e Asia e l’organizzazione prevede di riprendersi nel 2023.

L’anno scorso, la domanda di Europcar è diminuita del 45%, il che significa ancora che più della metà della sua attività tipica è ancora operativa, perché durante la pandemia, le persone nelle città si rivolgono al noleggio di auto per utilizzare auto private.

All’inizio di quest’anno, la società ha completato una ristrutturazione finanziaria, eliminando 1 miliardo di euro di debito, ma cedendo la maggior parte delle sue attività ai finanziatori.

Parot ha affermato che il reddito di quest’anno sarà superiore al livello del 2020, ma non vicino al livello del 2019 a causa dell’impatto della variante Delta.

A breve termine, il gruppo ha iniziato ad acquistare auto da concessionari e altri canali, oltre che da produttori tradizionali, per cercare di colmare le lacune della propria rete.

Tuttavia, molti potenziali acquirenti stanno inseguendo i modelli disponibili e il prezzo delle auto usate ha superato quello delle auto nuove in alcune aree.

Il mese scorso, il gruppo ha rifiutato l’offerta di acquisto da 2,2 miliardi di euro della Volkswagen.

Parot ha affermato che durante l’attuale crisi, la proprietà della casa automobilistica non ha necessariamente facilitato l’acquisto di veicoli, aggiungendo che la società era di proprietà del produttore due volte nella sua storia.

Ha rifiutato di commentare ulteriormente l’offerta di acquisizione.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *