Il costo del drone del Pentagono è “da 8 a 14 volte più costoso” dell’imbarcazione cinese vietata

[ad_1]

Secondo una nota interna del governo degli Stati Uniti letta dal “Financial Times” britannico, i droni fotocamera sviluppati dal Pentagono sono più costosi e meno funzionali dei droni di fabbricazione cinese che intendono sostituire.

La nota dei funzionari del ministero dell’Interno avverte che i cosiddetti “droni blu” non sono sufficienti per svolgere importanti lavori di protezione.

Il Pentagono spende più di 13 milioni di dollari USA per sviluppare droni che le agenzie governative possono utilizzare per sostituire i droni prodotti o assemblati in Cina. Ma le lamentele sul suo costo ed efficacia mostrano che, in assenza di ovvie alternative americane, gli Stati Uniti stanno cercando di sbarazzarsi delle difficoltà incontrate dalla tecnologia cinese.

La nota scritta dallo staff per l’amministrazione Biden in arrivo a gennaio diceva: “Possedendo solo il ‘drone blu’ [unmanned aerial systems]’Approvato, riduce la funzione del sensore DoI del 95%. .. Questo aereo è progettato per un Ministero della Difesa molto specifico [Department of Defense] L’impostazione dell’attività può soddisfare solo circa il 20% dei requisiti dell’attività DoI. “

Ha continuato ad avvertire che il costo medio di questi droni era di 2.100 dollari, da 8 a 14 volte quello degli aerei che il dipartimento era in grado di acquistare prima.

Nel 2019, l’amministrazione Trump Tutti sono a terra Tra gli 810 droni in questo reparto, perché contengono tutti parti cinesi.

La mossa fa parte di uno sforzo più ampio per limitare l’accesso degli Stati Uniti alla tecnologia sensibile, comprese le apparecchiature 5G prodotte dalla società cinese Huawei, a causa delle preoccupazioni che Pechino possa utilizzare tale hardware per lo spionaggio.

Dall’ordine del 2019, i funzionari del dipartimento sono stati in grado di riprendere i voli dei droni per controllare la combustione per prevenire gli incendi, ma non possono acquistare nuovi aerei o avviare voli per altre attività come il monitoraggio di animali selvatici.

Allo stesso tempo, i membri del Congresso stanno discutendo misure per vietare l’utilizzo di fondi federali per l’acquisto di droni fabbricati o assemblati in Cina.

Il Pentagono ha speso anni e milioni di dollari lavorando con aziende private per sviluppare cinque droni, che secondo lui possono essere tranquillamente utilizzati dalle agenzie governative.

Ma secondo uno Rapporto del Dipartimento della Difesa L’anno scorso, almeno quattro di loro contenevano ancora un gran numero di parti cinesi, compresi i circuiti stampati.

Un funzionario del governo ha affermato che l’amministrazione Biden sta rivedendo la sua intera flotta di droni civili per determinare quale aereo può volare in sicurezza, ma finora non ha annullato l’ordine di messa a terra dell’era Trump.

Il ministero dell’Interno ha rifiutato di commentare.

Andrew Mousto, vicedirettore del Dipartimento per l’innovazione della difesa del dipartimento di sviluppo degli UAV del Pentagono, ha dichiarato: “Questi sistemi… ereditano alcune delle capacità focalizzate sul Dipartimento della Difesa che hanno implicazioni sui costi associate. DIU riconosce questi cinque. Il sistema è solo il primo passo nella rapida adozione della tecnologia dei droni commerciali da parte del governo”.

Ha aggiunto che il Dipartimento della Difesa sta cercando di ridurre i costi e aumentare le capacità dei droni che ha contribuito a sviluppare per soddisfare le esigenze di altri dipartimenti.

Sebbene i funzionari abbiano discusso sulla sicurezza dei droni esistenti del governo, una nota interna del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha avvertito che le protezioni richieste dalla legge non sono state attuate.

“La situazione attuale rende quasi impossibile per il dipartimento rispettare la legislazione come il John Dingle Jr. Protection, Management and Entertainment Act”, ha affermato. Il disegno di legge prevede, tra l’altro, la mappatura e la tutela di ampi tratti di suolo pubblico.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *