Il morale basso, la mancanza di sostegno e la cattiva politica spiegano perché l’esercito afghano è crollato

[ad_1]

Solo sei settimane fa, Joe Biden sembrava credere che i 300.000 soldati delle forze di sicurezza e difesa nazionali afgane avessero l’addestramento, l’equipaggiamento e le capacità per impedire ai talebani di conquistare il paese dopo il ritiro degli Stati Uniti.

Il presidente degli Stati Uniti ha dichiarato all’inizio di luglio: “La possibilità che i talebani governino tutto e posseggano l’intero paese è estremamente improbabile”. “Abbiamo fornito tutti gli strumenti ai nostri partner afghani: vorrei sottolineare tutti gli strumenti, l’addestramento e l’equipaggiamento di qualsiasi esercito moderno”.

Tuttavia, nonostante le eccellenti armi e l’addestramento dell’esercito afghano, i combattenti talebani ancora Offensiva fulminea Ciò consente loro di occupare più di due terzi del territorio dell’Afghanistan e raggiungere periferia Kabul, la capitale, di solito ha poca resistenza.

Sebbene gli Stati Uniti e i loro alleati abbiano speso miliardi di dollari per l’addestramento e l’equipaggiamento, l’esercito afghano è semplicemente scomparso e si è ritirato o si è ritirato nelle loro basi.In alcuni casi, hanno lasciato armi avanzate per la confisca da parte di motociclisti in sella a Kalashnikov milizia islamica.

Ex funzionari militari occidentali e accademici indipendenti hanno affermato che il crollo delle forze armate afgane riflette la disillusione generale, la corruzione a lungo termine e la disillusione pubblica del governo del presidente Ashraf Ghani. Cattiva gestione all’interno dell’esercitoE c’è una completa mancanza di fiducia tra i militari, credendo di poter sconfiggere i talebani senza il supporto delle forze armate e dei servizi segreti statunitensi.

La cerimonia di consegna dell’esercito degli Stati Uniti all’esercito nazionale afghano nella provincia di Helmand, nel sud dell’Afghanistan, a maggio © Ufficio stampa del Ministero della difesa nazionale afghano tramite Associated Press

“Il problema con l’esercito non è la mancanza di addestramento o di armi. La cosa più importante in guerra è politica“, ha detto l’ex ufficiale militare britannico Mike Martin, autore di un libro sul conflitto decennale in Afghanistan. Una guerra intima.

Martin ha affermato che Ghani è un tecnocrate della Banca Mondiale e ha scritto un libro sulla ricostruzione di un paese fallito prima di essere eletto presidente nel 2014. Gli mancavano le capacità politiche per rendere fedeli agli ideali della causa del paese molti gruppi etnici diversi nel paese.

Una mappa che mostra la marcia dei talebani per prendere il controllo dell'Afghanistan

Di fronte a un Gli Stati Uniti stanno per ritirarsiI rapporti etnici, tribali e persino familiari più tradizionali di molti afgani oscurano qualsiasi lealtà al nascente esercito afghano, consentendo ai comandanti provinciali talebani di negoziare virtualmente. resa pacifica Molte truppe.

“I privilegi politici dei talebani possono spogliare parte del governo perché il governo non si prende adeguatamente cura dei suoi elettori: tribù, clan, milizie e razze. Questo è il problema fondamentale”, ha detto Martin. “Il comandante dell’esercito si è appena arreso Tornare all’amnistia, I talebani li hanno approvati e li hanno lasciati andare a casa. “

L’accordo raggiunto dall’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump con i talebani nel febbraio 2020, unito alla determinazione di Biden di rispettare l’accordo senza un’attenta pianificazione Piano di transizione militare, Ha ispirato i talebani e ha colpito il morale delle forze armate afgane, proprio mentre il paese sta per iniziare la stagione dei combattimenti. Questo di solito va da aprile a ottobre, prima di lasciare la maggior parte del paese in inverno.

Ariawal Adili, direttore nazionale dell’Afghan Analyst Network, ha affermato che l’esercito afghano è profondamente turbato dall’improvviso ritiro della logistica e del supporto aereo statunitensi. Molti afghani, incluso Ghani, non se lo aspettavano.

“[Afghan forces] Ha fatto molto affidamento sul supporto aereo fornito dalle forze armate statunitensi e sul supporto logistico fornito dall’appaltatore statunitense, che non esiste più”, ha affermato.

Forze statunitensi e afgane

L’esercito afghano è turbato dalla velocità del ritiro degli Stati Uniti dalla logistica e dal supporto aereo © Wakil Kohsar/AFP via Getty Images

Elizabeth Srekerd, ex funzionario del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e attuale alto funzionario presso lo Stimson Center di Washington, ha affermato che la rapida avanzata dei talebani e la resa pacifica di alcune truppe hanno incoraggiato molti altri a seguire l’esempio.

“Ha un’atmosfera inevitabile”, ha detto. “Se ti trovi in ​​una delle capitali che esistono ancora, devi chiederti: ‘Perché sto lottando e qual è la mia possibilità di successo?’ Quello che vediamo è [Afghan troops] Riconosci la scritta sul muro e prendi misure per proteggere i tuoi interessi invece di combattere. “

Un ex alto funzionario militare degli Stati Uniti ha affermato che l’aeronautica afgana è stata colpita in modo particolarmente duro, perché la partenza di oltre 15.000 appaltatori in passato ha consentito il volo di aerei ed elicotteri forniti dagli Stati Uniti.

“suo [the air force’s] La prontezza operativa sta diminuendo perché sta lavorando in tutto il paese per far fronte a diverse situazioni disperate”, ha detto il funzionario. “Una volta che le truppe si rendono conto che nessuno sta venendo a soccorrere. .. Scapperanno, scapperanno o si arrenderanno. “

Non tutte le truppe afgane si sono arrese senza opporre resistenza. I commando delle forze speciali hanno combattuto duramente in alcune città (come Lashkar Gah) e hanno mantenuto il confronto con i talebani fino a quando non sono stati ritirati. Ma sono troppo pochi per resistere agli shock nazionali.

Allo stesso tempo, anche i militari sono afflitti da problemi di corruzione, come “Soldato fantasma«Esistono sulla carta, ma non consentono agli altri di riscuotere il loro stipendio.

Nonostante l’esercito ufficiale di 300.000 afghani, Srekerd ha detto: “Per essere onesti, il numero in realtà è molto più piccolo”.

Ma un’altra ragione del crollo è stata la negazione del governo Ghani che Biden avrebbe effettivamente ritirato l’ultimo lotto di truppe statunitensi e dei suoi appaltatori militari dall’Afghanistan quest’anno, e la conseguente incapacità di prepararsi.

“Gani e le persone intorno a lui non possono credere che gli americani li abbiano abbandonati in questo modo”, ha detto Ahmed Rashid, un analista pakistano autore di diversi libri sull’Asia centrale e meridionale. “C’è la speranza che peggiore è la situazione, più ovvio devono rimanere”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *