Il numero delle assenze per Covid nelle scuole secondarie inglesi è triplicato

[ad_1]

Nuovi dati mostrano che il numero di studenti assenti da scuola a causa del coronavirus nelle scuole secondarie britanniche è triplicato, indicando che l’istruzione è stata la più perturbata da marzo, poiché la variante Delta, scoperta per la prima volta in India, continua a diffondersi nella contea.

Secondo i dati diffusi martedì dal Ministero dell’Istruzione, il 17 giugno circa il 4,2% degli studenti delle scuole superiori pubbliche era assente dal lavoro a causa del virus, rispetto all’1,4% della settimana precedente.

Il sindacato degli insegnanti fa appello al governo Misure di sicurezza migliorate E più libertà di rispondere alle epidemie, avvertire delle interruzioni L’apprendimento potrebbe peggiorare Al livello dello scorso inverno, quando raggiunge it 9-11% Quando la seconda ondata ha raggiunto il suo apice, alcuni studenti hanno abbandonato la scuola per motivi legati al Covid.

“Ora stiamo assistendo all’impatto della variazione del Delta sui dati nazionali e il numero di assenti potrebbe continuare ad aumentare nelle prossime settimane e interferirà anche in modo significativo con l’istruzione degli studenti”, ha affermato Mary Bousted, Segretario congiunto nazionale. Generale. . Lo ha affermato l’Alleanza per l’istruzione.

“Se la situazione non viene portata sotto controllo, la situazione nel paese… il numero di persone nelle scuole potrebbe tornare rapidamente al picco impopolare che si è verificato all’inizio della pandemia”, ha aggiunto.

L’assenteismo legato al Covid, compresi i bambini con casi sospetti o confermati e i bambini che si sono autoisolati per contatto, è raddoppiato nelle scuole elementari, passando dall’1,1% della settimana precedente al 2,7% del 17 giugno.

Nella stessa settimana il tasso di assenteismo Covid in tutte le scuole pubbliche è passato dall’1,2% al 3,3%, con un incremento di circa 250.000 studenti. Il sondaggio è stato modificato per escludere i candidati che non dovrebbero frequentare la scuola.

La maggior parte di loro (2,3%) ha avuto contatti con persone nella scuola durante il periodo di quarantena e la percentuale di persone infette dal virus è stata dello 0,1%. I casi sospetti rappresentavano lo 0,2%.

Simon Kidwell, il preside della Hartford Manor Primary School nel Cheshire, nel nord-ovest dell’Inghilterra, ha affermato che fino a due settimane fa la scuola non era sostanzialmente colpita dai nuovi casi, quando 89 studenti su 400 sono stati infettati dal virus.

“Quello che mi interessa di più è il piano a lungo termine”, ha detto. “È estremamente distruttivo… Non possiamo lasciare che i nostri figli manchino questi periodi di istruzione: tutti sono davvero delusi perché pensiamo di essere passati”.

Il DfE ha affermato che il calo della frequenza “potrebbe essere influenzato da test di alto livello” perché più test degli studenti potrebbero significare che i casi hanno maggiori probabilità di essere rilevati rispetto ad altri gruppi. Sotto la guida del governo, tutti i bambini più grandi dovrebbero sottoporsi a test rapidi di flusso laterale due volte a settimana.

Il dipartimento questo mese Aggiornata la guida Come le scuole e le università dovrebbero rispondere all’epidemia di Covid locale e ha sottolineato che dovrebbero fare piani per reintrodurre i punti di rilevamento negli edifici scolastici e reintrodurre le mascherine.

Paul Whiteman, segretario generale della National Association of Principals, ha affermato che è “fondamentale” per il team sanitario pubblico locale “rispondere liberamente e rapidamente al crescente numero di persone” attraverso misure di mitigazione locali.

“Cercare l’approvazione del governo centrale per tali azioni ritarderà solo l’attuazione delle misure necessarie”, ha affermato.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *