Il grosso problema della Fed Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: l’edificio del Comitato della Federal Reserve è stato portato a Washington, negli Stati Uniti, il 19 marzo 2019. REUTERS/Leah Millis//File Photo

(Reuters)-

1/ Cono di parlare

La Fed si incontrerà martedì e mercoledì e sembra che discuterà quando e come iniziare a ridurre le dimensioni delle obbligazioni, sebbene l’aumento del numero di varianti Delta abbia indotto molti politici a sperare che i rischi economici della pandemia finiscano.

Nel giugno di quest’anno, i funzionari hanno iniziato a discutere quando iniziare a ridurre i 120 miliardi di dollari di acquisti mensili di buoni del Tesoro statunitensi e titoli garantiti da ipoteca, sebbene il tasso giornaliero di nuove infezioni negli Stati Uniti sia raddoppiato da allora, è improbabile che per metterlo da parte.

L’aumento del delta è troppo nuovo per essere mostrato nei dati, ma i dati riflettono un problema crescente: l’inflazione è molto più alta del previsto e la crescita dell’occupazione è ancora molto al di sotto dell’obiettivo “massima occupazione”.

Allo stesso tempo, il Congresso ha scatenato una lotta partigiana per aumentare il tetto del debito e il Dipartimento del Tesoro ha tecnicamente superato il tetto del debito legale il 31 luglio.

-Powell della Federal Reserve continua a formulare un piano di ripresa dell’occupazione, nervoso per l’inflazione

Grafica: che ne dici del taper? : Https://graphics.reuters.com/USA-FED/BONDS/znvnedeqnpl/chart_eikon.jpg

3/FAANG-TASTIC VS inflazione

Gli utili statunitensi sono in pieno svolgimento e gli investitori si concentreranno ora sui giganti della tecnologia per valutare se il recente passaggio dal commercio di reinflazione ai titoli in forte crescita che hanno guidato il mercato nell’ultimo decennio continuerà. Azioni FAANG-Facebook (NASDAQ:), Amazon (NASDAQ:), Apple (NASDAQ:), Netflix (NASDAQ:) e Google Mother La società Alphabet (NASDAQ:)-solitamente nota per fornire eccezionali rendimenti del mercato azionario. Ma con gli investitori che si riversano in società finanziarie, energetiche e altre società che dovrebbero beneficiare del forte rimbalzo dell’economia statunitense, solo Facebook e Alphabet supereranno Alphabet nel 2021. Le preoccupazioni per il “picco di crescita” e il ritorno di COVID-19 hanno recentemente ostacolato questa rotazione. I guadagni per Apple e Alphabet martedì, Facebook mercoledì e Amazon giovedì potrebbero accelerare il loro passaggio alla crescita. Netflix prevede che il prezzo delle azioni precipiterà dopo che l’aumento degli abbonati paganti nel terzo trimestre sarà inferiore al previsto.Questa è una storia di avvertimento.

-L’espansione del gioco di Netflix costerà tempo e denaro-Wall St

Immagine: FAANG: https://fingfx.thomsonreuters.com/gfx/mkt/myvmnmnxkpr/Pasted%20image%201626886070780.png

3/ Fantasma VS Spettacolare

Un anno dopo, negli stadi vuoti della più grande città del mondo, iniziarono le Olimpiadi nel bel mezzo della pandemia. Gli atleti non sono autorizzati a mischiarsi nel gioco, mangiare da soli e portare a casa preservativi gratuiti.

Uno spettacolo del costo di circa 15,5 miliardi di dollari non porterà turismo, entrate da biglietti e benefici economici. Per mostrare la ripresa del Giappone dal devastante terremoto del 2011, le Olimpiadi di Tokyo sono diventate così dannose che anche sponsor come Toyota hanno deciso di rilassare le onde radio e la cerimonia di apertura.

Alcune persone hanno scoperto che il tasso di vaccinazione del Giappone era rimbalzato prima delle Olimpiadi e solo il 20% della popolazione giapponese era completamente vaccinata. Ma per più di due terzi delle persone che hanno affermato di non credere che l’evento possa svolgersi in sicurezza, sarebbero due settimane tese e sperano che il virus venga messo da parte.

-Lo sponsor olimpico Toyota trasmette spot televisivi olimpici in Giappone, ma il supporto locale è debole

Immagine: COVID-19 ai Giochi Olimpici: https://graphics.reuters.com/OLYMPICS-2020/zdvxoyyrmpx/OLYMPICS-2020-CASES.jpg

4/Quale strada da percorrere?

L’estate e la vita sono facili. Quando gli investitori cercano di determinare la tendenza futura della crescita mondiale, il mercato non oscillerà selvaggiamente da una direzione all’altra.

Negli ultimi giorni, l’indice Standard & Poor’s 500 ha registrato il suo più grande calo di un giorno da mesi a causa dei timori che le varianti COVID possano interrompere la ripresa.Solo un giorno dopo, l’S&P 500 ha registrato il suo più grande aumento di un giorno da marzo. Anche la volatilità nel mercato obbligazionario è stata significativa: il rendimento dei titoli del Tesoro USA a 10 anni è crollato, per poi impostare un mese dopo il suo più grande aumento di un giorno nel mese successivo.

I dati possono alleviare o esacerbare l’ansia della crescita. Giovedì ha annunciato una stima preliminare della crescita economica degli Stati Uniti e degli indicatori di inflazione tracciati dalla Federal Reserve. Venerdì saranno pubblicati il ​​tasso di inflazione di luglio dell’Eurozona e i dati sul PIL del secondo trimestre.

-Nonostante le dolorose posizioni obbligazionarie, alcuni hedge fund insistono ancora sul trading deflazionistico

Grafico: indice S&P 500 e variazione giornaliera assoluta: https://fingfx.thomsonreuters.com/gfx/mkt/lgvdwmkwepo/stx2207.png

5/ Rompi con i Bundund

Il settore bancario europeo è uno dei pochi settori che non è ancora tornato ai massimi pre-pandemia. L’Eurozone Bank Index è attualmente in ribasso di circa il 10% rispetto a febbraio 2020 e, anche al picco del commercio di reinflazione nel giugno dello scorso anno, è ancora lontano il 2%.

Al contrario, Paneuropeo è superiore del 5% rispetto al livello raggiunto prima del crollo del COVID-19. Nonostante siano il tesoro della riapertura degli scambi, le banche europee sono ancora trascinate al ribasso dai bassi tassi di interesse e i loro margini di profitto continuano a diminuire.

Esiste una stretta relazione tra la loro performance e il rendimento dei titoli di riferimento tedeschi a 10 anni.con Banca tedesca (DE:), BNP Paribas (OTC:) e UniCredit riferiranno nei prossimi giorni, che potrebbe essere un buon momento per rompere con i Bund.

-La quota di mercato di GRAPHIC-Deutsche Bank si riduce in alcune aree

Grafico: Bund vs Banca: https://fingfx.thomsonreuters.com/gfx/mkt/zgpomwbmjpd/Pasted%20image%201626946006309.png



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *