Il mercato si è bloccato prima del test della Fed, il dollaro USA si aggirava al massimo di quasi un mese Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: il 28 aprile 2010, un dipendente della Korea Exchange Bank ha contato banconote da $ 100 mentre scattava foto presso la sede della Seoul Bank. REUTERS/Jo Yong-Hak

Kevin Buckland

TOKYO (Reuters)-Martedì, prima dell’attesissimo incontro della Fed, il dollaro USA si è attestato al di sotto del massimo di un mese rispetto alle principali valute, il che potrebbe preannunciare un cambiamento nelle prospettive per la politica monetaria degli Stati Uniti.

Il dollaro USA è stato rafforzato quando i trader hanno chiuso posizioni corte prima della riunione di due giorni sulla politica della Fed iniziata martedì.

Il tasso di cambio del dollaro USA, che misura il dollaro USA contro un paniere di sei valute, era piatto a 90,517 nei primi scambi asiatici. Negli ultimi due giorni di negoziazione, ha brevemente superato 90,60 e 90,63 sarà il livello più alto dal 14 maggio.

Gli operatori presteranno molta attenzione agli indizi su quando i politici inizieranno a ridurre le misure di stimolo per il deprezzamento del dollaro.

Finora, i funzionari della Fed guidati dal presidente Jerome Powell hanno sottolineato che le crescenti pressioni inflazionistiche sono temporanee e che l’ambiente monetario ultra-allentato rimarrà invariato per un po’ di tempo a venire, nonostante i recenti dati economici innescati Le persone sono preoccupate per il prezzo post-COVID-19 pressioni e la riapertura dell’economia potrebbero costringere le misure di stimolo a uscire anticipatamente.

“Anche se Powell procederà con cautela, mi aspetto che la Fed annuncerà formalmente una discussione più pubblica sul ridimensionamento durante la riunione di settembre”, ha dichiarato Chris Weston, direttore della ricerca presso il broker Pepperstone di Melbourne, in un rapporto ai clienti Write. .

“Qualsiasi opinione che supporti l’annuncio ufficiale di settembre dovrebbe essere moderatamente rialzista sul dollaro USA, ma i rischi sono simmetrici perché Powell sarà desideroso di non danneggiare la situazione finanziaria”, ha scritto.

In un sondaggio Reuters, quasi il 60% degli economisti prevede che, nonostante la ripresa mista del mercato del lavoro, gli annunci nel prossimo trimestre diminuiranno gradualmente.

Dopo i forti dati sull’inflazione della scorsa settimana e la riunione accomodante della Banca centrale europea non è riuscita a rimuovere la valuta dai suoi recenti livelli di negoziazione, il mercato monetario ha chiuso in un intervallo ristretto e la volatilità implicita ha toccato un minimo da diversi mesi.

Questo Banca tedesca (DE:) L’indice di volatilità dei cambi è sceso a 5,6 venerdì, il livello più basso in quasi 16 mesi, ed è ancora leggermente più alto questa settimana.

L’euro è stato poco cambiato martedì, a $ 1,21185, vicino al minimo di un mese di $ 1,20930 toccato venerdì.

Lo yen giapponese è stato scambiato a 110,075 contro il dollaro USA, quasi lo stesso di lunedì, dopo un calo medio di oltre lo 0,3% nei due giorni di negoziazione precedenti.

Tra le criptovalute, lunedì il Bitcoin ha superato i 41.000 dollari, superando per la prima volta i 41.000 dollari.Dopo che il boss di Tesla (NASDAQ:) Elon Musk ha twittato che le auto elettriche riprenderanno a consentire l’utilizzo di Bitcoin. fino a circa US $ 40.495 quando i minatori che verificano le transazioni hanno utilizzato più energia rinnovabile.

Anche la simpatia di Ether per i suoi rivali più grandi è leggermente aumentata, ma martedì è rimasta all’interno del recente range di $ 2.605,54.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidamento a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *