Il presidente polacco firma un disegno di legge per limitare le richieste di proprietà, Israele furioso Reuters

[ad_1]

© Reuters. File photo: Il presidente polacco Andrzej Duda parla in una conferenza stampa a Kiev, Ucraina, 12 ottobre 2020. REUTERS/Valentyn Ogirenko/Piscina/File Photo

Varsavia (Reuters)-Il presidente della Polonia ha deciso di firmare un disegno di legge che limiterebbe la capacità degli ebrei di recuperare le proprietà sequestrate dagli occupanti tedeschi nazisti e trattenute dai governanti comunisti del dopoguerra. Ciò ha suscitato l’indignazione di Israele. l’antisemitismo della legge.

In una dichiarazione rilasciata sabato, Andrzej Duda ha dichiarato: “Ho preso una decisione oggi sul disegno di legge. Negli ultimi mesi, il disegno di legge ha suscitato dibattiti accesi e accesi in patria e all’estero. “Dopo un’analisi approfondita, ho deciso di firmare il emendamento.”

Prima della seconda guerra mondiale, la Polonia era una delle più grandi comunità ebraiche del mondo, ma è stata quasi completamente spazzata via dai nazisti e gli ex proprietari di proprietà ebrei e i loro discendenti hanno combattuto per ottenere un risarcimento.

Finora, le diaspore ebraiche o i loro discendenti possono affermare che la loro proprietà è stata sequestrata illegalmente e chiederne la restituzione, ma i funzionari polacchi ritengono che ciò abbia portato a incertezze sulla proprietà della proprietà.

Nel 2015, la Corte costituzionale polacca ha stabilito che dovrebbe essere fissato un termine specifico dopo il quale le decisioni amministrative sulla proprietà non possono più essere impugnate. All’inizio di questa settimana, il parlamento polacco ha approvato modifiche alla legge.

La legge prevede un periodo di 30 anni per le richieste di risarcimento.

La questione dei diritti di proprietà degli ebrei in Polonia è più complicata perché, a differenza di altri paesi dell’UE, non costituisce un fondo per risarcire le persone le cui proprietà sono state sequestrate.

“Legge immorale”

Il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha condannato la legge e ha affermato che Israele non sosterrà la sua approvazione. “Questa è una decisione vergognosa, un vergognoso disprezzo per la memoria dell’Olocausto”, ha affermato in una nota.

Il ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid ha dichiarato: “La Polonia oggi ha approvato per la prima volta leggi antisemitiche e immorali”.

Rapid ha dichiarato in una dichiarazione: “Stanotte la Polonia è diventata un paese antidemocratico e non libero e non rispetta la più grande tragedia della storia umana”.

Rapid ha affermato che in questa fase non verrà inviato alcun nuovo ambasciatore a Varsavia. Ha anche consigliato all’ambasciatore polacco in Israele di prolungare le sue vacanze e di non tornare nel suo Paese.

“Dovrebbe usare il suo tempo per spiegare ai polacchi cosa significa l’Olocausto per i cittadini israeliani e fino a che punto non tollereremo il disprezzo per i ricordi di coloro che sono morti e la memoria dell’Olocausto. Questo non si fermerà qui”, disse La Peide.

Ha aggiunto che Israele sta discutendo ulteriori passi con gli Stati Uniti.

Il segretario di Stato americano Anthony Brinken ha dichiarato giovedì che Washington è profondamente preoccupata per l’approvazione del disegno di legge da parte del parlamento polacco e ha esortato Duda a non firmarlo.

Washington è uno degli alleati più importanti di Varsavia, ma le relazioni tra i due paesi sono diventate tese a causa di problemi di proprietà e altri problemi, come un piano per attuare le riforme.L’opposizione ha affermato che il piano è stato progettato per mettere a tacere i canali di notizie statunitensi che criticano Washington. . governo.

L’Organizzazione mondiale per il ritorno degli ebrei (WJRO) sabato ha esortato il governo polacco a lavorare sodo per risolvere la questione dei beni confiscati in passato.

“La democrazia e la giustizia hanno toccato nuovi minimi in Polonia perché il presidente Duda ha firmato una legge che ha reso quasi impossibile per tutti gli ex proprietari di proprietà polacchi ottenere un risarcimento per le proprietà confiscate illegalmente durante l’era comunista”, ha dichiarato Gideon Taylor, presidente delle operazioni della WJRO ( Gideon Taylor). . Un comunicato inviato a Reuters.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *