Il primo dibattito elettorale in Germania rivela un divario nella politica sul cambiamento climatico

[ad_1]

Aggiornamento politico tedesco

Domenica sera, i tre candidati in lizza per succedere alla cancelliera tedesca Angela Merkel (Angela Merkel) si sono scontrati durante il loro primo dibattito televisivo e hanno avuto divergenze su come affrontare il cambiamento climatico.

Il dibattito è accompagnato da sondaggi d’opinione elezioni del 26 settembre È aperto e nessun partito può ottenere più di un quarto dei voti. Quasi alla pari sono il centrodestra Cdu/Csu e i socialdemocratici di centrosinistra, seguiti dall’opposizione dei Verdi.

Il leader della CDU/CDU e candidato primo ministro Armin Laschet (Armin Laschet) è sotto una tremenda pressione per migliorare le prestazioni del partito. Alcuni sondaggi d’opinione indicano che potrebbe essere espulso dopo 16 anni al potere. Ufficio del primo ministro.

Olaf Scholz (Olaf Scholz), candidato alla premier SPD e ministro delle finanze, ha il più alto indice di gradimento dei tre, molto più avanti dei candidati del Partito dei Verdi Laschet e Annalena Baerbock).

Nel dibattito sulle emittenti private RTL e n-tv – il primo dei tre dibattiti prima del giorno delle votazioni – i tre hanno concordato più di quanto non fossero in disaccordo, e hanno raggiunto un’ampia gamma di questioni su temi come l’Afghanistan e la pandemia di coronavirus.

Ma quando si tratta di cambiamento climatico, litigano ferocemente, questa è una domanda sollevata dallo stesso Partito dei Verdi.

Balbok ha affermato che il suo partito consegnerà il 2% del territorio tedesco alle turbine eoliche, costringerà tutte le nuove case a installare pannelli solari sui tetti, eliminerà gradualmente la lignite altamente inquinante e consentirà la vendita di auto a emissioni zero solo a partire dal 2030.

Raschelt ha affermato che il Partito dei Verdi spera di caricare le aziende tedesche con regole e divieti eccessivi. “Hai messo le catene al settore e hai detto: ‘Ora, corri più veloce'”, ha detto.

Al contrario, Laschet sottolinea la necessità di accelerare il processo di pianificazione e ridurre la burocrazia in modo che i grandi progetti energetici possano procedere più velocemente. Scholz ha affermato che la Germania deve fissare obiettivi più ambiziosi per espandere le reti di energia rinnovabile ed elettricità.

Balbok, che si è candidato per la prima volta alla carica di primo ministro dal Partito dei Verdi, ha ribattuto che gli altri partiti sono ipocriti. “Non vogliono vietare nulla perché potrebbe non essere eccezionale per la campagna”, ha detto. “Per me, sembra scioccante essere onesto.”

I tre hanno anche forti differenze sulle politiche fiscali: Schultz ha chiesto aliquote fiscali più elevate per i lavoratori ad alto reddito, mentre Rachelt, il cancelliere dello stato più popoloso della Germania del Nord Reno-Westfalia, ha escluso aumenti delle tasse. Ha detto che aumentare le tasse mentre l’economia riprende a crescere è “assolutamente stupido”.

Tuttavia, sulla maggior parte delle questioni, il livello di consenso è così alto che potrebbe essere difficile per gli elettori discernere eventuali differenze. I tre hanno convenuto che la Germania dovrebbe assumersi maggiori responsabilità nel mondo, soprattutto se i talebani prendono il controllo dell’Afghanistan, e garantire che la Bundeswehr, l’esercito tedesco, e la polizia siano adeguatamente equipaggiati.

Hanno convenuto che è necessario adottare misure per ridurre la povertà infantile ed eliminare le differenze economiche che ancora esistono tra la Germania dell’Est e la Germania dell’Ovest 30 anni dopo la riunificazione.

Il momento più teso è stato quando ai tre è stato chiesto il loro punto di vista sulla coalizione che potrebbe emergere dopo le elezioni, in particolare sulle prospettive del governo di sinistra, “rosso-rosso-verde” composto dal Partito socialdemocratico, il Partito dei Verdi e Die Linke, il partito di estrema sinistra.

Raschelt ha affrontato Schultz su questo tema, sfidandolo a escludere un’alleanza con Die Linke, che si è opposto alla NATO e ha votato contro il recente dispiegamento della Bundeswehr per salvare migliaia di lavoratori locali dall’Afghanistan.

Scholz ha detto che non si alleerà con nessun partito che non abbia assunto un chiaro impegno a sostenere la NATO. «Dici sul serio, signor Scholz?» ribatté Lashet. “Non capisco perché sia ​​difficile per te dire che non ti alleerai con questo partito.

“Gli elettori vogliono sapere se ti eleggerai primo ministro con i voti Die Linke e se nominerai il ministro Linke nel tuo gabinetto, sì o no?” Scholz ha detto che questa è una questione di “principi chiari”. “Ovviamente quelli che lo fanno non rispettare questi principi hanno problemi.” Ma ha aggiunto: “Sono gli elettori che decidono chi diventerà il prossimo primo ministro”.

Belbok ha detto nel suo discorso conclusivo che la Germania si trova di fronte a due scelte: il “business as usual” del Partito socialdemocratico e della CDU e “uno stato veramente fresco, una politica che rende davvero migliore il futuro”.

Schultz ha affermato che garantirà il “rispetto” della società attraverso salari più alti, salari minimi più elevati e pensioni stabili, nonché una maggiore attenzione ai cambiamenti climatici.

Raschelt ha detto che mentre soffia il vento del cambiamento, i tedeschi hanno bisogno di “fermezza, affidabilità e una bussola interna”. “Questa è la mia proposta, e la proposta della CDU”, ha aggiunto. “Stabilità e affidabilità in tempi difficili.”

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *