Il produttore prevede che entro il 2025 la metà di tutte le biciclette vendute in Europa sarà elettrica

[ad_1]

Uno dei maggiori fornitori europei di componenti per biciclette elettriche prevede che entro il 2025 metà delle biciclette a pedali vendute in Europa saranno dotate di motori, evidenziando i rapidi cambiamenti nei trasporti accelerati dalla pandemia.

Claus Fleischer, CEO di Bosch eBike Systems, ha affermato che poiché i consumatori hanno trovato nuovi modi per spendere tempo e denaro extra, le vendite di biciclette elettriche sono aumentate alle stelle durante la pandemia.

Con la crescita più forte nelle città, ciò riflette anche il desiderio dei pendolari di evitare i trasporti pubblici e le auto per evitare la folla e la congestione del traffico, utilizzando metodi di viaggio più rispettosi dell’ambiente.

“Secondo le nostre previsioni, nei prossimi tre o quattro anni, ogni due biciclette nel mercato principale europeo dovrebbe essere una bicicletta elettrica”, ha affermato il capo del gruppo privato che fornisce batterie, motori e sistemi di visualizzazione ai produttori di biciclette.

Il capo dipartimento di Bosch prevede che il tasso di crescita annuale delle vendite di biciclette elettriche tornerà al livello pre-pandemia del 20-25% e nel 2020 il tasso di crescita annuale di molti paesi europei supererà il 40%.

Ha portato la prevista crescita delle due ruote elettriche nel continente africano, soprattutto per coloro che vogliono spostarsi per uscire dal lavoro senza dover sudare tanto quanto andare in bicicletta.

“Abbiamo eliminato tutte le scuse per non andare in bicicletta. Se non trovi scuse, alla gente piacerà guidare sempre più a lungo”, ha affermato Fleischer. I mercati principali della sua azienda includono Germania, Paesi Bassi, Belgio e Lussemburgo. , Austria e Svizzera.

Questi veicoli sono anche relativamente economici rispetto alle auto: il costo delle biciclette elettriche va dai 2.000 euro per i modelli entry-level agli oltre 10.000 euro per i modelli top forniti da Bosch.

Dopo i viaggi in città, le mountain bike e le bici da turismo sono la seconda categoria più popolare di bici elettriche.

Secondo i dati della European Bicycle Industry Federation (Conebi), un organismo del settore, lo scorso anno in Europa sono state vendute 4,5 milioni di biciclette elettriche, con un aumento del 34% rispetto al 2019 e che rappresentano un quinto delle vendite totali di biciclette.

“Le biciclette elettriche sono di gran lunga l’auto elettrica più venduta sul mercato europeo”, ha affermato Manuel Marsilio, direttore generale di Conebi.

Conebi ha affermato che il valore delle parti e degli accessori per biciclette prodotti in Europa raggiungerà i 3 miliardi di euro nel 2020, ma si prevede che raddoppierà entro il 2025.

Fleischer ha affermato che la catena di fornitura della bicicletta sta tornando in Europa da paesi asiatici come Taiwan, Cina e Vietnam. Circa l’80% delle biciclette elettriche vendute in Europa lo scorso anno sono state prodotte nell’Europa continentale.

Tuttavia, ha avvertito che la continua crescita delle biciclette elettriche si basa su regolamenti e infrastrutture. Le biciclette elettriche sono considerate equivalenti ai normali carrelli in Europa, quindi possono utilizzare le piste ciclabili, ma l’industria è cauta nel ridurre la velocità massima alla quale il motore si interrompe.

“Abbiamo tutti i diritti e gli obblighi delle biciclette”, ha aggiunto. “Questo è il valore più grande che abbiamo. Non permetteremo a nessun decisore politico di cambiarlo”.

Fleischer ha affermato che la carenza di componenti elettronici non ha interrotto la produzione, ma non esclude che ciò influenzerà la produzione entro la fine dell’anno.

Ciò è in netto contrasto con la carenza di parti meccaniche che interrompono la produzione globale di biciclette.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *