Il presidente argentino cerca di contenere l’impatto del blocco delle foto del partito

[ad_1]

Da settimane si registrano segnalazioni di visite illegali alla residenza del presidente dell’Argentina, dal parrucchiere della First Lady Fabiola Yáñez all’addestratore del cane Dylan del presidente Alberto Fernandez.

Ma una foto trapelata di recente di Fernandez che sorride con una dozzina di altri partecipanti mentre celebra il compleanno di Yanez in casa senza maschera e dopo il coprifuoco lo scorso luglio, ora mette il governo sulla difensiva.

Da più di un anno la gestione della pandemia da parte di Fernandez è sotto tiro.Imponendo alcuni dei mondi Il limite più severo In termini di viaggi, affari e istruzione, il numero di casi e decessi pro capite è ancora in forte aumento.

A febbraio, uno scandalo che ha coinvolto un membro del governo ben collegato che si è messo in fila per la vaccinazione ha portato a Dare le dimissioni Il ministro della Salute Ginés González García.

Ma il recente trambusto per le visite – verificatosi durante la fase più rigorosa del blocco argentino Covid-19 nel 2020, quando migliaia di negozi sono stati chiusi e la circolazione delle persone estremamente limitata – potrebbe causare più danni politici, meno che nel mezzo di partecipazione dei cittadini Un mese prima del voto primario, questo può influenzare l’equilibrio di potere nella Camera dei Comuni.

La scorsa settimana, un gruppo di manifestanti ha portato migliaia di pietre con i nomi delle vittime della nuova polmonite della corona al palazzo presidenziale di Rosada, che ha mostrato una crescente delusione nei confronti del governo e ha avviato una procedura di impeachment contro il presidente.

In risposta, gli alleati del governo hanno fatto trapelare il filmato rimanente del partito, sperando che lo scandalo continuasse nei prossimi giorni invece di essere nuovamente colpito da nuove fughe di notizie durante la settimana elettorale.

“Mi sono reso conto [the birthday party] Non dovrebbe succedere”, ha detto Fernandez in una scusa pubblica all’inizio di questo mese. “Mi dispiace, è successo e non accadrà di nuovo. “

All’esterno di Casa Rosada vengono collocate pietre con i nomi delle vittime del Covid © AFP via Getty Images

Mariel Fornoni, direttore dell’agenzia di consulenza di M&F, ha affermato che il calo del tasso di approvazione di Fernández – dal picco del 57% all’inizio del blocco all’attuale 34% – gli consentirà di ottenere più sostegno nel Congresso e nel pubblico. Compito difficile.

“Prima degli ultimi due anni del mandato, il governo ha bisogno di una vittoria per ricostruire la sua leadership indebolita e, nel campo dell’opposizione, qualsiasi vincitore può continuare a lanciare la sua campagna presidenziale del 2023”, ha affermato Fononi.

Sebbene la probabilità di successo dell’impeachment sia estremamente bassa dato che il partito Peron di Fernández ha la maggioranza assoluta al Senato, il cambiamento di slancio è sufficiente per spingere Christina Fernandez de Kirchner, l’ex presidente e l’attuale vicepresidente sono ampiamente considerati Il vero potere dell’attuale governo ——Rompi il suo solito silenzio pubblico.

“Non essere arrabbiato o nervoso, Alberto, perché quando sarai il presidente del governo popolare, eventuali errori o azioni illegali saranno ingigantiti ed esacerbati per far arrabbiare il popolo, e coloro che tradiscono il Paese sono spudoratamente protetti dalla censura”. Fernandez De Kirchner ha detto in un discorso al suo centro di supporto nella comunità operaia dell’isola di Marsir, alla periferia della Grande Buenos Aires.

Lì si decideranno le prossime elezioni di midterm. Il partito che ha vinto la provincia di Buenos Aires, dove vive circa un terzo della popolazione argentina, è spesso indicato dai media come il vincitore di qualsiasi elezione di medio termine argentina, specialmente quando il risultato non è favorevole ai peronisti, di solito sono locali. Il precursore.

Le primarie argentine si sono svolte il 12 settembre e le elezioni di medio termine due mesi dopo si terranno il 14 novembre, quando saranno eletti metà della Camera dei Comuni e un terzo del Senato. L’insolito sistema elettorale, con voto obbligatorio per le elezioni primarie e per le elezioni, significa che le elezioni primarie possono prevedere il risultato finale con ragionevole accuratezza, proprio come nel 2019.

Il duo peronista di Fernandez e Fernandez de Kirchner ha ancora il vantaggio, in particolare il loro fronte unito, che non era il caso delle sconfitte precedenti.

Hanno anche cercato di distogliere l’attenzione degli elettori sul crollo macroeconomico di Mauricio Macri durante la sua presidenza negli ultimi due anni, credendo che l’opposizione stia usando la pandemia per cambiare argomento.

“Prima di tutto hanno detto che il vaccino non avrebbe funzionato, e ora stanno cercando di trasformare in realtà questo quadro che non piace a nessuno. Bisogna convincere gli elettori che, essendo passata la peggiore epidemia, il pericolo più grande è la seconda ondata di Macri. delle politiche”, ha detto al Financial Times il legislatore, alleato di Fernández de Kirchner nella provincia di Leopoldo Moreau, che si candida per un nuovo mandato a Buenos Aires.

Entrambe le parti dovranno affrontare una dura lotta per attirare persone sempre più diffidenti nei confronti della politica, che non sono riuscite a fermare l’impennata dell’inflazione durante la loro amministrazione, che è la questione più preoccupata per la maggior parte degli argentini.

“La gente è molto arrabbiata con i politici”, ha detto Vernoni. “Un quarto delle persone si rifiuterà di rispondere a qualsiasi sondaggio telefonico una volta scoperto che è legato alla politica, che è superiore al solito 10%”.

Un sondaggio della sua agenzia M&F ha mostrato che il 91% degli intervistati era a conoscenza dello scandalo della residenza presidenziale e uno su cinque ha affermato che potrebbe influire sul loro voto.

Sebbene ritenga che questi numeri diminuiranno inevitabilmente nelle prossime settimane, sono ancora insolitamente alti rispetto ai tipici scandali di corruzione.

“Questo almeno risuona con i membri della famiglia che non possono dire addio ai loro cari. Per alcuni, questa potrebbe essere l’ultima goccia, perché sei argentini su dieci sono già pessimisti sul futuro del Paese”, ha detto Fono Ni.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *