Il piano dei diritti di voto dei democratici affronta grandi difficoltà al Senato degli Stati Uniti Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters. Foto del file: gli adesivi di voto sono stati visti presso la Commissione elettorale della contea di Franklin a Columbus, Ohio, Stati Uniti, 28 ottobre 2016. REUTERS/Shannon Stapleton/Foto d’archivio

2/2

di Richard Cowan

Washington (Reuters)- Una proposta di riforma delle elezioni statunitensi, che i democratici ritengono vitale per proteggere il diritto di voto degli americani, è entrata martedì in Senato ed è stata osteggiata dai repubblicani, che hanno affermato che la misura viola i diritti degli stati.

Senza il sostegno del Partito Repubblicano, il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer non sarebbe in grado di far passare una delle massime priorità del suo partito: un disegno di legge completo sulla riforma elettorale https://www.reuters.com/world/us/what-are -democrats – Think-incluso- Voting Rights Act 2021-06-17 può compensare un’ondata di misure approvate dal legislatore statale controllato dai repubblicani https://www.reuters.com/world/us/republicans-erect-voting-barriers -across -number -political-crucial-us-states-2021-06-15 impongono nuove restrizioni al voto.

“Per rendere un crimine fornire cibo o acqua agli elettori in lunghe code ai seggi elettorali, come fermare le frodi elettorali?” Schumer ha parlato lunedì al Senato. “Ha a che fare con la crudeltà. Ha a che fare con l’indecente. Ha a che fare con la soppressione dei voti”.

Poche ore prima del voto previsto, il senatore democratico Rafael Warnock ha detto a Reuters che c’era stato un dialogo “fruttuoso” tra i democratici, ma non ha detto che il senatore democratico moderato Joe Manchin (sostiene di più La legge sui diritti di voto ristretti) è stato concordato con i leader del partito. Un compromesso.

I repubblicani hanno affermato che le leggi statali sono necessarie per prevenire le frodi e l’ex presidente Donald Trump ha affermato falsamente che ciò lo ha causato il fallimento a novembre, sebbene non ci siano prove di diffusi brogli elettorali negli Stati Uniti.

Poiché gli sforzi del Partito Democratico potrebbero rimanere bloccati al Senato, l’American Priorities Committee del Liberal Political Action Committee ha dichiarato martedì che stanzierà 20 milioni di dollari per “sostenere gli sforzi di voto attraverso l’educazione digitale degli elettori e il rinvio in tribunale delle leggi sulla soppressione degli elettori”.

Sebbene sia improbabile che il Senato di 100 membri ottenga i 60 voti necessari per far avanzare la maggioranza della legislazione, Schumer si è concentrato sull’unione di tutti i 50 democratici e indipendenti martedì per creare un problema simile a quello che è passato alla Camera dei rappresentanti Dibattito sul disegno di legge. rappresentante.

Ciò richiede Manchin vincente, che si oppone al disegno di legge della Camera.

Uno degli obiettivi del Partito Democratico è espandere il voto anticipato nelle elezioni presidenziali e congressuali, rendere più facile il voto per corrispondenza e garantire che alcuni contributi elettorali siano più trasparenti. Il loro disegno di legge mira anche a eliminare il pregiudizio di parte che si verifica una volta ogni dieci anni nei distretti congressuali, che è il cuore della democrazia americana.

I repubblicani credono che la Costituzione degli Stati Uniti dia agli Stati il ​​potere di formulare i propri metodi di voto. Ma la Costituzione consente anche a Washington di modificare queste regole, ei Democratici sostengono che stanno solo fissando standard minimi per gli stati.

Il leader della minoranza repubblicana Mitch McConnell (Mitch McConnell) ha sottolineato che il disegno di legge si basa su un disegno di legge presentato per la prima volta alla Camera dei rappresentanti nel 2019, prima delle elezioni del 2020 e delle sue caotiche conseguenze.

McConnell ha dichiarato: “Hanno messo in chiaro che la vera forza trainante dell’S-1 è il desiderio di manipolare in modo permanente le regole elettorali americane a favore del Partito Democratico”. “Ecco perché il Senato non sarà disastroso. Eventuali commenti su la proposta.”

I sondaggi Reuters/Ipsos mostrano che gli americani generalmente vogliono ampliare le opportunità di voto e molti si oppongono a misure più restrittive prese dalle legislazioni statali controllate dai repubblicani.

Un sondaggio condotto dall’11 al 17 giugno ha mostrato che il 59% degli adulti si è opposto alla riduzione del tempo di voto anticipato, mentre il 25% degli adulti è favorevole.

Se gli sforzi del Partito Democratico falliscono, Georgia, Iowa e Florida attueranno nuove misure di controllo del voto in preparazione delle elezioni di medio termine del 2022. L’obiettivo dei repubblicani è riprendere il controllo del Senato e della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti.

Le contestazioni in tribunale possono far sì che alcune di queste leggi vengano colpite.

Ma Wendy Weiser, un’esperta elettorale presso il Brennan Judicial Center, ha affermato che i casi giudiziari erano “ovviamente insufficienti”. Poiché le decisioni giudiziarie possono richiedere molto tempo, “passeranno centinaia di elezioni statali, locali e federali” e vengono emanate regole più severe.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *