Il fondo pensione britannico chiede il “big bang” agli investimenti

[ad_1]

Dinamiche del settore pensionistico

Boris Johnson ha invitato i fondi pensione britannici a investire più denaro dai risparmiatori in attività britanniche per innescare una “esplosione di investimenti” per sostenere la ripresa economica.

In una lettera all’industria degli investimenti, il Primo Ministro britannico e Cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak (Rishi Sunak) ha affermato che gli investitori istituzionali britannici devono “cogliere l’opportunità” e utilizzare le loro “decine di miliardi di sterline” per sostenere i soliti beni con rendimenti a lungo termine, come infrastrutture, inclusi ponti, strade e parchi eolici.

Credono che le attività britanniche siano state ignorate dagli investitori nazionali. “Gli investitori istituzionali britannici sono sottorappresentati nel possedere asset britannici”, afferma la lettera. “Più dell’80% degli investimenti in fondi pensione a contribuzione fissa del Regno Unito sono principalmente titoli quotati, che rappresentano solo il 20% delle attività del Regno Unito”.

Alcuni dei più grandi fondi pensione del mondo, compresi quelli del Canada e dell’Australia Sostenere attivamente i progetti infrastrutturali, Compreso nel Regno Unito, i funzionari affermano che ciò fornisce un reddito a lungo termine per i loro investitori.

I ministri sperano inoltre che milioni di risparmiatori pensionistici possano supportare meglio le aziende tecnologiche britanniche ad alta crescita, che spesso mancano di investimenti istituzionali perché i gestori di fondi sono nervosi nel sostenere le start-up più rischiose e in perdita.

I fiduciari dei fondi pensione sono responsabili di agire nel migliore interesse dei loro membri e le commissioni e gli oneri più elevati associati a investimenti non standard come infrastrutture e private equity sono visti come ostacoli all’introduzione di liquidità in questi settori.

Per risolvere questo problema, il governo quest’anno Rilassato 0,75% delle commissioni Il tetto protegge i milioni di risparmiatori nei piani pensionistici a contribuzione definita da spese elevate, in modo che i fiduciari possano investire in Private equity e altri settori, Le commissioni ad alte prestazioni sono comuni.

La Financial Conduct Authority sta anche contribuendo alla costituzione di un fondo patrimoniale a lungo termine, uno strumento di investimento pensato per promuovere l’investimento di liquidità nei fondi pensione Attività non liquide e a lungo termine. Ciò è supportato dal gruppo di lavoro sulla finanza produttiva presieduto dal ministro della città John Glen, che sta studiando gli ostacoli all’investimento in tali attività.

La lettera affermava che il governo “sta facendo tutto il possibile, non costringendo più investimenti in queste aree, come sostengono alcuni, per incoraggiare gli investitori istituzionali a cambiare il loro modo di pensare e il loro comportamento”.

Ha aggiunto: “Il governo è ancora disposto ad affrontare ulteriori ostacoli dove si trovano”.

Dom Hallas, direttore esecutivo del gruppo tecnologico e commerciale Coadec, ha affermato che l’investimento in fondi pensione è “la prossima grande mossa nell’ecosistema delle start-up del Regno Unito… Prima passiamo dalla discussione all’allocazione del capitale, meglio è”.

La Pensions and Life Savings Association, che rappresenta piani pensionistici con 30 milioni di risparmiatori e oltre 1,3 trilioni di sterline in attività, ha affermato di sostenere l’ambizione del governo di garantire che i fondi pensione abbiano l’opportunità di investire nella più ampia gamma di attività.

“Inoltre, benvenuti a vedere tutti [them] Il presidente di PLSA Richard Butcher ha dichiarato di aver riconosciuto che non esiste un’unica “risposta giusta” quando si tratta di quanti asset del Regno Unito a lungo termine dovrebbero essere investiti dai fiduciari dei fondi pensione.

Gli sforzi del governo per incoraggiare i fiduciari a utilizzare più denaro per le pensioni per aiutare la ripresa economica del paese hanno causato preoccupazioni in alcune aree del settore.

Andrew Warwick-Thompson, l’ex direttore esecutivo della politica di regolamentazione per i regolatori delle pensioni, ha accusato il governo a maggio di riformare i massimali delle commissioni pensionistiche sul posto di lavoro per “soddisfare” le società di gestione patrimoniale, che secondo lui avrebbero aggiunto centinaia di 10.000 spese per i risparmiatori pensionistici sul posto di lavoro.

Roger Barker, direttore della politica presso l’Istituto di amministrazione, ha anche affermato che mancano dettagli su come il governo raggiungerà i suoi obiettivi.

“Il modello di business di molti investitori istituzionali britannici è molto focalizzato sul raggiungimento di risultati finanziari a breve termine. Non è chiaro come i cambiamenti proposti dal governo in questa lettera modificheranno sostanzialmente le loro pratiche a lungo termine”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *