Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti mette in guardia le aziende sui rischi legati allo Xinjiang, China Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: il 3 settembre 2018, nella contea di Huocheng, nella regione autonoma di Xinjiang Uygur, in Cina, una guardia di sicurezza si trova alla porta del centro di educazione delle competenze professionali ufficialmente noto. REUTERS/Thomas Peter/File Photo

Washington (Reuters) – Martedì il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha emesso un avviso sulla catena di approvvigionamento relativo alla provincia cinese dello Xinjiang, avvertendo di potenziali rischi legati al lavoro forzato e alle violazioni dei diritti umani.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha dichiarato in una nota: “Data la gravità e l’entità di queste violazioni, le aziende e gli individui che non si ritirano dalle catene di approvvigionamento, dalle aziende e/o dagli investimenti relativi allo Xinjiang possono affrontare elevati rischi di violazione delle leggi statunitensi.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati facendo affidamento su dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *