Il giudice respinge la denuncia antitrust, il valore di mercato di Facebook supera $ 1 trilione Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: in questa illustrazione scattata il 25 marzo 2020, puoi vedere un logo Facebook stampato in 3D posizionato sulla tastiera. REUTERS/Dado Ruvic/Illustrazione/Foto d’archivio

Autori: Diane Bartz ed Elizabeth Culliford

Washington (Reuters)-Lunedì, un giudice degli Stati Uniti ha respinto le denunce antitrust federali e statali Facebook (Nasdaq:) Tentativo di costringere la società di social media a vendere Instagram e WhatsApp, affermando che la denuncia federale “non era abbastanza legale”.

Dopo l’annuncio della sentenza, il prezzo delle azioni di Facebook è aumentato di oltre il 4%. L’aumento dei prezzi delle azioni ha portato per la prima volta la capitalizzazione di mercato di Facebook a superare i mille miliardi di dollari.

Il licenziamento è stato il primo grande colpo alle cause statali e federali contro le grandi aziende tecnologiche lo scorso anno che hanno cercato di controllare il presunto abuso del loro enorme potere di mercato.

Il giudice della Corte distrettuale degli Stati Uniti James Boasberg per il Distretto di Columbia ha dichiarato che la FTC non è riuscita a dimostrare che Facebook ha il monopolio sul mercato dei social network, ma ha affermato che la FTC potrebbe presentare una nuova denuncia prima del 29 luglio.

Ha anche respinto le cause legali in più stati degli Stati Uniti, affermando di aver aspettato troppo a lungo per contestare le acquisizioni di Instagram e WhatsApp rispettivamente nel 2012 e nel 2014. Il giudice non ha invitato gli stati a presentare un nuovo ricorso.

Un portavoce dell’ufficio del procuratore generale di New York ha affermato che “sta valutando le nostre opzioni legali”.

Facebook ha chiesto l’archiviazione di queste cause.

Riguardo alla causa della FTC, il giudice ha scritto: “Sebbene il tribunale non sia d’accordo con tutte le argomentazioni fatte da Facebook qui, alla fine concorda sul fatto che la denuncia dell’agenzia è legalmente inadeguata e deve essere respinta”.

Un portavoce di Facebook ha dichiarato: “Siamo molto lieti che la decisione odierna riconosca che la denuncia del governo contro Facebook è viziata”.

Uno dei punti salienti dell’opinione della FTC è che il giudice ha affermato che l’agenzia “ha una posizione più ferma nel rivedere le acquisizioni di Instagram e WhatsApp perché il tribunale ha respinto l’argomento di Facebook secondo cui la FTC non ha il diritto di chiedere un provvedimento ingiuntivo contro questi acquisti.

L’anno scorso la Federal Trade Commission e un folto gruppo di stati hanno intentato cause separate, accusando Facebook di aver violato le leggi antitrust e di aver bloccato i concorrenti più piccoli acquisendo Instagram e WhatsApp per 1 miliardo di dollari per acquisire concorrenti per 19 miliardi di dollari.

Il giudice ha riscontrato un difetto nella rivendicazione della quota di mercato

L’anno scorso, il governo federale e gli stati hanno intentato cinque cause contro Facebook e Google di Alphabet (NASDAQ :) Inc dopo che le due parti erano arrabbiate per l’influenza economica e politica dei social media.

Il giudice ha affermato che la FTC non ha pienamente supportato la sua affermazione secondo cui Facebook ha una quota di mercato superiore al 60%. Ma Boasberg ha affermato che l’agenzia potrebbe risolvere questo problema registrando nuovamente.

Il giudice ha anche criticato parte del caso FTC, ovvero il suo rifiuto di consentire licenze di interoperabilità con applicazioni concorrenti.

Il senatore repubblicano Josh Hawley ha criticato la decisione della corte sulla causa della FTC come “profondamente deludente”.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidamento a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *