Il direttore del CERN chiede una nuova normalità dopo la pandemia di coronavirus

[ad_1]

Fabiola Gianotti, direttore generale del Centro di ricerca scientifica del CERN, ha dichiarato alla CNBC di temere che la scienza possa essere in gran parte dimenticata dopo la pandemia di coronavirus.

“Certo che c’è il pericolo, una volta che arriva la crisi, [is] Gianotti ha detto a Steve Sedgwick della CNBC all’annuale Forum Ambrosetti venerdì: Situato sulla riva del Lago di Como, in Italia.

Tuttavia, crede che si sia imparato molto dalla pandemia e che il mondo sia diverso. Gianotti spera che il mondo non torni alla “vecchia normalità”, ma spera che emerga una “nuova normalità”, basata sui principi positivi emersi durante questa crisi, come la cooperazione.

Per garantire che tale cooperazione continui, soprattutto considerando il dibattito sulle esenzioni dai brevetti per i vaccini contro il coronavirus, Gianotti ha affermato che è importante un dialogo tra il governo e il settore privato.

Questi due Amministrazione Biden insieme a Parlamento europeo Sostenere l’abbandono della protezione della proprietà intellettuale per il vaccino Covid-19 in modo che i paesi possano permetterselo. Però, Lobbista medico Opporsi all’esenzione proposta.

Fabiola Gianotti, direttore generale del Centro europeo per la ricerca nucleare (CERN), interviene al 30° anniversario del World Wide Web tenutosi al Centro europeo per la ricerca nucleare (CERN) a Meyrin, vicino a Ginevra, il 12 marzo 2019.

Fabrice Cofrini | AFP | Getty Images

Gianotti ha affermato che il dialogo tra pubblico e privato è importante per far sì che “prevalga l’interesse comune e prevalga la visione condivisa a lungo termine di ciò che è importante per l’umanità”. [over] Interessi personali, personali, nazionali e aziendali. “

Ritiene che in futuro debba essere adottato il “primo approccio ai valori” e la società si impegna a garantire che “la scienza e la conoscenza [are] Chiunque può accedere. “

Gianotti ha sottolineato che una delle principali lezioni della pandemia è che tali crisi hanno esacerbato le disuguaglianze in tutto il mondo, ampliato il divario tra paesi sviluppati e paesi in via di sviluppo e coloro che non hanno accesso a “istruzione, tecnologia e assistenza sanitaria”. .

Per saperne di più

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *