Il direttore di Toshiba si dimette avvertendo che la società è più instabile

[ad_1]

Gli azionisti di Toshiba hanno “instabilità e incertezza” a lungo termine Gruppo aziendale in difficoltà E il loro Voto scioccato Un direttore che non ha avuto altra scelta che dimettersi dopo che gli investitori hanno resistito venerdì scorso ha detto che il presidente del consiglio di amministrazione della società sarà rimosso.

George Alcott ha espresso forti dubbi sul voto di rimozione in un discorso esclusivo al Financial Times dopo le sue improvvise dimissioni venerdì. Chang Shanxiu – Ha descritto come uno dei pochi leader aziendali giapponesi in grado di supervisionare la trasformazione in scala che Toshiba sta ora richiedendo.

“La rimozione di lui come presidente prolungherà solo l’instabilità e l’incertezza mentre priverà il consiglio di amministrazione di leader eccezionali. Non riesco a capire come questo sviluppo rappresenti un buon risultato per l’azienda o uno qualsiasi dei suoi stakeholder”, ha detto Olco Te che è un ex investimento banchiere di SG Warburg ed è membro del consiglio di amministrazione di diverse società giapponesi.

Il suo discorso è stato pronunciato dopo l’assemblea generale annuale (AGM) di Toshiba tenutasi venerdì, che si è tenuta dopo mesi di aggravamento delle turbolenze della società e la vittoria senza precedenti degli attivisti degli azionisti che operano in Giappone.

Nagayama è stato licenziato dagli azionisti all’assemblea generale annuale. In precedenza, alcuni investitori avevano chiesto la rimozione dell’intero consiglio di amministrazione. Poiché la leadership dell’azienda ha ripetutamente fallito, molte persone credono che l’azienda abbia una tecnologia preziosa e un potenziale di crescita.

“Credo che il piano del signor Nagayama di sviluppare un nuovo corso per Toshiba per aumentare il suo valore aziendale sia ambizioso ma realizzabile, e non vedo l’ora di aiutare lui e il consiglio di amministrazione in questo senso”, ha affermato Alcott.

Ma altri si sono fortemente opposti all’avvertimento di Alcott sull’instabilità di Toshiba e hanno invece affermato che, nonostante il processo caotico, il principale parafulmine per la sfiducia degli azionisti nei confronti della leadership di Toshiba è stato eliminato nelle ultime due settimane.

Raymond Zage, direttore non esecutivo di Toshiba, ha affermato che subito dopo l’assemblea generale annuale degli azionisti di venerdì scorso, il consiglio di amministrazione doveva essere coerente e chiaro sulle questioni a cui prestare attenzione.

“La causa principale dell’instabilità di Toshiba è la perdita di fiducia nei nostri azionisti e indagini indipendenti hanno confermato che questa perdita di fiducia è giustificata. Siamo pienamente concentrati sulla necessità di ripristinare questa fiducia, oltre a fornire stabilità e certezza ai nostri dipendenti e clienti L’importanza del sesso”, ha dichiarato Zage al Financial Times.

La rimozione di Changshan venerdì ha costretto l’amministratore delegato ad interim della società, Satoshi Tsunakawa, a ricoprire il ruolo di presidente ad interim del consiglio di amministrazione fino a quando Toshiba non potrà convocare un’assemblea straordinaria degli azionisti per nominare un nuovo gruppo dirigente che includa almeno quattro nuovi membri del consiglio non esecutivi.

L’Assemblea Generale Annuale degli Azionisti ha emesso una copia questo mese Rapporto indipendente esplosivo Inserisci le attività relative al meeting annuale 2020 di Toshiba. Il rapporto accusava la compagnia di colludere con il governo giapponese per sopprimere gli azionisti attivisti.

Nei giorni che hanno preceduto l’assemblea generale annuale degli azionisti venerdì scorso, sempre più grandi azionisti istituzionali hanno dichiarato al Financial Times di non poter dimostrare la ragione per cui hanno votato per la rielezione di Changshan.

Sebbene Nagayama sia stato presidente del consiglio di amministrazione e capo del comitato per le nomine dopo l’assemblea generale annuale del 2020, ritenevano che avrebbe dovuto essere responsabile della gestione delle indagini di Toshiba e hanno concluso che non c’erano problemi.

Ma anche altre figure hanno partecipato al dibattito per difenderlo, tra cui l’ex ambasciatore di Barack Obama a Tokyo, John Rose, che ha rilasciato una dichiarazione prima dell’assemblea annuale degli azionisti elogiando Changshan come “agente di cambiamento positivo, non protettore dello status quo. ”

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *