Il ministero della Difesa britannico accusa di fallimento le soldatesse

[ad_1]

Aggiornamento del Ministero della Difesa del Regno Unito

Un rapporto parlamentare ha rilevato che il ministero della Difesa nazionale non è riuscito a proteggere le donne soldato e ad aiutarle a raggiungere il loro pieno potenziale. “Prove scioccanti” hanno mostrato bullismo, molestie e aggressioni sessuali all’interno delle forze armate.

Il rapporto pubblicato domenica dal Sottocomitato nazionale per la difesa delle forze armate delle donne ha rilevato che tra gli intervistati, il 64% delle donne veterane e il 58% delle donne hanno subito bullismo, discriminazione e molestie durante la loro carriera durante il servizio militare. . .

L’autore del rapporto ha dichiarato: “La nostra indagine ha ricevuto prove scioccanti da parte delle lavoratrici dei servizi che avevano subito bullismo, molestie sessuali, aggressioni sessuali e stupri, alcuni dei quali, in modo più preoccupante, hanno coinvolto alti funzionari come trasgressori”.

La commissione parlamentare, che ha ricevuto donazioni da 4.106 donne militari, ha riscontrato la mancanza di fiducia nel sistema di denuncia. Il rapporto afferma: “In molti casi, le denunce sono nascoste sotto il tappeto senza un supporto sufficiente”.

Il Comitato ha anche rilevato i gravi problemi del sistema giudiziario di servizio che si occupa di crimini sessuali criminali.

Secondo il rapporto, le donne in servizio affrontano sfide quotidiane in base al loro genere, comprese uniformi e attrezzature inadatte.

Tre quarti delle donne veterane hanno affermato che il dipartimento non le stava aiutando a passare dalla vita militare a quella civile.

Nell’ambito di una serie di raccomandazioni volte a migliorare la cultura delle soldatesse, il comitato ha esortato il ministero della Difesa nazionale a continuare a “provare e introdurre in modo completo uniformi e attrezzature più sicure e adatte per le soldatesse”.

Il rapporto chiedeva l’istituzione di un’agenzia di difesa specializzata volta a indagare adeguatamente sulle denunce di bullismo, aumentando al contempo i fondi per gli ispettori delle denunce esistenti.

Il comitato ha anche esortato il Ministero della Difesa Nazionale a trasferire la responsabilità per i casi di stupro e aggressione sessuale al sistema giudiziario civile a causa delle crescenti preoccupazioni sulla gestione dei casi di violenza sessuale nei tribunali militari.

Secondo i numeri Trovato dal partito laburista All’inizio di quest’anno, dal 2015 al 2019, il tasso di condanne per casi di stupro processati dai tribunali militari era solo del 10%. In confronto, il tasso di condanne per stupro nei tribunali civili durante lo stesso periodo è stato del 59%.

“Il tasso di condanna dei tribunali militari è da quattro a sei volte inferiore a quello dei tribunali civili è sbagliato”, ha affermato Sarah Atherton, deputata conservatrice e presidente del sottocomitato delle donne delle forze armate.

Da veterana, Atherton ha affermato che sebbene l’esercito “ha fatto grandi progressi”, sono ancora necessarie ulteriori riforme. Le donne devono affrontare “barriere di promozione, problemi familiari e di custodia dei bambini, abusi e cattiva condotta”.
Comportamento e esagerazione nei reclami sui servizi
sistema”.

Tobias Ellwood, presidente del National Defense Select Committee, ha espresso questo punto di vista, definendo urgente la questione delle violenze sessuali all’interno dell’esercito e avvertendo che è necessario fare di più per proteggere e fornire soldati e soldatesse. il Ministero della Difesa in molti casi.

“Il nostro sottocomitato ha condotto ricerche approfondite su aggressioni sessuali e stupri per diversi mesi e ha una comprensione accurata e onesta dei problemi affrontati dalle donne”, ha affermato. “Non si tratta di competere in fondo o di salvare la faccia. Dovremmo fare di questo problema il fulcro del nostro lavoro”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *