Il CEO di Reckitt segna l’arrivo di una nuova era vendendo la divisione cinese di alimenti per l’infanzia

[ad_1]

Quattro anni fa, quando Reckitt Benckiser acquisì Mead Johnson, un produttore di latte artificiale in polvere, per 13 miliardi di sterline, l’allora CEO del gruppo di prodotti di consumo lo definì “una ricca soluzione per le mamme”.

Ma per Reckitt, l’accordo non ha fornito la pienezza che Rakesh Kapoor aveva previsto.

A causa del calo dei tassi di natalità e dell’aumento della concorrenza locale, le vendite dell’importante filiale cinese di Mead Johnson hanno continuato a diminuire.Quando l’azienda ha Svendere Il mese scorso, il valore della maggior parte della sua divisione cinese di alimenti per l’infanzia è stato ammortizzato di 8 miliardi di sterline.

Ora, il successore di Kapoor, Laxman Narasimhan (Laxman Narasimhan) sta cercando di rinvigorire l’azienda sulla base dell’aumento della domanda di prodotti sanitari Reckitt.Alcuni investitori e analisti affermano che l’obiettivo dell’integrazione di Mead Johnson è stato compromesso.

Narasimhan è subentrata nel 2019, “ha ereditato un’attività che aveva bisogno di molti ribaltamenti, un’attività che era stata sottoinvestita per molto tempo [in]”, ha dichiarato l’analista della Barclays Bank Ian Simpson.

Simpson ha affermato che con la vendita di una quota dell’8% nella divisione cinese di alimenti per l’infanzia, Narasimhan ha tracciato una linea chiara sotto l'”errore di dimensione della galassia”.

Adattarsi ai cambiamenti del mercato

La sfida di Narasimhan ora è ripristinare la competitività di Reckitt nel mercato dei consumatori in evoluzione a causa del Covid-19. Con il lancio del programma di vaccinazione, le vendite di prodotti legati al sociale (come i preservativi Durex di Reckitt) stanno riprendendo. Durex ha riferito che le vendite nel primo trimestre hanno registrato una crescita a due cifre rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Tuttavia, la domanda di prodotti per la tosse e il raffreddore come Lemsip, Mucinex e Strepsils di Reckitt è diminuita drasticamente. La società stima che, a causa del distanziamento sociale e di altre misure anti-coronavirus, il numero di persone con tosse, raffreddore e influenza sia diminuito del 90% lo scorso inverno.

Narasimhan ha respinto il calo delle vendite di breve durata della pandemia. Ha detto: “Man mano che le cose si sviluppano, con l’implementazione dei requisiti per le maschere e le attività sociali delle persone, assistiamo a un aumento dell’incidenza dell’influenza”. “Ora, alcuni di loro svolgeranno un ruolo quest’anno e il prossimo anno. Ma l’influenza tornerà in auge. .”

Al di fuori della Cina, le vendite degli ex marchi di latte artificiale Mead Johnson come Enfamil, Enfapro e Lactum sono state relativamente forti, anche negli Stati Uniti e nelle Filippine, sebbene vi siano prove che il tasso di natalità sia diminuito a causa della pandemia.

Un problema più grande che Reckitt deve affrontare è la persistenza del boom dei disinfettanti, che ha notevolmente promosso le vendite dei suoi prodotti Dettol e Lysur. Rispetto a un anno fa, le vendite di Dettol nel primo trimestre sono state piatte, ma la forte crescita di Lysol ha contribuito a guidare le vendite del settore sanitario di Reckitt del 28,5%.

La società ha affermato che ciò riflette le regioni di vendita di questi marchi, poiché Dettol sta vendendo nei paesi in cui ha ottenuto risultati migliori nel controllo dell’epidemia.Ma gli osservatori sono divisi su quanto durerà Boom disinfettante Continuerà, soprattutto considerando che il Covid-19 è aereo e raramente si diffonde in superficie.

I prodotti Dettol sugli scaffali di un negozio di alimentari a Londra

La pandemia ha aumentato le vendite dei prodotti Dettol di Reckitt, contribuendo ad aumentare le entrate del primo trimestre del suo dipartimento sanitario © Facundo Arrizabalaga/EPA/Shutterstock

Simpson ha affermato che un’eredità della pandemia sarà “aumentare la consapevolezza del rischio di infezione in generale. Questo durerà molto, molto tempo”.

Ma Steve Clayton, manager della serie di fondi selezionati britannici di Hargreaves Lansdown, è scettico. Hargreaves Lansdown deteneva anche azioni di Reckitt attraverso il suo fondo azionario di crescita e reddito due anni fa. “Naturalmente, il mondo si stancherà presto di desktop appiccicosi e eccessivamente disinfettati?”, ha detto.

“Reckitt affronterà la sfida di possedere le azioni giuste nel mercato giusto. Se si sbaglia, il gruppo potrebbe scoprire che deve scontare il marchio per rimuovere l’eccesso, minacciando il premio del marchio conquistato a fatica nel processo”.

Dopo che il prezzo delle azioni del gruppo ha raggiunto un massimo pandemico di £ 77,54 nel luglio dello scorso anno, era sceso di oltre un quinto a febbraio.Il famoso gestore di fondi britannico ed ex fedele investitore di Reckitt Terry Smith lo ha venduto alla fine del 2020. azioni.

Ma gli investitori hanno successivamente riacquistato un po’ di ottimismo, spingendo il prezzo delle azioni indietro dell’11,3%.

Il grafico a linee del riaggiustamento del prezzo delle azioni mostra che la performance di Reckitt è inferiore a quella del suo pari

Errori del passato

Il predecessore di Kapoor, Bart Becht, fondò il dipartimento per la salute dei consumatori di Reckitt, che includeva marchi come Nurofen e Gaviscon. Ma questo dipartimento ha commesso un errore.

“Riteniamo che la storia di Reckitt nel mercato dell’igiene a volte lo renda impreparato quando si cerca di capire come gestire al meglio i marchi per la salute dei consumatori. Una cultura di rapida innovazione e marketing attivo… Non sempre la sicurezza prima di tutto La cultura sanitaria si adatta”, ha affermato Clayton .

Sotto la guida di Kapoor, il suo stipendio era tra i migliori del FTSE 100 e Reckitt è stato condannato dai regolatori australiani per aver commercializzato Nurofen come un prodotto antinfiammatorio mirato piuttosto che generale. La società ha anche subito perdite dopo non essere riuscito a lanciare il file del piede elettronico Scholl nel 2016. La società si è anche scusata quell’anno per il suo disinfettante per umidificatori venduto in Corea del Sud che ha causato dozzine di morti.

Quest’anno Scholl è stata venduta a un gruppo di private equity statunitense e Reckitt ha investito maggiormente in ricerca e sviluppo.

Narasimhan sta facendo “tutte le cose giuste… Questa è un’attività di investimento migliore di prima e la performance della quota di mercato sembra molto migliore. Questa è un’azienda che comunica meglio con le parti interessate”, ha affermato Simpson.

L’acquisizione di Mead Johnson è avvenuta dopo la fallita acquisizione da parte di Kapoor della divisione per la salute dei consumatori di Pfizer, che ora fa parte di una joint venture con GlaxoSmithKline.

Uno dei motivi per l’acquisizione di Mead Johnson è stato quello di rafforzare l’influenza di Reckitt in Cina. “Ha dato loro una massa critica in Cina, che è uno dei mercati di consumo in più rapida crescita e più grandi al mondo… dove sono troppo piccoli”, ha detto Simpson.

Tuttavia, poiché il tasso di natalità scende e il governo coltiva vigorosamente i produttori nazionali di latte artificiale, le vendite del business del latte artificiale in polvere in Cina sono ancora su una pista di declino ostinato. Primavera, il nuovo proprietario dell’unità, è cinese.

Una donna che tiene in braccio il suo bambino in un centro commerciale a Pechino, Cina

Il governo cinese sta spingendo per nuovi produttori nazionali di latte artificiale © Andy Wong/AP

Tuttavia, anche senza il latte artificiale, l’attività di Reckitt in Cina ora sembra molto diversa. Le sue entrate lo scorso anno sono state di circa 700 milioni di sterline, mentre le entrate per la nutrizione infantile sono state di 861 milioni di sterline.

Le vendite di vitamine, minerali e integratori (come il marchio Move Free) sono aumentate notevolmente. “prevenzione [of illnesses] Narasimhan crede che il nostro comportamento sia ora profondamente radicato.

Secondo l’azienda, alla fine dello scorso anno, Reckitt ha scelto di lanciare in Cina una versione in poliuretano di Durex, innocua per le allergie e dotata di maggiore morbidezza ed elasticità. “Ci aspettiamo che la Cina continuerà a essere un mercato importante per l’innovazione”, ha affermato Narasimhan.

Sfida sul margine

Samuel Johar, presidente di Buchanan Harvey, un gruppo consultivo del consiglio di amministrazione con sede a Londra, ha affermato che Narasimhan aveva gestito la leadership nei suoi primi anni. problema Ha avuto origine a Kapoor e Kapoor ha beneficiato dei cambiamenti apportati da Bercht nei suoi primi anni.

“In un’azienda di queste dimensioni, quello che è successo durante i primi tre o quattro anni del mandato dell’amministratore delegato non è stato tanto quello che hanno fatto, ma piuttosto lo slancio che hanno ereditato, se fosse giusto o sbagliato”, ha detto.

Clayton ha affermato che Narasimhan ha già avuto un “inizio popolare”, ma ha aggiunto che dovrà affrontare “sfide perenni sui margini di profitto”. Reckitt realizza enormi profitti e guida il cambiamento, mentre mantenere profitti stabili è sempre pieno di insidie. “

Ma i margini di profitto di Reckitt oltre il settore, un’eredità più positiva di Kapoor, aiuteranno anche a proteggerlo dai costi inflazione Simpson ha detto di reprimere l’industria.

Ha aggiunto: “Rispetto a molte altre società di cura della casa e della persona, la loro esposizione in quest’area è inferiore a causa dei loro margini lordi molto elevati.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *