Il mese peggiore da quando i titoli tecnologici cinesi hanno subito la crisi finanziaria globale

[ad_1]

Dinamiche del mercato azionario cinese

Dopo che le autorità di regolamentazione di Pechino hanno imposto un giro di vite agli investitori globali per vendere titoli, i titoli tecnologici cinesi quotati negli Stati Uniti avranno il loro mese peggiore dalla crisi finanziaria globale.

Il Nasdaq Golden Dragon China Index, che tiene traccia dei titoli tecnologici cinesi quotati a New York, è sceso del 22% a luglio e si prevede che registrerà il suo più grande calo mensile dal 2008. I prezzi delle azioni dei conglomerati cinesi di Internet Tencent e Alibaba sono scesi rispettivamente del 16 e del 10% circa.

Quando Pechino ha lanciato un attacco normativo alla società, il prezzo delle azioni è sceso drasticamente Elaborazione di grandi quantità di dati e Formazione scolastica, E la riforma del modo in cui i gruppi cinesi sono quotati sui mercati azionari esteri.

I grandi titoli tecnologici cinesi sono scesi di nuovo venerdì, con l’Hang Seng Technology Index di Hong Kong in calo del 4,2%.

Il calo della borsa di questo mese sembra turbare Pechino.I politici hanno provato Rassicurare gli investitori globali e nazionali La regolamentazione in stile valanga e le misure punitive non significano seppellire il più grande gruppo Internet cinese, spingendo il prezzo delle sue azioni a salire brevemente giovedì prima di scendere venerdì.

Sebbene le autorità abbiano avvertito privatamente che la quotazione sarebbe stata ritardata a causa di problemi di sicurezza dei dati, poco dopo che la piattaforma di accoglienza Didi Chuxing ha raccolto $ 4,4 miliardi nella sua IPO di New York alla fine di giugno, Pechino ha iniziato un giro di vite.

Il regolatore della sicurezza informatica di Pechino ha successivamente annunciato che prevede di rivedere tutti gli elenchi esteri di gruppi cinesi con oltre 1 milione di utenti per motivi di sicurezza nazionale.

La Cina ha imposto un divieto effettivo al settore del tutoraggio da 100 miliardi di dollari durante il fine settimana, suscitando preoccupazioni per un più ampio giro di vite sulle società tecnologiche quotate all’estero.

Thomas Gateley, analista di Longzhou Economics, una società di ricerca, ha affermato che sebbene la pressione repressiva di Pechino possa indebolirsi mentre i politici cercano di stabilizzare il mercato, le piattaforme Internet cinesi “non possono tornare all’espansione arbitraria degli ultimi anni”.

“I responsabili delle politiche vedono sempre più l’industria di Internet come fonte di problemi sociali e rischi per la sicurezza, piuttosto che vederla come un pioniere nell’innovazione nazionale”, ha affermato.

L’indice Shanghai-Shenzhen 300 delle azioni blue chip delle azioni di Shanghai e Shenzhen è sceso di quasi l’8% a luglio, un calo persino più grave del calo all’inizio della pandemia di Covid-19 all’inizio dello scorso anno.

Secondo i calcoli del Financial Times basati sui dati di Bloomberg, gli investitori internazionali che commerciano azioni della terraferma attraverso collegamenti con il mercato di Hong Kong sono stati acquirenti netti di azioni cinesi a luglio. Per ogni dollaro USA ritirato da Shanghai, gli investitori stranieri investiranno 2 dollari USA a Shenzhen, aumentando così le partecipazioni estere di azioni quotate della Cina continentale di circa 7,6 miliardi di RMB (1 miliardo di dollari).

L’indice ChiNext di Shenzhen, incentrato sulla tecnologia, è stato l’indice cinese con la migliore performance di questo mese, con un calo inferiore all’1%.

Tai Hui, capo stratega del mercato asiatico presso JPMorgan Chase Asset Management, ha affermato che gli investitori potrebbero spostare più esposizione cinese da New York a Hong Kong e alla terraferma, dove sono aumentati i titoli dei semiconduttori, del solare e delle biotecnologie. Queste aree sono le aree chiave della politica industriale di Pechino.

“Gli investitori hanno scaricato tutte le azioni relative a Internet e hanno investito tutti i loro soldi in semiconduttori”, ha affermato Dickie Wong, capo della ricerca presso Kingston Securities a Hong Kong. “Se investi in Cina o in una società collegata alla Cina, è una politica, una politica, una politica”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *