Il presidente eletto iraniano Ibrahim Raisi esprime una posizione forte sull’accordo nucleare

[ad_1]

Il neoeletto presidente iraniano ha dichiarato che il suo governo assumerà una posizione più dura nei negoziati sull’accordo nucleare firmato tra Teheran e le potenze mondiali nel 2015. In precedenza aveva vinto un sondaggio, consentendo agli intransigenti di controllare completamente tutti i settori del Paese. .

Il pastore conservatore e procuratore generale Ibrahim Reisi ha detto ai giornalisti che il suo governo non “negozierà per motivi di negoziazione” ed esclude la possibilità di incontrare il presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

“La nostra politica estera non è iniziata con il JCPOA [the nuclear deal] E non finirà con il JCPOA”, ha detto Raisi ai giornalisti durante la prima conferenza stampa dopo la vittoria schiacciante di venerdì. “Sosterremo qualsiasi negoziato che sia nel nostro interesse nazionale. Ma non collegheremo la situazione economica e il sostentamento delle persone a questi colloqui. .. Non ritarderemo la negoziazione. “

Tuttavia, ha suggerito che il suo governo, che entrerà in carica ad agosto, lavorerà sull’accordo morente. Gli analisti hanno affermato che la revoca delle sanzioni è vitale per le speranze di Lai Xi di alleviare la pressione economica sugli iraniani.

Gli acquirenti al Grand Bazaar di Teheran domenica. Gli analisti ritengono che la revoca delle sanzioni sia essenziale per Raisi per ridurre la pressione economica sugli iraniani © Morteza Nikoubazl/AFP/Getty

Con più della metà degli elettori rimasti a casa, la sua vittoria è stata influenzata dalla più bassa affluenza alle elezioni presidenziali dalla rivoluzione del 1979.

Biden ha dichiarato che se l’Iran rispetterà l’accordo dopo aver aumentato significativamente le sue attività nucleari negli ultimi due anni, si unirà all’accordo abbandonato unilateralmente dall’amministrazione Trump nel 2018. Il regime islamico insiste sul fatto che tutte le sanzioni statunitensi devono essere prima revocate – e le sanzioni revocate devono essere verificate – prima di poter riprendere i suoi impegni.

“Sono stati gli Stati Uniti a violare il JCPOA”, ha detto Raisi. “Insisto nel dire agli Stati Uniti che avevi promesso di revocare le sanzioni, ma non l’hai fatto. Torna al passato e mantieni le tue promesse”.

In qualità di creatore dell’accordo, il governo del presidente uscente Hassan Rouhani ha negoziato per mesi con i restanti firmatari dell’accordo – Gran Bretagna, Francia, Germania, Cina e Russia. sanzioni. Gli Stati Uniti sono sempre stati osservatori dei colloqui, ma non hanno partecipato direttamente.

Quando gli è stato chiesto se il suo governo è disposto a negoziare direttamente con l’amministrazione Biden, Reisi non ha dato una risposta chiara, anzi ha detto: “La mia proposta seria agli Stati Uniti… è mostrare onestà revocando le sanzioni”.

Dopo che Trump si è ritirato dall’accordo e ha imposto ondate di sanzioni all’Iran, l’economia iraniana è caduta in una profonda recessione. Le misure punitive hanno indebolito la capacità di esportare petrolio, il paese è la principale fonte di valuta forte del paese, e hanno spinto il tasso di inflazione a oltre il 46% quando il rial è crollato. La crisi del coronavirus ha aggravato la recessione economica.

Raisi, che è ampiamente considerato sostenuto dal leader supremo Ayatollah Ali Khamenei, ha insistito sul fatto che il sostegno dell’Iran ai gruppi militanti in tutta la regione e lo sviluppo del suo programma missilistico “non hanno spazio per negoziazioni”.

L’amministrazione Biden subisce pressioni da Stati Uniti e Israele e dai suoi partner arabi Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti per espandere qualsiasi accordo con l’Iran per includere questi problemi. Dicono che Teheran ha destabilizzato la regione e minacciato la loro sicurezza. L’Iran ha ribattuto che il suo sostegno alla milizia e al suo arsenale missilistico è un deterrente vitale. Qualsiasi decisione sulle principali questioni di politica estera viene presa da Khamenei.

Raisy è stato sanzionato dall’amministrazione Trump nel 2019 e ha anche confutato le accuse di abuso di potere da parte della sua supervisione della magistratura, affermando che i suoi documenti dimostrano che è un “difensore” dei diritti umani.

Le accuse contro i diritti umani del presidente entrante potrebbero complicare ulteriormente le relazioni dell’Iran con l’Occidente. “Come giurista, ho sempre difeso i diritti delle persone”, ha detto. “I diritti umani sono della massima importanza per la mia responsabilità”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *