Il G7 chiede alla Cina su Xinjiang, Hong Kong e Taiwan

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: la bandiera cinese appare a Pechino, in Cina, il 29 aprile 2020. REUTERS/Thomas Peter

Guy Fulcombridge

Cabis Bay, Regno Unito (Reuters)-I leader del Gruppo dei Sette hanno invitato la Cina a rispettare i diritti umani nella regione dello Xinjiang, a concedere a Hong Kong un alto grado di autonomia ed evitare azioni unilaterali che potrebbero minare la stabilità nell’Est e Mar Cinese Meridionale. La bozza di comunicato del vertice del G7 vista da Reuters.

Il riemergere della Cina come potenza leader nel mondo è considerato uno degli eventi geopolitici più importanti dei tempi moderni, proprio come il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991 e la fine della Guerra Fredda.

Ma il ritorno della Cina come potenza globale mette a disagio gli Stati Uniti: il presidente Joe Biden considera la Cina un importante concorrente strategico e ha promesso di combattere gli “abusi economici” della Cina e contrastare le violazioni dei diritti umani.

“Promuoveremo i nostri valori, inclusa la richiesta alla Cina di rispettare i diritti umani e le libertà fondamentali, in particolare nello Xinjiang e nei diritti, le libertà e l’alto grado di autonomia dello Xinjiang e di Hong Kong contenuti nella Dichiarazione congiunta sino-britannica”, ha affermato il G7 in una dichiarazione quasi definitiva comunicato.

Prima che apparissero le critiche del G7, la Cina avvertì bruscamente i leader del G7 che l’era in cui il “piccolo” gruppo di nazioni determinava il destino del mondo era ormai lontana.

Il G7 ha anche affermato di aver sottolineato “l’importanza della pace e della stabilità nello stretto di Taiwan e di incoraggiare la risoluzione pacifica delle questioni che attraversano lo stretto”.

“Esprimiamo ancora seria preoccupazione per la situazione nel Mar Cinese Orientale e nel Mar Cinese Meridionale e ci opponiamo fermamente a qualsiasi tentativo di modificare unilateralmente lo status quo e aumentare la tensione”.

“Chiediamo anche uno studio dell’OMS tempestivo, trasparente, guidato da esperti e basato sulla scienza sull’origine di COVID-19, comprese le raccomandazioni del rapporto di esperti, da condurre in Cina”, si legge nel comunicato quasi finalizzato.

Un portavoce dell’ambasciata cinese a Londra ha dichiarato: “Sono finiti i giorni in cui le decisioni globali venivano prese da pochi paesi”.

“Abbiamo sempre creduto che tutti i paesi, grandi o piccoli, forti o deboli, ricchi o poveri, siano uguali e che gli affari mondiali debbano essere gestiti da tutti i paesi attraverso la consultazione”.

Pechino ha ripetutamente combattuto contro i tentativi delle potenze occidentali di contenere la Cina e ha affermato che molte grandi potenze sono ancora vincolate da un pensiero imperiale obsoleto dopo aver umiliato la Cina per molti anni.

Esperti delle Nazioni Unite e organizzazioni per i diritti umani stimano che negli ultimi anni più di un milione di persone siano state detenute nell’enorme sistema di campi di concentramento dello Xinjiang, principalmente uiguri e altre minoranze musulmane.

La Cina nega tutte le accuse di lavoro forzato o abusi. Inizialmente ha negato l’esistenza di questi campi, ma in seguito ha affermato che si trattava di centri di carriera volti a combattere l’estremismo. Alla fine del 2019, la Cina ha dichiarato che tutti nel campo di concentramento si erano “laureati”.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *