Il pastore conservatore Raisi ottiene una vittoria schiacciante nei sondaggi iraniani

[ad_1]

Il pastore conservatore Ebrahim Raisi si sta preparando a ottenere una vittoria schiacciante nelle elezioni presidenziali iraniane, che darà ai sostenitori della linea dura del regime il controllo completo di tutti i settori dello stato per la prima volta in quasi un decennio.

Lacey Sabato, due importanti concorrenti hanno riconosciuto e si sono congratulati con il 60enne, che molti iraniani considerano il candidato preferito per la guida suprema dell’Ayatollah Ali Khamenei.

Il risultato ufficiale del voto di venerdì, in cui Raisi ha gareggiato con il generale conservatore e unico candidato riformista Mohsen Rezaei Abdul Nasser Hemati, Previsto più tardi sabato.

La vittoria di questo clero significa che gli estremisti che hanno vinto la stragrande maggioranza alle elezioni parlamentari dello scorso anno e hanno controllato la giustizia e l’esercito sono ora nel loro stato più forte dal 2013. I riformisti che tendevano a rafforzare i contatti con l’Occidente furono spinti al limite.

Le elezioni si sono svolte in un momento critico nella Repubblica islamica e nella regione. L’amministrazione Biden sta cercando di allentare le tensioni in Medio Oriente. La decisione di Donald Trump nel 2018 di ritirare unilateralmente gli Stati Uniti dall’accordo nucleare con l’Iran e imporre ondate di sanzioni contro il Paese ha fatto arrabbiare. Tensioni in Medio Oriente.

Reisi ha dichiarato che il suo governo continuerà a negoziare con i restanti firmatari dell’accordo: Gran Bretagna, Francia, Germania, Russia e Cina.

Ma poiché il secondo e ultimo mandato del governo centrista del presidente Hassan Rouhani scadrà ad agosto, gli estremisti vorranno negoziare alle loro condizioni. Raisi è stato il capo della magistratura negli ultimi due anni ed è stato sanzionato dall’amministrazione Trump nel 2019 perché ha preso di mira decine di alti funzionari del regime.L’elezione di Raisi potrebbe complicare questi negoziati.

Il vincitore di 60 anni significa anche che l’Iran avrà meno probabilità di controllare il sostegno ai gruppi militanti in tutta la regione o di contenere il suo vasto programma missilistico.

Se Teheran rispetterà completamente l’accordo nucleare, il presidente Joe Biden ha promesso di rientrare nell’accordo nucleare. Ma il suo governo subisce pressioni da parte dei politici americani e dei partner arabi in Israele e Washington affinché prendano una linea dura sul sostegno dell’Iran alla milizia e al suo programma missilistico.

Raisi ha dichiarato che la politica interna sarà la sua priorità assoluta. Affronta l’arduo compito di rivitalizzare l’economia paralizzata dalle sanzioni e dalla pandemia di coronavirus, il deterioramento della pressione sociale e la profonda disillusione di molti iraniani nei confronti della teocrazia.

La prevista bassa affluenza alle elezioni presidenziali evidenzia la divisione della società.

I media iraniani hanno riferito che gli elettori conservatori avevano un gran numero di elettori. Ma gli iraniani che desiderano riformarsi hanno mostrato la loro disillusione nei confronti della teocrazia restando a casa e portando avanti la disobbedienza civile descritta dagli attivisti democratici.

In un momento in cui il divario tra l’ideologia e le politiche del regime e le aspirazioni dei giovani si sta ampliando, la bassa affluenza alle urne minerà la legittimità popolare che i leader iraniani cercano di ottenere dalle elezioni.

Gli analisti conservatori hanno affermato che Raisi potrebbe essere più vicino alle idee di Khamenei rispetto a Rouhani, che spera di utilizzare l’accordo nucleare per impegnarsi nuovamente con l’Occidente prima che Trump eserciti la sua campagna di “massima pressione”.

A differenza del suo predecessore, Lacey non cercherà di indebolire il ruolo della potente Guardia rivoluzionaria. Operazioni militari all’estero E controllare un enorme impero economico nel paese.

“Il background giudiziario di Laixi ci dice che è molto obbediente ai suoi superiori, ma molto severo con le persone che gli sono inferiori”, ha detto un politico riformista.

“I due anni di lavoro nella magistratura sono come un buon periodo di fidanzamento. D’ora in poi, proprio come dopo il matrimonio, è accompagnato da tutte le realtà e le delusioni”.

Raisi ha raramente commentato la politica estera e ha affermato che il suo obiettivo sarà aumentare la produzione industriale iraniana e ridurre la pressione economica sugli iraniani.

I conservatori sperano che Rouhani porti unità al sistema di governo dopo essere stato frustrato da feroci conflitti interni nel suo ultimo mandato. L’ostilità di Trump nei confronti dell’Iran ha reso più audaci gli estremisti, accusando il governo centrista e i suoi sostenitori riformisti di fidarsi degli Stati Uniti.

Ma i riformatori temono che la vittoria della linea dura aggraverà i problemi del paese e sconfiggerà ogni speranza persistente di una riforma graduale.

“I riformatori devono prepararsi per un’era politica difficile… e non soccombere a questo risultato”, ha affermato il commentatore riformista Abbas Abdi.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *