Il giro di vite della Cina sulle quotazioni statunitensi minaccia il mercato da 2 trilioni di dollari

[ad_1]

Pechino prevede di inasprire le restrizioni alle quotazioni all’estero delle società cinesi, che ha fatto scalpore nel mondo finanziario globale, e questo sviluppo potrebbe minacciare le azioni di Wall Street del valore di oltre 2 trilioni di dollari USA.

Ma la vaghezza e la natura massiccia dell’annuncio di martedì, seguito da Sopprimere Didi, un gruppo di passeggeri quotato a New York, ha diffuso il caos tra commercianti e banchieri d’investimento. Le società cinesi stanno già riconsiderando la quotazione negli Stati Uniti, che è un affare redditizio per Bank of America.

Cosa ha annunciato la Cina?

L’annuncio è arrivato dai massimi leader cinesi e ha affermato che le riforme sono “guidate dal pensiero di Xi Jinping sul socialismo con caratteristiche cinesi in una nuova era”.

Le linee guida minacciano di rafforzare la vigilanza sui certificati di deposito americani quotati dai gruppi cinesi negli Stati Uniti e “misure efficaci per far fronte a rischi ed emergenze causati dalle società cinesi di ADR”.

Yi Huiman, presidente della China Securities Regulatory Commission, ha definito questo “un nuovo punto di partenza per la modernizzazione”. [the country’s] Sistema di governo del mercato dei capitali”.

Ma banchieri ed esperti hanno affermato che l’annuncio indicava che sarebbe diventato più difficile per le società cinesi diventare pubbliche negli Stati Uniti, in particolare quelle società le cui attività si basano molto sui dati, se consentito.

“Posso vedere un divieto totale di quotazione negli Stati Uniti? Sì”, ha detto Fraser Howey, analista indipendente ed esperto del sistema finanziario cinese. Ha aggiunto che la struttura di “entità a interesse variabile” utilizzata dai gruppi cinesi per emettere azioni a New York potrebbe anche subire maggiori pressioni da Pechino. Si tratta di entità offshore utilizzate per eludere le regole sugli investimenti esteri in alcuni settori in Cina.

Secondo i dati della US-China Economic and Security Review Commission, ci sono quasi 250 società cinesi quotate a New York, con un valore di mercato totale di 2,1 trilioni di dollari.

Cosa c’è dietro questa mossa?

Le linee guida indicano chiaramente che i dati sono una questione di sicurezza nazionale. Indagine su Didi Solo pochi giorni dopo l’offerta pubblica iniziale di 4,4 miliardi di dollari della scorsa settimana, è stato rilasciato dal National Internet Information Office (CAC) cinese.

Una persona vicina a Didi ha affermato che il CAC ha raccomandato alla società di posticipare la sua quotazione fino a quando non avrà condotto una revisione della sicurezza dei dati. Didi ha negato di sapere che i regolatori avevano intenzione di intervenire prima dell’offerta pubblica iniziale.

Il consulente del CAC Zuo Xiaodong ha dichiarato ai media locali che gli Stati Uniti hanno approvato una legge nel dicembre dello scorso anno che impone alle società cinesi quotate negli Stati Uniti Invia all’audit negli Stati Uniti Può causare la fuga di dati importanti all’estero.

Tuttavia, gli esperti legali hanno affermato che attualmente non esiste una legge che consenta al CAC o ad altre istituzioni di intervenire negli elenchi all’estero per motivi di sicurezza dei dati, quindi è necessario rafforzare la supervisione.

“In passato, la maggior parte delle società cinesi quotate sui mercati esteri attraverso società offshore [a VIE]Questo è completamente al di là delle capacità dei regolatori cinesi. .. In futuro potrebbe esserci una sorta di processo di segnalazione e revisione. “Ha detto Luo Zhiyu, un partner dello studio legale DeHeng.

Nel marzo di quest’anno, la US Securities and Exchange Commission ha iniziato a introdurre regole che minacciavano che se le società straniere non rispettassero gli standard di audit statunitensi per tre anni, sarebbero state cancellate dalle borse statunitensi. Una persona coinvolta nei negoziati ha dichiarato che gli Stati Uniti hanno respinto la proposta della Cina secondo cui i suoi regolatori effettuano audit e ispezioni e presentano le loro conclusioni al Comitato di supervisione contabile delle società quotate negli Stati Uniti.

Le nuove linee guida della Cina sottolineano la necessità di “approfondire ulteriormente la cooperazione nella supervisione degli audit transfrontalieri”, indicando che la Cina è aperta alla cooperazione. Ma questo confonde gli esperti legali. “Non è in corso una cooperazione in materia di audit, quindi non c’è nulla da approfondire”, ha affermato un avvocato regolamentatore statunitense.

Paul Leder, l’ex direttore dell’Ufficio per gli affari internazionali della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, direttamente coinvolto nei negoziati con la Cina su questioni di audit, ha affermato che la formulazione della cooperazione è “incoraggiante… ma la vera domanda è se Disposto ad impegnarsi nella supervisione diretta delle società di revisione estere richiesta dalla legge statunitense.”

Quanto è grande l’impatto?

Banchieri e analisti hanno affermato che le nuove normative potrebbero minacciare società tecnologiche cinesi da miliardi di dollari che intendono quotarsi a New York, che ha una profondità di mercato maggiore di Hong Kong e meno restrizioni di capitale rispetto a Shanghai o Shenzhen.

“Possiamo vedere che molte aziende cinesi stanno decisamente riconsiderando se dovrebbero andare negli Stati Uniti… Gli emittenti stanno prendendo la cosa più seriamente”, ha affermato il capo asiatico dei mercati dei capitali di una banca d’investimento statunitense.

“Qualsiasi transazione deve essere completata con un enorme sconto”, ha affermato un partner di un importante studio legale statunitense.

Il capo dei mercati dei capitali di una banca di Hong Kong a Wall Street ha affermato che i banchieri si stanno preparando per la seconda metà “difficile” di quest’anno.

Chi sono i vincitori e i perdenti?

Secondo i dati di Refinitiv, i maggiori perdenti potrebbero essere il Nasdaq e il New York Stock Exchange.L’IPO della Cina su queste due borse ha raccolto più di 106 miliardi di dollari. Negli ultimi anni, queste quotazioni sono diventate il fulcro delle entrate di Wall Street Bank, raccogliendo circa 24 miliardi di dollari negli ultimi 18 mesi.

Bruce Pang, direttore della ricerca della banca d’investimenti Huaxing Capital, ha dichiarato: “Per le aziende con esigenze di finanziamento offshore, d’ora in poi, la loro migliore destinazione per la quotazione sarà Hong Kong”.

Il ruolo del venture capital straniero e del private equity nel finanziamento delle start-up cinesi significa che i gruppi tecnologici continueranno a subire pressioni per quotarsi al di fuori della Cina continentale, al di là dei loro rigidi controlli sui capitali.

“Per grandi aziende e [IPOs] Pronto. .. Andrai subito a Hong Kong”, ha detto il capo dei mercati azionari asiatici.

Quello che è successo dopo?

L’ampio linguaggio delle linee guida significa che i regolatori possono intervenire leggermente nelle forze dell’ordine, ma gli intervistati dal Financial Times erano scettici.

Il partner dello studio legale statunitense ha dichiarato: “Indipendentemente dall’impatto diretto su Didi, la quotazione negli Stati Uniti è ora un avvertimento per le società cinesi e gli investitori americani”.

“Sempre più aziende saranno costrette a delisting [from the US] E a Hong Kong per il riacquisto di azioni e la quotazione simultanea”, ha affermato Howe, un esperto finanziario cinese.

Ha aggiunto che se i capi di un grande gruppo tecnologico cinese elencato negli Stati Uniti resistono a qualsiasi motivazione per il delisting, potrebbero affrontare gravi conseguenze. “Se fossi una celebrità cinese di Internet, sarei molto preoccupato di essere rinchiuso in una cella”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *