Il presidente di Toshiba respinge la chiamata a ritirarsi dallo scandalo sulla governance governance

[ad_1]

Il presidente del consiglio di amministrazione di Toshiba ha respinto la richiesta degli azionisti di dimettersi e ha sottolineato che il suo compito è risolvere le turbolenze dell’azienda giapponese quando il conglomerato è in una crisi di governance più profonda.

Osamu Nagayama ha rifiutato di dimettersi perché la società si sta preparando per la seconda riunione di emergenza degli azionisti quest’anno dopo aver rilasciato una dichiarazione. Rapporto indipendente Ciò ha messo in luce la cooperazione della società con il governo giapponese per sopprimere gli investitori radicali.

Il rapporto sulla maledizione include che i dirigenti di Toshiba hanno discusso delle accuse di “battere” alcuni azionisti con funzionari del Ministero dell’Economia, del Commercio e dell’Industria e hanno concluso che l’incontro annuale di Toshiba del 2020 non è stato condotto in modo equo.

L’inchiesta ha anche affermato che il primo ministro giapponese Yoshihide Suga conosceva direttamente il movimento anti-radicale di Toshiba quando era segretario di gabinetto capo l’anno scorso. Suga ha negato questa affermazione.

Lunedì Changshan ha tenuto una conferenza stampa di 75 minuti per incolpare la crisi di Toshiba dell’ex CEO Nobuaki Kuraya, che è stato costretto a dimettersi ad aprile. Ha detto che la causa principale dei problemi della società era “una certa posizione conflittuale contro gli azionisti” istigata da Chegugu.

Nagayama ha riconosciuto le richieste per le sue dimissioni e ha riconosciuto che la governance della società era imperfetta, e la società ha sofferto di scandali contabili, fallimenti e umiliazioni dal 2015 ed è stata declassata alla seconda sezione della Borsa di Tokyo.

“Il consiglio deve affrontare questa situazione il prima possibile normalizzando le operazioni”, ha detto, aggiungendo che il suo compito è quello di affrontare le turbolenze.

“Responsabile [by stepping down] Oltre alla responsabilità di adempiere ai miei obblighi, voglio concentrarmi sull’adempimento delle mie responsabilità”, ha affermato.

I commenti di Nagayama sono arrivati ​​quando Institutional Shareholder Services, un servizio di consulenza di un’agenzia, ha dichiarato che avrebbe raccomandato agli azionisti di votare contro la sua nomina a presidente all’assemblea generale annuale della prossima settimana.

Un grande investitore è stato “scioccato” dai commenti di Nagayama, dalla mancanza di scuse e dall’incapacità di ritenersi responsabile nonostante la supervisione del consiglio di amministrazione e del comitato per le nomine.

Uno dei maggiori azionisti di Toshiba ha dichiarato che Yongshan “sembra un turista” e non ha spiegato perché pensa di essere adatto a guidare l’organizzazione.

Seguì la conferenza stampa di Changshan Riunione d’emergenza del consiglio di amministrazione di Toshiba per la maratona Domenica, un membro della società ha affermato che ciò ha comportato diversi feroci conflitti mentre la società ha intrapreso la sua prossima linea di condotta.

Dopo l’incontro, Toshiba ha dichiarato che avrebbe rimosso i due membri del consiglio nominati dalla sua raccomandazione. Entrambi sono membri del comitato di audit, che ha concluso che non vi è stato alcun illecito nell’assemblea generale annuale degli azionisti dello scorso anno. Il rapporto indipendente confuta direttamente questa constatazione.

L’ISS ha risposto alla nuova nomina dei direttori di Toshiba, affermando che Changshan “ha la maggiore responsabilità nella nomina dei candidati ed è in ultima analisi responsabile delle azioni del consiglio di amministrazione”.

“Le preoccupazioni degli azionisti si intensificheranno perché continuerà a servire come presidente del consiglio dopo questo board [AGM]”, ha aggiunto.

Le azioni Toshiba sono aumentate del 2,7% lunedì.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *