Il primo ministro ad interim di Haiti Joseph si dimetterà da Reuters questa settimana

[ad_1]

© Reuters. Immagine del file: il 13 luglio 2021, quasi una settimana dopo l’assassinio del presidente Jovenel Moise di Port-au-Prince, Haiti, il primo ministro ad interim Claude Joseph ha tenuto una conferenza stampa.Reuters/Ricardo Aduengo

André Poulter e Daphne Psaledakis

Port-au-Prince (Reuters) – Dall’assassinio del presidente Jovenel Moise il 7 luglio, Claude Joseph, che nominalmente guida Haiti come primo ministro ad interim, potrebbe essere stato già Zhou Second, trasferire il potere agli sfidanti sostenuti dalla comunità internazionale . Il funzionario ha detto.

Questo annuncio sembrava porre fine alla lotta di potere tra Joseph e Ariel Henry nei Caraibi: il neurochirurgo 71enne era stato nominato primo ministro da Moise due giorni prima della sua morte, ma non aveva ancora prestato giuramento.

Jackie Kantaf di Israele, un alto funzionario del Ministero degli Affari Esteri haitiano, ha affermato che Joseph era responsabile dopo l’assassinio di Moise di aiutare a garantire la continuità del paese, ma ora che c’è un consenso sul futuro del paese e la protesta si è calmata, ha Trasferisci il potere a Henry.

Kantarf ha detto che il Consiglio dei ministri haitiano si riunirà lunedì e, se tutto andrà bene, Joseph potrà cedere il potere a Henry alla cerimonia di martedì.

Reuters non ha potuto contattare immediatamente Joseph per telefono per un commento.

Quando l’aggressore armato di fucile d’assalto ha attaccato la sua casa privata sulla collina sopra Port-au-Prince, Moise è stato ucciso. In un momento in cui è aumentata la violenza delle bande, migliaia di persone sono state sfollate e l’attività economica è stata ostacolata, l’assassinio ha gettato il paese più povero delle Americhe nell’incertezza politica.

Joseph ha dichiarato al Washington Post in un’intervista pubblicata lunedì che lui ed Henry si erano incontrati in privato la scorsa settimana. Domenica, ha accettato di dimettersi “a beneficio del paese” ed era disposto a trasferire il potere “il prima possibile”. .” possibile. “

Haiti, un paese con una popolazione di circa 11 milioni di abitanti, ha cercato di raggiungere la stabilità dalla caduta della dittatura della dinastia Duvalier nel 1986, e ha lottato con una serie di colpi di stato e interventi stranieri.

Sabato, il “gruppo centrale” di ambasciatori e rappresentanti internazionali ha esortato https://www.reuters.com/world/americas/martine-moise-widow-assassinate-president-returns-haiti-2021-07-18 “a formare un consenso e un governo tollerante.”

L’organizzazione ha dichiarato: “Per questo motivo, incoraggiamo vivamente il primo ministro nominato Ariel Henry a continuare la missione affidatagli per formare un tale governo”.

Il nucleo centrale è composto da ambasciatori di Germania, Brasile, Canada, Spagna, Stati Uniti, Francia e Unione Europea, nonché rappresentanti speciali delle Nazioni Unite e dell’Organizzazione degli Stati americani.

L’organizzazione ha anche chiesto che vengano organizzate al più presto “elezioni legislative e presidenziali libere, eque, trasparenti e credibili”.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha detto lunedì che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha accolto con favore le notizie secondo cui i politici haitiani hanno discusso delle modalità di cooperazione dopo l’assassinio.

Henry ha detto a Reuters il 9 luglio che credeva che Joseph non fosse un primo ministro ad interim, ma un ministro degli esteri già nominato.

“La mia installazione dovrebbe essere completata il prima possibile. Sto cercando di formare un governo, sto consultando e dovrei accelerare la mia consulenza”, ha detto in un’intervista.

Il capo della polizia colombiana ha dichiarato venerdì che https://www.reuters.com/world/americas/haiti-justice-min-ex-official-could-have-ordered-moise-killing-colombia-police-2021-07- 16 assassinio Potrebbe essere stato ordinato da un ex funzionario del Dipartimento di Giustizia haitiano sulla base del fatto che un’indagine preliminare ha coinvolto americani haitiani ed ex soldati colombiani.

Martine Moise, la vedova del presidente assassinato, è tornata ad Haiti sabato per partecipare al suo funerale dopo essere stata curata in un ospedale di Miami per le ferite riportate nell’attacco.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *