Il peggior caso di iperinflazione della storia

[ad_1]

Secondo i dati del Fondo Monetario Internazionale (FMI), i prezzi al consumo del Venezuela sono aumentati a un ritmo allarmante di oltre il 65.000% su base annua nel 2019. Entro il 2020, si è stabilizzato solo al 2,360% all’anno.

Considerando che l’obiettivo di inflazione annuale delle banche centrali come la Federal Reserve e la Banca centrale europea (BCE) è intorno al 2%-3%, la valuta e l’economia del Venezuela sono chiaramente in crisi e la sua gente è in gravi difficoltà.

Tuttavia, la crisi venezuelana non è l’unica nella storia moderna.

Contrassegnato regolarmente come Iper inflazione 50% al mese, proposto per la prima volta dal professore di economia della Columbia University Phillip Cagan nel 1956. Di seguito esaminiamo altri tre casi storici di iperinflazione e come sono iniziati e finiti.La fonte principale è The Routledge Handbook of Major Events in Economic History, A cura di Randall Parker e Robert Whaples.

Punti chiave

  • In Ungheria, subito dopo la seconda guerra mondiale, i prezzi raddoppiavano ogni 15 ore.
  • Di recente, in Zimbabwe, i prezzi sono raddoppiati ogni giorno.
  • Nella travagliata Jugoslavia negli anni ’90, il tasso di inflazione ha raggiunto il 50% all’anno.

Ungheria: da agosto 1945 a luglio 1946

  • Tasso massimo di inflazione mensile: 4.19 x 1016%
  • Tasso di inflazione giornaliero equivalente: 207%
  • Tempo necessario per raddoppiare il prezzo: 15 ore
  • Valuta: Pengő

L’iperinflazione è spesso vista come il risultato dell’incompetenza del governo. Finanziariamente irresponsabileL’iperinflazione in Ungheria dopo la guerra è stata chiaramente progettata dai responsabili politici del governo per riguadagnare un punto d’appoggio nell’economia dilaniata dalla guerra.

Il governo ha usato l’inflazione come una tassa sui suoi cittadini per aiutare a pagare le riparazioni e i pagamenti del dopoguerra alle forze di occupazione sovietiche. L’inflazione mira anche a stimolare la domanda aggregata per ripristinare la capacità produttiva.

Il governo interviene per ripristinare la capacità industriale

La seconda guerra mondiale ha avuto un effetto devastante sull’economia ungherese: metà della sua capacità industriale è stata distrutta e le sue infrastrutture erano in disordine. Si può dire che questo calo della capacità produttiva abbia causato Shock di approvvigionamento Questo, combinato con uno stock di valuta stabile, ha innescato l’inizio dell’iperinflazione dell’Ungheria.

Il governo non ha cercato di frenare l’inflazione riducendo l’offerta di moneta e aumentando i tassi di interesse – queste politiche avrebbero trascinato giù l’economia già stagnante – il governo ha deciso di convogliare nuovi fondi attraverso il settore bancario per aiutare a ripristinare la capacità produttiva, le infrastrutture e le attività imprenditoriali e l’attività economica.

Il piano è stato chiaramente un successo, perché con il lancio della nuova valuta ungherese, il fiorino, nell’agosto 1946, i prezzi alla fine si sono stabilizzati e la maggior parte della capacità industriale prebellica dell’Ungheria è stata ripristinata.

Zimbabwe: da marzo 2007 a metà novembre 2008

  • Tasso massimo di inflazione mensile: 7,96 x 1010%
  • Tasso di inflazione giornaliero equivalente: 98%
  • Tempo necessario per raddoppiare il prezzo: 24,7 ore
  • Valuta: Dollaro dello Zimbabwe

Il sistema economico dello Zimbabwe era già in difficoltà prima dell’inizio del periodo di iperinflazione del 2007. Nel 1998, il tasso di inflazione annuale del paese ha raggiunto il 47%. E questa tendenza ha continuato ad aumentare quasi senza sosta fino all’inizio dell’iperinflazione.

Alla fine del periodo di iperinflazione, il valore del dollaro dello Zimbabwe era stato eroso al punto da dover essere sostituito da varie valute estere.

Il governo rinuncia alla prudenza fiscale

Dopo l’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1980, Il governo dello Zimbabwe ha inizialmente deciso di adottare una serie di politiche economiche improntate alla prudenza fiscale. Spesa disciplinata.

Questa determinazione non durò. Alla fine del 1997, la spesa dissoluta del governo ha cominciato a causare problemi all’economia. I politici stanno affrontando sfide crescenti, comprese le proteste su larga scala contro le tasse elevate e le enormi spese dovute ai veterani. Il governo affronta anche la resistenza dal suo piano di acquisire fattorie bianche per la ridistribuzione alla maggioranza della popolazione nera.

Nel tempo, la situazione finanziaria del governo è diventata insostenibile.Una specie di Crisi valutaria Inizia a dispiegarsi.

A causa di ripetute corse sulla valuta del paese, il tasso di cambio si è deprezzato. Ciò ha causato l’impennata dei prezzi delle importazioni, che a sua volta ha innescato l’iperinflazione.Il paese ha attraversato Il costo guida l’inflazione, Una sindrome causata dall’aumento dei prezzi del lavoro o delle materie prime, o entrambi.

Nel 2000, dopo che l’impatto delle iniziative di riforma agraria del governo si è riverberato sull’economia, la situazione è peggiorata. L’attuazione dell’iniziativa è stata inefficace e la produzione agricola ha subito pesanti perdite negli ultimi anni. La scarsa disponibilità di cibo ha causato un aumento vertiginoso dei prezzi o addirittura un aumento.

Lo Zimbabwe attua una politica monetaria più restrittiva

La prossima mossa del governo è quella di implementare un Politica monetaria restrittivaLa politica è stata inizialmente considerata di successo perché ha rallentato l’inflazione, ma ha avuto conseguenze indesiderate.Ha causato uno squilibrio tra l’offerta e la domanda delle materie prime del paese e un diverso tipo di inflazione, chiamato Inflazione guidata dalla domanda, La pressione di aumento dei prezzi causata dalla carenza di offerta.

La Banca centrale dello Zimbabwe continua a provare vari modi per eliminare gli effetti destabilizzanti della sua politica monetaria restrittiva. Queste politiche sono state sostanzialmente infruttuose. A marzo 2007, il paese stava vivendo una vera e propria iperinflazione.

Solo dopo che lo Zimbabwe ha abbandonato la sua valuta e ha iniziato a utilizzare le valute estere come mezzo di scambio, l’iperinflazione del paese si è attenuata.

Jugoslavia: da aprile 1992 a gennaio 1994

  • Tasso di inflazione mensile massimo: 313.000.000%
  • Tasso di inflazione giornaliero equivalente: 64,6%
  • Tempo necessario per raddoppiare il prezzo: 1,41 giorni
  • Valuta: Dinaro

Dopo la disintegrazione della Jugoslavia all’inizio del 1992 e lo scoppio dei combattimenti tra Croazia e Bosnia-Erzegovina, il tasso di inflazione mensile della nuova Repubblica Federale di Jugoslavia (precedentemente nota come Serbia e Montenegro) raggiungerà il 50%, un simbolo convenzionale di iperinflazione.

76%

Tasso di inflazione annualizzato della Jugoslavia dal 1971 al 1991.

La divisione iniziale della Jugoslavia ha innescato l’iperinflazione, poiché il commercio interregionale è stato annullato, con conseguente calo della produzione in molte industrie.

Inoltre, la dimensione della vecchia burocrazia jugoslava, che comprende un gran numero di forze armate e di polizia, rimane intatta nella nuova Repubblica Federale, anche se il suo territorio attuale è molto più piccolo.

Con l’escalation delle guerre in Croazia e Bosnia ed Erzegovina, il governo ha scelto di non ridurre questa burocrazia gonfia e le sue enormi spese.

Il governo esagera l’offerta di moneta

Tra maggio 1992 e aprile 1993, le Nazioni Unite hanno attuato un commercio internazionale embargo Nella Repubblica Federale. Ciò non farà altro che esacerbare il problema del calo della produzione, che è simile al forte calo della capacità industriale che ha causato l’iperinflazione in Ungheria dopo la seconda guerra mondiale.

Quando la produzione è diminuita e le tasse sono state ridotte, il deficit fiscale del governo è peggiorato, passando dal 3% del PIL nel 1990 al 28% nel 1993.

Per compensare questo deficit, il governo si è rivolto alle macchine da stampa per aumentare sostanzialmente l’offerta di moneta. Nel dicembre 1993, la Zecca Topčider funzionava a pieno regime, emettendo circa 900.000 banconote ogni mese, che erano quasi inutili quando arrivavano nelle tasche delle persone.

Incapace di stampare abbastanza denaro per tenere il passo con il valore in rapida diminuzione del dinaro, la valuta è ufficialmente crollata il 6 gennaio 1994.Il marco tedesco è dichiarato nuovo corso legale Utilizzato per tutte le transazioni finanziarie, compreso il pagamento delle tasse.

Linea di fondo

L’iperinflazione ha gravi conseguenze per la stabilità dell’economia, del governo e delle persone di un paese.

Di solito è un sintomo di una crisi esistente e rivela la vera natura del denaro. La valuta non è solo un oggetto economico utilizzato come mezzo di scambio, riserva di valore e unità di conto, ma un simbolo della potenziale realtà sociale.

La sua stabilità e il suo valore dipendono dalla stabilità del sistema sociale e politico di un paese.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *