Il prezzo delle azioni di Woodside in Australia scende a causa della fusione petrolifera di BHP Billiton Reuters

[ad_1]

© Reuters. Durante un briefing per gli investitori tenutosi a Sydney, in Australia, il 23 maggio 2018, sullo schermo è stato proiettato il logo della più grande compagnia petrolifera e del gas indipendente dell’Australia, la Woodside Petroleum.Reuters/David Gray

Sonali Paul

(Reuters)-Australia Woodside (OTC:) Le azioni di Petroleum Co., Ltd. sono scese di oltre il 4% mercoledì, che è una coppia di mercato con BHP Billiton Group (NYSE: produttore di gas).

L’accordo è stato annunciato dopo la chiusura del mercato martedì e ha comportato il raddoppio della base azionaria di Woodside e la fusione e l’acquisizione della divisione petrolio e gas di BHP Billiton a premio zero per creare una società del valore di circa A $ 40 miliardi ($ 29 miliardi).

Gli azionisti di Woodside deterranno il 52% del gruppo combinato e gli azionisti di BHP Billiton deterranno il 48%.

La fusione dovrebbe essere completata a metà del 2022 e raddoppierà la produzione e il valore di mercato di Woodside.

Alcuni analisti hanno elogiato l’accordo, affermando che il calo del prezzo delle azioni riflette le preoccupazioni per un eccesso di azioni, poiché molti azionisti di BHP Billiton che vogliono sbarazzarsi dei combustibili fossili potrebbero vendere le loro azioni.

Gli analisti di CLSA hanno affermato in un rapporto: “Il prezzo di tutto questo spazio di finanziamento è un enorme surplus di azioni, che … potrebbe causare il passaggio di mano della maggior parte delle azioni di Woodside da 10 miliardi di dollari”.

“Tuttavia, sottolineiamo che Woodside 2.0 sarà fondamentalmente più attraente e, una volta che il mercato avrà assimilato nuove transazioni e nuovi titoli, le nostre raccomandazioni potrebbero diventare più positive”, ha affermato CLSA.

Tuttavia, altri sono più negativi.

Il gestore del fondo Van Eck Australia ha messo in dubbio il valore della fusione e ha affermato che potrebbe essere difficile ottenere l’approvazione degli azionisti di Woodside.

“Sebbene la fusione fornisca a Woodside una maggiore diversificazione, costringe anche la società ad affrontare l’invecchiamento dei giacimenti petroliferi e i problemi di riparazione”, ha affermato Jamie Hannah, vice capo degli investimenti per il gestore del fondo Van Eck Australia.

Il titolo è rimbalzato in parte nei primi scambi ed è sceso del 2,1% mentre il mercato più ampio è rimasto piatto. Dall’inizio della speculazione a luglio che una possibile fusione con BHP Billiton coinvolgerà un gran numero di azioni emesse, il titolo è sceso del 5%.

Woodside ha riferito in precedenza che a causa del rimbalzo dei prezzi del petrolio colpito dalla pandemia lo scorso anno, l’utile di base nella prima metà dell’anno è aumentato del 17%, ma non ha soddisfatto le aspettative dei broker e ha abbassato le previsioni di produzione annuale.

Nei sei mesi terminati il ​​30 giugno, l’utile netto di base di Woodside è passato da 303 milioni di dollari un anno fa a 354 milioni di dollari. Questo è molto inferiore alla previsione del broker di Visible Alpha di circa $ 413 milioni.

La società ha abbassato il limite massimo della sua previsione di produzione annuale da 95 milioni di boe a 93 milioni di barili di petrolio equivalente (mmboe), il che significa un calo di almeno il 7% rispetto alla produzione record dello scorso anno.

Gran parte del declino è stato dovuto al calo della produzione del suo principale progetto LNG della Northwest Shelf, che ormai sta invecchiando. Con la fusione di BHP Billiton, le azioni dell’operatore Woodside raddoppieranno a un terzo della piattaforma continentale nordoccidentale.

(1$ = 1,3782 dollari australiani)

Disclaimer: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *