Il partito laburista chiede a Johnson di licenziare Elliott come copresidente conservatore

[ad_1]

Aggiornamento sul finanziamento dei partiti politici nel Regno Unito

Il partito laburista mercoledì ha invitato Boris Johnson a licenziare il copresidente del partito conservatore Ben Elliott dopo la notizia che aveva discusso un piano con gli ambasciatori stranieri per concedere ai donatori conservatori un ruolo nelle relazioni del partito con il Medio Oriente, ma non ha rivelato che il donatore è anche il suo cliente pagante.

Financial Times Rapporto Elliot ha comunicato con i diplomatici dell’Arabia Saudita e del Bahrein sulla proposta di Mohamed Amersi di istituire una squadra per supervisionare le relazioni del Partito Conservatore in Medio Oriente.

Amersy vuole costruire Un’avventura Conosciuto come gli Amici del Partito Conservatore in Medio Oriente e Nord Africa (Comena), potrebbe sostituire il Partito Conservatore di lunga data-Consiglio del Medio Oriente (CMEC).

Amersy e il suo partner hanno donato £ 750.000 al Partito Conservatore ed è anche un cliente di Quintessentially, un servizio di “concierge” per i ricchi, co-fondato e co-proprietà di Elliot.

Il partito conservatore non ha negato che Elliott abbia comunicato con i diplomatici o che non abbia rivelato rapporti d’affari con Amersy.

Elliot inoltre non ha rivelato la sua relazione d’affari con Amersi. Controversie all’interno del Partito Conservatore Sul piano di Kemena.

Il presidente del partito laburista Annie Liss Dodds ha dichiarato mercoledì che Elliott dovrebbe essere rimosso “immediatamente”, sostenendo che Johnson gli ha permesso di “offuscare il confine tra le attività commerciali private e le loro responsabilità pubbliche”.

“Ben Elliott ha usato il suo ruolo nel partito al governo nel Regno Unito per rappresentare clienti commerciali in discussioni segrete con diplomatici stranieri senza rivelare loro relazioni commerciali private. Questo è completamente sbagliato”, ha aggiunto.

“Abbiamo urgente bisogno di sapere quali incontri si sono tenuti, cosa è stato discusso e quale impatto potrebbe aver avuto sullo sviluppo della politica del governo britannico”.

Dodds ha scritto ad Amanda Millin, copresidente del Partito Conservatore, chiedendole di spiegare gli incontri, i partecipanti e se hanno avuto un impatto sulla politica estera britannica.

In risposta all’intervento di Dodds, il partito conservatore ha dichiarato che il ruolo di copresidente di Elliott era “completamente separato dai suoi altri interessi”.

Ha aggiunto: “Qualsiasi discussione che Ben Elliot ha sul gruppo Kemena svolgerà il suo ruolo di copresidente del partito”. “Il Partito conservatore non è coinvolto nella politica estera. Questa è un’attività del governo”.

Nelle ultime settimane, Elliott è stato anche censurato per il suo ruolo di capo raccolta fondi del Partito Conservatore, tra cui esistere I membri di un comitato consultivo segreto includono alcuni dei maggiori donatori del partito.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *