Il CEO di Wind Energy lancia un avvertimento ai leader del G20 sugli obiettivi climatici

[ad_1]

I capi di molte delle più grandi aziende di energia eolica del mondo hanno detto ai leader globali che se non intensificano con urgenza le installazioni di turbine, i loro sforzi per raggiungere gli obiettivi climatici globali sono “destinati a fallire”.

CEO di Vestas, Orsted, Siemens Gamesa, SSE e RWE Renewables Scrivi ai capi di stato del G20 Lunedì ha avvertito che, sulla base delle attuali previsioni di crescita, entro il 2050, sarebbero “meno del 43% della capacità di energia eolica necessaria per la neutralità del carbonio.

Gruppi come l’Agenzia internazionale per l’energia e l’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili prevedono che l’energia eolica diventerà il pilastro della produzione globale di energia entro il 2050.

Nonostante la pandemia globale, principalmente in Cina e negli Stati Uniti, nel 2020 è stato installato un record di 93 GW, ma nei prossimi dieci anni il volume di distribuzione annuale deve essere quadruplicato affinché le grandi economie possano intraprendere una realizzazione Il percorso verso il clima obiettivi.

Tuttavia, questi amministratori delegati hanno avvertito in una lettera coordinata dal Global Wind Energy Council che “ciò non sarà possibile senza cambiamenti politici decisivi e urgenti nei paesi del G20”.

Centro europeo di distribuzione dell’energia eolica offshore vicino alla costa della Scozia © REUTERS

Esortano il governo a fissare obiettivi nazionali più ambiziosi per l’energia eolica e ad affrontare le questioni che ostacolano la realizzazione del progetto, come i sistemi di licenza e pianificazione “inappropriati” e gli investimenti insufficienti nella rete.

Dopo aver toccato un record a gennaio, i titoli dell’energia pulita hanno registrato un forte sell-off quest’anno perché gli investitori erano preoccupati per il tasso di crescita del settore.

Azioni Siemens GamesaIl più grande produttore mondiale di turbine eoliche offshore è diminuito di oltre un quinto negli ultimi cinque giorni dopo la sua quotazione in borsa. L’ultimo avviso di profitto della scorsa settimana, Che ha citato diversi fattori, tra cui il forte aumento dei prezzi delle materie prime. Finora quest’anno, il prezzo delle sue azioni è diminuito di oltre un terzo; nello stesso periodo, i concorrenti Orsted e Vestas sono diminuiti rispettivamente del 30% e del 22%.

Il CEO di GWEC Ben Backwell ha affermato che i problemi variano da mercato a mercato, ma anche in alcuni paesi ambiziosi, come il Regno Unito, Boris Johnson prevede di quadruplicare la capacità di energia eolica offshore installata Raggiungi 40 GW entro il 2030 -Il progetto potrebbe richiedere “molto, molto tempo” per essere realizzato. Ha sottolineato che i diritti sui fondali marini per i progetti di energia eolica offshore attualmente in costruzione sono stati concessi più di dieci anni fa.

Backwell ha affermato che, soprattutto nei mercati emergenti, non ci sono abbastanza fattori di “spinta” per rimuovere i combustibili fossili dal sistema energetico. L’aumento dell’energia rinnovabile è di solito solo per aumentare la capacità, non per sostituire le centrali elettriche inquinanti esistenti e durante le recessioni economiche, le aste di energia rinnovabile vengono spesso annullate.

La lettera sarà pubblicata prima della Conferenza ministeriale del G20 su Ambiente, Clima ed Energia che si terrà a Napoli questo fine settimana.

Dopo il vertice del G7 in Cornovaglia a giugno, il gruppo per il clima è rimasto deluso Piani specifici per il nuovo finanziamento del clima.

“Le azioni per combattere il cambiamento climatico sono in ritardo e il tempo sta per scadere”, hanno scritto nella lettera gli amministratori delegati tra cui Miguel Stilwell d’Andrade dell’EDP portoghese e Mary Quaney di Mainstream Renewable Power. “Le scelte fatte quest’anno e questo decennio sono fondamentali per proteggere il nostro pianeta ed evitare disastri climatici”.

La loro urgenza fa eco alle chiamate di altri gruppi, inclusa l’Agenzia internazionale per l’energia, che ha avvertito a maggio che i gruppi energetici devono Stop a tutte le nuove esplorazioni di petrolio e gas A partire da quest’anno, ha anche chiesto un'”impennata storica” ​​degli investimenti, principalmente nelle tecnologie per l’energia pulita.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *