Il mondo deve prepararsi all’esodo degli afghani

[ad_1]

Aggiornamento Afghanistan

afgano Attaccare disperatamente Gli aerei passeggeri e gli aerei da trasporto militare all’aeroporto di Kabul diventeranno sicuramente crollo Causato dal ritiro dell’Occidente dal loro paese. Circa 60 paesi hanno rilasciato dichiarazioni in cui si afferma che gli afgani e i cittadini stranieri che vogliono andarsene devono poter partire. Tuttavia, farli uscire è solo metà della battaglia; devono essere riparati e protetti e finalmente trovare una nuova vita. È necessario uno sforzo internazionale su larga scala per affrontare il gran numero di rifugiati che potrebbero sfuggire al nuovo governo talebano.

L’entità dell’ondata dipenderà in parte dalla natura del nuovo regime. I paesi occidentali e i vicini dell’Afghanistan devono chiarire ai leader talebani che se il loro governo reintrodurrà la teocrazia della linea dura 20 anni fa e si vendicherà contro coloro che hanno combattuto o lavorato per truppe straniere o regimi precedenti, il loro governo tornerà ad essere un paria.

Ma i leader stranieri dovrebbero anche insistere sulla possibilità che, ad esempio, se vengono rispettati i diritti all’istruzione e al lavoro delle ragazze e delle donne e la libertà di parola, nel tempo possano seguire commercio, aiuti e potenziale riconoscimento. Alcuni leader talebani dicono che questo è ciò che vogliono.Non è chiaro se ci si possa fidare di loro o quanto bene i loro ordini siano distribuiti tra i subordinati provinciali

Molti cittadini non vedono l’ora di saperlo.Prima priorità Per l’evacuazione Sono interpreti locali, personale dell’ambasciata e altri che lavorano per le truppe straniere, così come le loro famiglie. I paesi dell’alleanza devono accelerare l’elaborazione dei visti e fare tutto il possibile per garantire un passaggio sicuro.

Tuttavia, come ha sottolineato Human Rights Watch, l’elenco a rischio si estende a tutte le persone che lavorano per gruppi della società civile stranieri o nazionali per promuovere la democrazia e i diritti delle donne, nonché a molti giornalisti, scrittori e studiosi. In effetti, un numero molto elevato di persone, forse comprese tutte le donne e le ragazze, potrebbe essere a rischio di persecuzione.L’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati stima che siano circa 250.000 gli afgani, la maggior parte dei quali donne e bambini, che sono stati costretti a fuggire dalle loro case Da fine maggio.

Ove possibile, i rifugiati dovrebbero essere inizialmente asilo nella zona. I paesi occidentali dovrebbero fornire assistenza sufficiente per istituire e gestire i campi profughi e cercare di persuadere i paesi vicini a mantenere aperti i propri confini. Tuttavia, poiché il governo dei talebani può esistere da molto tempo, è necessario un lavoro di reinsediamento internazionale su larga scala.

La responsabilità morale qui spetta innanzitutto ai paesi della coalizione che partecipano al conflitto in Afghanistan, e dovrebbero essere preparati ad accettare numeri che riflettano le dimensioni della loro economia e il grado di partecipazione.Soprattutto vicino alle elezioni Germania Con la Francia, c’è il rischio di avvelenamento politico; il tentativo dell’UE di imporre una “quota” agli immigrati mediorientali nel 2015 è caduto nell’odio.Ma il Canada, anche il suo governo Appena chiamato elezione Settembre: è iniziato l’impegno per il reinsediamento di 20.000 cittadini afgani da gruppi ad alto rischio.

Proprio come le foto della caduta di Kabul ricordano Saigon nel 1975, il mondo ha bisogno di mobilitare una risposta simile, anche se il numero potrebbe essere inferiore.Tre settimane dopo il crollo della capitale del Vietnam del Sud, il presidente degli Stati Uniti Gerald Ford Fai scorrere il programma Nel 1979 erano stati ricevuti 300.000 rifugiati dal Vietnam, dalla Cambogia e dal Laos.Circa 2,5 milioni di rifugiati indocinesi sono stati Reinsediamento finale In Nord America, Europa e Australia. Da allora, gli atteggiamenti sono cambiati. L’ondata di immigrazione nel 2015 ha alimentato il nazionalismo populista. Tuttavia, se le democrazie occidentali sono pronte ad affrontare la conseguente fuga, la loro gestione impropria del ritiro delle truppe dall’Afghanistan compenserà. Evitare i rifugiati danneggerà ulteriormente la loro reputazione.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *