Il DUP dell’Irlanda del Nord eleggerà un altro nuovo leader il 26 giugno

[ad_1]

Il travagliato Partito dell’Unità Democratica dell’Irlanda del Nord ha fissato il 26 giugno come terza data per le elezioni del leader dalla fine di maggio, nel tentativo di porre fine a un periodo di caos che ha messo in pericolo il governo decentralizzato nella regione.

Giovedì sera, Edwin Poots è stato costretto a entrare in carica dopo aver violato il suo partito e aver accettato di fare concessioni al nazionalista Sinn Féin per salvare dal crollo il governo di condivisione del potere nella regione.

Questo creazionista della linea dura è stato nominato solo 21 giorni fa, a condizione che fosse più duro di Arlene Foster su questioni fondamentali del sindacalismo, che è stata espulsa principalmente perché non ha preso misure sufficienti per fermare il Regno Unito. dopo la Brexit. Gli unionisti credono che il confine doganale sia un attacco alla loro identità.

Il DUP ha detto sabato sera che accetterà le candidature per il successore di Poots entro mezzogiorno di martedì. È ampiamente previsto che il deputato di Westminster Jeffrey Donaldson sia stato sconfitto da Poots con un margine ristretto alle elezioni del mese scorso. Nessuna obbiezioneLa scorsa settimana, persone tra cui il collega del DUP Nigel Dodds e il membro del DUP Stormont Jim Wells hanno dichiarato al Financial Times.

Il voto verrà conteggiato sabato prossimo e il nuovo leader sarà approvato alla riunione plenaria del comitato esecutivo del DUP che si terrà in seguito.

Paul Givan, che è stato nominato primo ministro dal suo mentore di lunga data Poots lo scorso giovedì pomeriggio, dovrebbe rimanere in carica fino ad allora, sebbene la sua nomina ignori i voti dei consiglieri del DUP e dei membri di Stormont. Sono arrabbiati per il fatto che l’accordo per continuare il governo dell’Irlanda del Nord dopo la partenza di Foster si basi sulla mediazione diretta di Westminster e sull’approvazione dei rapidi requisiti legislativi dello Sinn Fein per migliorare lo status della lingua irlandese.

Wells è uno stretto alleato di Putz e ha detto che durante il fine settimana ci sono state segnalazioni secondo cui a Shay è stato detto di dimettersi una volta nominato un nuovo leader “sembra molto accurato”. I leader del DUP non possono rimuovere legalmente il primo ministro. Wells ha detto che Shay sarebbe andato se gli fosse stato chiesto.

Una volta che Shayman si dimette, il nuovo leader deve decidere se nominare un altro primo ministro sulla base di un accordo con lo Sinn Fein, o rifiutarsi di nominare qualcuno. Nel contesto dell’intensificazione dei negoziati sulla Brexit e sulla riunificazione irlandese, con l’aumentare delle tensioni nella regione, questa mossa innescherà elezioni anticipate.

Sabato il leader irlandese Michael Martin ha fatto una valutazione ottimistica della situazione. Dillo al giornalista“Abbiamo prestato attenzione a come stanno andando le cose, soprattutto in un vuoto politico, ma allo stesso tempo penso che il DUP e i partiti del nord abbiano la capacità di tirarlo indietro”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *