Il piano di test e monitoraggio britannico frustrato nella seconda ondata

[ad_1]

Secondo un rapporto della National Expenditure Regulatory Agency, il programma di rilevamento e monitoraggio del Regno Unito è fallito sotto la pressione della seconda ondata di coronavirus in inverno.Il rapporto ha avvertito che quando il tasso di infezione è sceso bruscamente dal suo picco, il sistema è stato ancora colpito dalla performance di aprile Scarsa influenza.

Il National Audit Office ha dichiarato che le prestazioni del NHS Test & Trace “erano ben al di sotto del suo obiettivo quando il numero di casi è aumentato drasticamente a dicembre”.

Quando è scoppiata la seconda ondata alla fine dello scorso anno, invece di invertire tutti i risultati dei test PCR gold standard gold entro 24 ore Come promesso dal primo ministro Boris Johnson, il suo tasso di rendimento è solo del 17%. Ad aprile, questo numero era tornato al 90%, poiché la domanda di test è diminuita, con diverse migliaia di casi al giorno, che era inferiore al picco di quasi 70.000 casi al giorno a gennaio.

Tuttavia, l’Ufficio nazionale di audit ha rilevato che entro poche settimane di aprile gli obiettivi relativi ai tempi di consegna dei test e alla tracciabilità dei contatti non erano ancora stati raggiunti. “[Test and Trace] È inoltre necessario ridurre ulteriormente il tempo totale necessario per raggiungere tutti i casi e i loro contatti”, ha affermato.

Questo rapporto, che si concentra sul periodo da novembre ad aprile, ha rilevato che durante questo periodo solo il 57% dei risultati dei test è stato restituito entro 24 ore.

Il rapporto ha anche messo in dubbio l’efficacia dei programmi di test su larga scala per le persone asintomatiche, sottolineando che il tasso di test rapidi Covid-19 registrato per l’uso è molto basso.

Il kit di autotest è stato progettato per consentire il ritorno in aula e allentare altre restrizioni: è stato lanciato a ottobre, ma a fine maggio sono stati registrati nel sistema solo 960.000 risultati dei 693 milioni di test a flusso laterale distribuiti.

Il numero di contagi in tutto il Regno Unito sta ricominciando a salire. Giovedì sono stati segnalati 16.703 casi di Covid-19, il numero giornaliero più alto dall’inizio di febbraio.

Meg Hillier, presidente del Comitato per i conti pubblici, ha affermato che il piano “deve essere urgentemente migliorato” per fornire servizi efficaci, aggiungendo che deve “padroneggiare alcune parti fondamentali del processo, come essere tempestivo con tutti i test fornisce, le persone appaiono Vieni a essere testato quando hai sintomi e segui l’autoisolamento “.

Timeline per i rapporti altamente critici, secondo Fornito da NAO, che copre gli ultimi sei mesi del ruolo della signora Dido Harding come capo progetto, che ha viso Dalla sua istituzione nel maggio dello scorso anno, è stato duramente criticato. Harding non ha risposto a una richiesta di commento e ha recentemente annunciato che sarebbe stata candidata per il prossimo capo del NHS nel Regno Unito.

I regolatori criticano i test del SSN e la gestione del monitoraggio per non essere riusciti a “ridurre la dipendenza” Consulente di gestione Nonostante la promessa di farlo. Ad aprile di quest’anno, i consulenti rappresentavano quasi la metà della forza lavoro e questo numero è leggermente aumentato da dicembre, raggiungendo circa 2.200.

NAO ha anche scoperto che la conformità con il sistema di tracciamento dei contatti era “bassa o variabile”. Ha aggiunto che mentre la cooperazione con le autorità locali “è migliorata”, i team locali di monitoraggio dei contatti “non sono ancora stati in grado di accedere a tutti i dati di cui hanno bisogno”.

Il capo della NAO Gareth Davies ha riconosciuto che il piano ha subito “molti cambiamenti” dall’inverno, compresa l’introduzione di test asintomatici su larga scala e test di sovratensione per limitare la diffusione delle mutazioni, ma ha affermato che il sistema non funziona ancora.

“Alcune sfide urgenti devono essere affrontate se [NHS Test & Trace] È raggiungere i suoi obiettivi e creare valore per i contribuenti, compresa la comprensione di quanti dispositivi sidestream vengono effettivamente utilizzati e l’aumento della conformità pubblica con i test e l’autoisolamento”, ha affermato.

Il rapporto ha sottolineato che NHS Test & Trace ha speso solo tre quinti del suo budget annuale di 22,2 miliardi di sterline, ma stava ancora sprecando denaro per la capacità del call center “inutilizzata”.

Il regolatore ha anche avvertito che la continua inclusione del piano nella nuova Agenzia per la salute e la sicurezza del Regno Unito potrebbe “distogliere l’attenzione del NHS T&T dagli sforzi per contenere la diffusione del virus”.

Il governo ha dichiarato: “I test e il monitoraggio a livello nazionale stanno salvando vite ogni giorno e ci aiutano a mandare in ritirata questo virus rompendo la catena di trasmissione e rilevando eventuali focolai esistenti”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *