Il dollaro USA è saldamente vicino al massimo di 3 mesi dopo che i verbali della riunione della Fed hanno ribadito il programma di riduzione – shareandstocks.com

[ad_1]

Giovedì, dopo che i verbali della riunione politica della Fed di giugno hanno confermato che la più grande banca centrale del mondo ha ridotto la scala degli acquisti di attività non appena quest’anno, il tasso di cambio del dollaro USA contro le principali valute era vicino al massimo di tre mesi.

Questo Indice del dollaroIl dollaro USA, che misura il dollaro USA contro sei concorrenti, è salito leggermente a 92,759 dopo aver toccato i 92,844 durante la notte per la prima volta dal 5 aprile.

I funzionari della Fed hanno affermato che ulteriori sostanziali progressi nella ripresa economica sono “solitamente considerati non raggiunti”, sebbene i partecipanti si aspettino che i progressi continuino e concordino sul fatto che se l’inflazione o altri rischi diventano realtà, devono essere pronti ad agire, secondo il Federal Open meeting Il Market of Records Committee (FOMC) ha pubblicato mercoledì la sua riunione politica di giugno.

Dal verbale della riunione è emerso che i “vari partecipanti” alla riunione ritenevano ancora che le condizioni per frenare l’offerta di liquidità al mercato per l’acquisto di obbligazioni sarebbero state “anticipate rispetto a quanto previsto”, mentre altri ritenevano che i segnali provenienti dall’imminente i dati non erano chiari.

Gli economisti intervistati da Reuters prevedono che la Fed annuncerà una riduzione del suo piano di acquisto di attività ad agosto o settembre. Sebbene la maggior parte delle persone preveda che i propri piani di acquisto di obbligazioni verranno ridotti per la prima volta all’inizio del prossimo anno, circa un terzo degli intervistati prevede che ciò accadrà nell’ultimo trimestre di quest’anno.

Carol Kong, una stratega della Commonwealth Bank of Australia, ha scritto in un rapporto del cliente: “Il Federal Open Market Committee è ancora una delle banche centrali più aggressive nella nostra copertura” e alla fine discuterà del ridimensionamento alla riunione politica di questo mese.

“Pertanto, prevediamo che il dollaro USA tenderà a essere scambiato al rialzo”.

Il dollaro USA era piatto a $ 1,1791 contro il dollaro USA euroIl massimo di tre mesi di 1,17815 dollari raggiunto durante la notte è appena terminato, quando i dati tedeschi hanno sollevato dubbi sulla forza della ripresa economica europea.

Lo ZEW Institute for Economic Research ha riferito che il sentiment degli investitori in Germania, la più grande economia dell’Eurozona, è diminuito drasticamente a luglio, ma è rimasto a un livello molto alto.

Più tardi giovedì, il presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde terrà una conferenza stampa dopo che le autorità monetarie annunceranno i risultati di una revisione strategica di 18 mesi, che potrebbe includere la modifica dell’obiettivo di inflazione da “sotto ma vicino al 2%” Aumentato al 2% . %” Attualmente, in teoria, ciò consentirà all’inflazione di superare il limite.

Per altri aspetti, il dollaro USA è sceso leggermente a 110.585 Yen giapponese, Perché la coppia di valute continua a essere trascinata verso il basso dal calo dei rendimenti dei titoli del Tesoro USA.

Dopo essere sceso durante la notte all’1,2960% per la prima volta da metà febbraio, giovedì il titolo del Tesoro statunitense a 10 anni di riferimento ha reso l’1,3196% in Asia.

Questo dollaro australianoConsiderato ampiamente come un rappresentante della propensione al rischio, il prezzo della transazione è sceso dello 0,2% a $ 0,74650, ma era ancora vicino al centro di un’ampia gamma delle ultime tre settimane.

Il governatore della Reserve Bank of Australia Philip Lowe ha ribadito giovedì che il tasso di disoccupazione dovrà scendere ulteriormente e rimanere a un livello basso del 4% per aumentare l’inflazione.Questo risultato non dovrebbe apparire fino al 2024.

Il giorno prima, la banca centrale ha annunciato che la portata del terzo round del programma di allentamento quantitativo sarà inferiore rispetto ai due precedenti round, facendo così il primo passo per ridurre gradualmente le misure di stimolo.

allo stesso tempo, Dollaro neozelandese È sceso al di sotto dell’importante barriera psicologica dei 70 centesimi, in calo dello 0,4% a 0,69920 dollari.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *